HomeSaluteCuore e circolazioneSviluppato farmaco antipiastrinico senza rischio di sanguinamento

Sviluppato farmaco antipiastrinico senza rischio di sanguinamento

(Farmaco antipiastrinico-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago hanno sviluppato un nuovo farmaco antipiastrinico che previene la formazione di coaguli di sangue senza causare un aumento del rischio di sanguinamento, un effetto collaterale comune a tutti i farmaci antipiastrinici attualmente disponibili.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine descrive il farmaco e i suoi meccanismi di somministrazione e mostra nei modelli animali che il farmaco è anche un trattamento efficace per l’infarto. secondo quanto riferisce  Xiaoping Du, Professore di farmacologia e medicina rigenerativa presso il College of Medicine, UIC che ha guidato la ricerca. Sfortunatamente, gli attuali farmaci antipiastrinici prevengono la coagulazione del sangue che causa infarto e ictus, ma interrompono anche la capacità delle piastrine di fermare il sanguinamento se un vaso sanguigno è lacerato”, ha detto Du. “In alcuni casi, un’emorragia grave può essere pericolosa per la vita. La magia di questo nuovo farmaco è che previene la formazione di coaguli, ma non rende le persone soggette a sanguinamento, cosa che altri farmaci antipiastrinici non sono riusciti a fare“.

- Advertisement -

In uno studio precedente, Du e i suoi colleghi hanno identificato un meccanismo di segnalazione importante nel processo di coagulazione del sangue, ma non necessario per la capacità delle piastrine di aderire a una ferita e prevenire il sanguinamento. Sulla base di questa scoperta, i ricercatori hanno individuato un peptide per indirizzare il meccanismo di segnalazione e hanno progettato una nanoparticella che ha consegnato con successo il peptide nelle piastrine. Il farmaco a base di nanoparticelle derivato dal peptide – chiamato nanoparticella peptidica ad alto carico M3mP6, di HLPN – è stato quindi testato nei topi come possibile trattamento per gli attacchi di cuore.

Vedi anchde:Dal veleno di serpente un farmaco antipiastrinico

Un attacco di cuore può causare insufficienza cardiaca e morte in due modi diversi. “Il danno iniziale causato dal coagulo, blocca il flusso sanguigno e riduce l’apporto di ossigeno. Questo in genere viene trattato con una procedura chiamata angioplastica e uno stent per aprire l’arteria, in combinazione con farmaci antipiastrinici per evitare nuovi coaguli. Tuttavia, il sangue fresco che scorre nel tessuto cardiaco danneggiato in seguito alla riapertura dell’arteria può innescare l’infiammazione, causando perdite e coaguli nei piccoli vasi sanguigni e ulteriori danni al cuore”, ha detto Du.

Xiaoping Du (Foto: Joshua Clark)

“Questo è chiamato danno da riperfusione e questo è il secondo modo in cui un attacco di cuore può portare a insufficienza cardiaca o morte“, ha spiegato Du. “Speravamo che questo nuovo farmaco, che non causa perdite di vasi sanguigni, aiutasse a limitare il danno da riperfusione e a ridurre la possibilità di insufficienza cardiaca e morte e la nostra ipotesi si è dimostrata corretta: abbiamo visto risultati molto promettenti dal nostro studio“.

- Advertisement -

Nello studio, tra i topi che hanno ricevuto il trattamento, somministrato per iniezione, si sono verificati danni al cuore ridotti, ridotta coagulazione e ridotta infiammazione. I topi mostravano anche una migliore funzione cardiaca e una migliore sopravvivenza. “È molto eccitante vedere risultati così promettenti in laboratorio e speriamo di poter testare il farmaco un giorno, sugli esseri umani”, ha aggiunto Du.

Coautori del documento sono Aiming Pang, Ni Cheng, Yujie Cui, Yanyan Bai, Zhigang Hong, Yaping Zhang, Claire Chang, Can Wang, Alexander Zakharov, Kasim Kabirov, Jalees Rehman, Asrar Malik e Aleksander Lyubimov del Dipartimento di Farmacologia e Medicina Rigenerativa all’UIC; Chang Liu, Paola Leon Plata e Ying Liu del Dipartimento di Ingegneria Chimica dell’UIC; e M. Keegan Delaney, Randal Skidgel e Minyi Gu di Dupage Medical Technology Inc.

Fonte:Today UIC

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...