Studio indaga sulle principali cause di infarto nelle donne

infarto

 I risultati iniziali di uno studio sulla dissezione spontanea dell’arteria coronaria, una delle principali cause di infarto nelle donne, sono riportati oggi in una sessione scientifica tardiva al Congresso ESC 2018. 

La Professoressa Jacqueline Saw, ricercatrice principale della University of British Columbia, Vancouver, Canada, ha dichiarato: “La dissezione spontanea dell’arteria coronarica (SCAD) provoca circa un terzo degli attacchi cardiaci nelle donne sotto i 60 anni. I progressi nelle tecniche di imaging intracoronarico hanno migliorato la diagnosi, ma sappiamo ancora molto poco della causa e della storia naturale della SCAD”.

La dissezione spontanea dell’arteria coronarica si verifica quando il rivestimento di un’arteria che fornisce sangue al cuore si strappa dallo strato esterno dell’arteria. Il sangue cola nello spazio tra gli strati e forma un grumo, che restringe l’arteria e limita il flusso sanguigno. I sintomi sono simili a quelli di un attacco di cuore e includono dolore al petto, battito cardiaco accelerato, dolore alle braccia, alle spalle o alla mascella e sensazione di nausea, mancanza di respiro, sudore.

Se hai dolori al petto o altri sintomi, chiama immediatamente l’emergenza.

Il trattamento mira a ripristinare il flusso di sangue al cuore. Alcuni pazienti ricevono solo farmaci, mentre altri subiscono una procedura per aprire l’arteria con uno stent o bypassando chirurgicamente l’arteria.

Lo studio canadese SCAD ha esaminato la presentazione clinica, la storia naturale, il trattamento e gli esiti della condizione. I ricercatori hanno arruolato in modo prospettico 750 pazienti che presentavano in modo acuto la dissezione spontanea dell’arteria coronarica  in 20 centri in Canada e in due centri negli Stati Uniti tra il 2014 e il 2018. La diagnosi di SCAD è stata giudicata da un laboratorio di angiografia. All’inizio dello studio, sono state raccolte informazioni su dati demografici, fattori di stress e condizioni che potrebbero aver causato SCAD e trattamenti. I pazienti vengono seguiti per tre anni per eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE).

Oggi i ricercatori riportano le caratteristiche di base e gli esiti in ospedale e ad un mese. L’età media dei pazienti nello studio era di 52 anni e l‘89% erano donne.

( Vedi anche:Fragole e mirtilli possono ridurre il rischio di infarto nelle donne).

Per quanto riguarda le possibili cause della dissezione spontanea dell’arteria coronarica, circa la metà dei pazienti (49%) ha riferito di stress emotivo prima dell’evento e il 30% ha riportato stress fisico (nel 10%  ha sollevato più di 23 kg). La più comune condizione predisponente era la displasia fibromuscolare (40% dei valutati), che causa uno sviluppo anormale delle cellule nelle arterie e può portare a restringimenti (stenosi), aneurismi o (dissezioni). Altre condizioni predisponenti erano gravidanze (10%),  periparto (5,3%), trattamento della fertilità (5,1%), condizioni infiammatorie sistemiche (4,7%) e disturbi del tessuto connettivo (3,5%).

Il Professor Saw ha dichiarato: “Lo stress emotivo sembra essere un fattore scatenante per SCAD e anche la displasia fibromuscolare, che è più comune nelle donne rispetto agli uomini, ha avuto un ruolo importante – spesso non ha sintomi ma in alcuni pazienti causa mal di testa o swooshing nelle orecchie chiamato acufene pulsatile”.

Tutti i pazienti presentavano una sindrome coronarica acuta con il loro evento acuto SCAD, con il 99,3% con attacco cardiaco e lo 0,7% angina instabile. Il sintomo principale era il dolore toracico, che si è verificato in nove pazienti su dieci. Nell’angiografia, l’arteria discendente anteriore sinistra è stata più comunemente colpita (52%) e il restringimento lungo era la caratteristica più comune ( SCAD di tipo 2, 58%).

La maggior parte dei pazienti è stata trattata solo con farmaci (85%), mentre il 14% è stato sottoposto a intervento coronarico percutaneo e meno dell’1% ha avuto un intervento chirurgico di bypass coronarico.

Quasi tutti i pazienti (99,9%) sono sopravvissuti a 30 giorni. Il tasso di MACE a 30 giorni era del 7,5% (compreso infarto ricorrente nel 5,1%, arresto cardiaco nel 3,3%, rivascolarizzazione non programmata nel 2,1%, insufficienza cardiaca grave nell’1,5%, supporto emodinamico meccanico nell’1,5%, ictus nell’1,2%, trapianto di cuore nello 0,1% e morte nello 0,1% dei pazienti). Entro 30 giorni dopo la dimissione, il 5,1% ha avuto una visita ripetuta al pronto soccorso e il 2,5% è stato ricoverato per dolore al petto.

Il Professor Saw ha dichiarato: “Il nostro studio mostra che la dissezione spontanea dell’arteria coronarica colpisce principalmente le donne di mezza età e la maggior parte delle presentazioni acute si verificano contemporaneamente a un attacco cardiaco. La stragrande maggioranza dei pazienti è sopravvissuta a 30 giorni con i soli farmaci.Tuttavia, infarti ricorrenti e visite di emergenza in ospedale sono state alte entro 30 giorni. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare il trattamento più appropriato per i pazienti con SCAD”.

Fonte: ESC


Altri articoli su infarto