Fragole e mirtilli possono ridurre il rischio di infarto nelle donne

attacco di cuore,fragole,mirtilli

Le donne che consumano  almeno tre porzioni di mirtilli e fragole a settimana, hanno un minor rischio di sviluppare  attacchi di cuore. Mirtilli e fragole contengono infatti, alti livelli di composti  benefici per il cuore.

Mangiare tre o più porzioni di mirtilli e fragole a settimana può aiutare le donne a ridurre il rischio di un attacco di cuore di ben un terzo, secondo quanto riferito dai  ricercatori in Circulation: Journal of the American Heart Association .

Mirtilli e fragole contengono alti livelli di composti naturali chiamati flavonoidi, presenti anche nell’uva e nel vino, more, melanzane e altri frutti e ortaggi. Una specifica sotto-classe di flavonoidi, chiamati antociani, può aiutare a dilatare le arterie, contrastare l’accumulo di placca e fornire altri benefici cardiovascolari, secondo lo studio.

 Eric Rimm D.Sc., autore senior e Professore Associato di Nutrizione ed Epidemiologia presso la Harvard School of Public Health di Boston,  ha affermato : “Questo semplice cambiamento nella dieta potrebbe avere un impatto significativo sugli sforzi di prevenzione. “

Secondo i ricercatori, mirtilli e fragole facevano parte di questa analisi semplicemente perché sono le bacche più-consumate negli Stati Uniti.Pertanto, è possibile che altri alimenti, potrebbe produrre gli stessi risultati.

Gli scienziati della Harvard School of Public Health negli Stati Uniti e l’Università di East Anglia, Regno Unito hanno condotto uno studio prospettico su 93.600 donne di età compresa tra i 25 e 42 anni.. Le donne hanno completato questionari sulla loro dieta ogni quattro anni, per 18 anni.

Durante lo studio, si sono verificati 405 infarti. Le donne che hanno mangiato grandi quantità di  mirtilli e fragole, hanno avuto un 32 per cento di riduzione del  rischio di infarto, rispetto alle donne che mangiavano le bacche  una volta al mese o donne che  assumevano una dieta ricca di frutta e verdura.

“Abbiamo dimostrato che, anche in tenera età, mangiare  questi frutti, può ridurre il rischio di un attacco di cuore, più tardi nella vita”, ha detto Aedín Cassidy, Ph.D., autore principale e capo del Dipartimento di Nutrizione Norwich Medical School della University of East Anglia a Norwich, Regno Unito.

L’American Heart Association sostiene che fragole e mirtilli, come parte di una dieta equilibrata che comprende anche altri tipi di frutta e verdura e prodotti integrali, è il modo migliore per ottenere la giusta quantità di sostanze nutritive.

Fonte: Journal of the American Heart Association , 2013 DOI:10.1161/CIRCULATIONAHA.112.122408



Altri articoli su attacco di cuore, fragole, mirtilli