I medici sanno davvero come diagnosticare un infarto?

infarto

La confusione su come diagnosticare un infarto è pronta per essere chiarita con una nuova guida lanciata oggi. La quarta definizione universale di infarto miocardico 2018 è stata pubblicata online su European Heart Journal e sul sito Web ESC. 

“A meno che non ci sia chiarezza nel pronto soccorso su ciò che definisce un infarto, i pazienti con dolore toracico possono essere etichettati erroneamente con infarto e non ricevere il trattamento corretto”, ha affermato il Professor Kristian Thygesen, dell’ Ospedale universitario di Aarhus in Danimarca.

“Molti medici non hanno capito che i livelli elevati di troponina nel sangue non sono sufficienti per diagnosticare un attacco di cuore e questo ha creato problemi reali”, ha continuato il Professor Thygesen che è presidente congiunto della Task Force che ha scritto il documento, insieme al Professor Joseph S. Alpert, Università dell’Arizona, USA e Professor Harvey D. White, Auckland City Hospital, Nuova Zelanda.

(Vedi anche: Ricercatore riesce a rigenerare il cuore danneggiato da infarto nei mammiferi).

Il documento di consenso internazionale spiega che un infarto cardiaco (infarto del miocardio) si verifica quando il muscolo cardiaco (miocardio) è ferito e ha ossigeno insufficiente. La troponina è una proteina normalmente utilizzata dal muscolo cardiaco per la contrazione, ma viene rilasciata nel sangue quando il muscolo è ferito. La carenza di ossigeno (ischemia) viene rilevata dall’elettrocardiogramma (ECG) e da sintomi come dolore al petto, braccia o mascella, mancanza di respiro e stanchezza.

L’ infortunio miocardico da solo è ora considerato una condizione separata. Ci sono numerose situazioni che possono causare lesioni miocardiche e quindi un aumento della troponina. Questi includono l’infezione, sepsi, malattia renale, chirurgia cardiaca e un intenso esercizio fisico. Il primo passo del trattamento è quello di affrontare il disturbo di base.

Per quanto riguarda l’infarto del miocardio, ci sono diversi tipi che richiedono un trattamento specifico. Il tipo 1 è la situazione che la maggior parte delle persone associa a un infarto. Qui un deposito grasso in un’arteria, chiamato placca, rompe e blocca il flusso di sangue al cuore e lo priva di ossigeno. Il trattamento può includere farmaci antipiastrinici per bloccare le piastrine che si aggregano per formare un grumo, inserire uno stent tramite un catetere per aprire l’arteria o un intervento chirurgico per bypassare l’arteria.

Nel tipo 2, la privazione dell’ossigeno non è causata dalla rottura della placca in un’arteria ma è dovuta ad altri motivi quali insufficienza respiratoria o ipertensione grave. Il Professor Alpert ha detto: “In questo caso il trattamento deve essere diretto alla condizione di base, ad esempio farmaci per abbassare la pressione sanguigna per i pazienti con ipertensione”.

Gli sforzi dei medici per diagnosticare correttamente l’infarto del miocardio e i suoi sottotipi non sono stati aiutati dalla mancanza di codici di diagnosi nella Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD). I sottotipi di infarto miocardico sono stati introdotti dalla Task Force congiunta nel 2007, ma non sono stati incorporati nell’ICD fino a ottobre 2017.

Il Professor White ha dichiarato: “Nel documento di consenso abbiamo ampliato la sezione sull’infarto miocardico di tipo 2 e incluso tre dati per aiutare i medici a fare la diagnosi corretta. L’incorporazione del tipo 2 nei codici ICD è un altro passo verso un riconoscimento accurato seguito da un trattamento appropriato. Un codice per il danno miocardico verrà aggiunto all’ICD il prossimo anno”.

Il documento di consenso internazionale è stato prodotto dalla Società Europea di Cardiologia (ESC), dall’American College of Cardiology (ACC), dall’American Heart Association (AHA) e dalla World Heart Federation (WHF).

Fonte: ESC

Altri articoli su infarto