Studio identifica i possibili effetti terapeutici della curcumina sul cancro dello stomaco

curcumina

La curcumina è ampiamente utilizzata per conferire colore e sapore al cibo, ma gli scienziati hanno scoperto che questa polvere gialla derivata dalle radici della pianta di curcuma ( Curcuma longa ) può anche aiutare a prevenire o combattere il cancro allo stomaco.

Lo studio dei ricercatori dell’Università Federale di San Paolo (UNIFESP) e dell’Università Federale di Pará (UFPA) in Brasile, ha identificato possibili effetti terapeutici di questo pigmento e di altri composti bioattivi sul cancro dello stomaco, il terzo e il quinto più frequenti tipo di cancro tra uomini e donne brasiliani, rispettivamente.

Lo studio faceva parte di un progetto tematico supportato dalla Fondazione di ricerca São Paulo – FAPESP. I suoi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Epigenomics.

“Abbiamo intrapreso una vasta revisione della letteratura scientifica su tutti i nutrienti e composti bioattivi con il potenziale di prevenire o curare il cancro allo stomaco e abbiamo scoperto che la curcumina è una di questi“, dice Danielle Queiroz Calcagno, Professore all’UFPA e primo autore dello studio.

Secondo Calcagno, che ha condotto una ricerca post-dottorato presso L’ UNIFESP con una borsa di studio FAPESP, composti come il colecalciferolo (una forma di vitamina D), il resveratrolo (un polifenolo) e la quercetina possono prevenire o combattere il cancro allo stomaco perché sono regolatori naturali dell’attività dell’istone.

Gli istoni sono proteine ​​nei nuclei delle cellule che organizzano la doppia elica del DNA in unità strutturali chiamate nucleosomi. Ogni nucleosoma è fatto di DNA arrotolato come una bobina intorno a otto proteine ​​istoniche (un istotero dell’istone) per compattare il DNA in modo che si adatti alla cellula, dove è impacchettato nella cromatina.

Vedi anche, La curcumina migliora la funzione muscolare e la capacità di esercizio.

La modifica chimica post-traduzionale della catena di amminoacidi in queste proteine, come l’acetilazione (introduzione di un gruppo acetilico) o la metilazione (aggiunta di un gruppo metilico), può influenzare la compattazione della cromatina e quindi l’espressione genica.

“Se gli istoni sono acetilati, ad esempio, la cromatina sarà meno condensata e sarà disponibile un gene in una regione del segmento DNA al suo interno, al contrario, se gli istoni non sono acetilati, la cromatina può essere più condensata e il gene non sarà espresso “, ha spiegato Calgano.

La ricerca condotta negli ultimi anni ha suggerito che la modifica dell’istone post traduzionale provoca alterazioni nell’espressione genica senza influenzare la sequenza del DNA. Queste variazioni epigenetiche influenzano lo sviluppo di diversi tipi di cancro.

Per determinare se questa ipotesi si applica anche al cancro dello stomaco, diversi gruppi di ricercatori coordinati da Marília de Arruda Cardoso Smith, un Professore dell’ UNIFESP, hanno studiato modelli di acetilazione dell’istone in campioni di cellule dello stomaco da individui sani e pazienti con diagnosi di cancro allo stomaco.

I ricercatori hanno scoperto che le cellule dei pazienti con cancro allo stomaco mostrano alterazioni nel pattern di espressione dell’istone acetiltransferasi (HAT) e dell’istone deacetylases (HDAC). Queste alterazioni sono epigenetiche e influenzano la struttura e l’integrità del genoma in molti tumori, incluso il cancro allo stomaco.

Poiché recenti ricerche hanno anche dimostrato che i nutrienti e i composti bioattivi possono regolare l’attività di HAT e HDAC, gli scienziati di UNIFESP e UFPA si sono proposti di identificare qualsiasi cosa che potrebbe influenzare l’acetilazione degli istoni e quindi aiutare a prevenire il cancro allo stomaco o persino a curare la malattia.

Oltre alla curcumina, altri composti trovati a svolgere un ruolo chiave nella modulazione dell’attività dell’istone erano il colecalciferolo, il resveratrolo (presente principalmente nei semi d’uva e nel vino rosso), la quercetina (abbondante nelle mele, i broccoli e le cipolle), il garcinolo (isolato dalla corteccia di l’albero del kokum, la Garcinia indica) e il butirrato di sodio (prodotto dai batteri intestinali attraverso la fermentazione di fibre alimentari).

“Questi composti possono favorire l’attivazione o la repressione dei geni coinvolti nello sviluppo del cancro allo stomaco promuovendo o inibendo l’acetilazione degli istoni“, ha spiegato Calcagno.

La curcumina, ad esempio, influenza le modifiche degli istoni principalmente inibendo HAT e gli HDAC per sopprimere la proliferazione delle cellule tumorali e indurre l’apoptosi (morte cellulare programmata). Il garcinolo, la cui struttura chimica ricorda quella della curcumina, inibisce gli HAT e aiuta a prevenire il cancro allo stomaco neutralizzando i radicali liberi.

“Ora pianifichiamo di chiarire gli effetti antitumorali e epigenetici dei composti bioattivi derivati ​​dalle piante in Amazzonia, come l‘açaí [Euterpe oleracea] e il nanche o hogberry [Byrsonima crassifolia], in vista del loro futuro utilizzo nella prevenzione e nel trattamento di cancro allo stomaco “, ha detto Calcagno.


Altri articoli su curcumina