Un nuovo approccio potrebbe portare a un vaccino antinfluenzale per tutta la vita

vaccino antinfluenzale

Poiché il virus influenzale si modifica continuamente, anche il vaccino antinfluenzale in teoria deve essere modificato continuamente.

Un nuovo approccio che insegna all’organismo a riconoscere la porzione conica del virus la parte che rimane la stessa anno dopo annopotrebbe scuotere quel rituale di vaccinazione annuale e proteggere le persone dall’influenza pandemica come quella che ha ucciso 40-50 milioni di persone nel 1918.

Il team che lavora su questo nuovo approccio, guidato dal biochimico della Stanford University, Peter Kim, ha mostrato i primi segni che la tecnica funziona negli animali da laboratorio. I ricercatori avvertono che devono ancora rendere il loro vaccino più specifico e dimostrare che funziona in studi molto più ampi prima di testarlo sulle persone.

Vedi anche, Influenza: sempre più vicini ad un vaccino antinfluenzale universale.

 L’idea è iniettare una persona con un virus ucciso o con una singola proteina normalmente presente sulla superficie del virus. Il sistema immunitario impara a riconoscere i frammenti i quell’invasore artificiale e sviluppa una difesa che può attivarsi mesi o anche anni dopo se vede di nuovo quella proteina. La sfida è che alcune porzioni di una proteina sono, per diverse ragioni, molto più facili da rilevare per il sistema immunitario, ma per quanto provino, gli scienziati non sono stati in grado di dirigere efficacemente l’attenzione del sistema immunitario su quelle porzioni.

L’idea del nuovo approccio è nata quando lo studente laureato in chimica Payton Weidenbacher ha sentito parlare di una proteina che può legarsi in modo specifico al punto esatto in cui si trova la proteina del virus dell’influenza che vuole che il sistema immunitario riconosca. (La proteina è chiamata anticorpo monoclonale – “mono” perché si lega a un solo punto e “clonale” perché gli scienziati possono fare molte copie identiche di esso). Nel discorso tenuto da Weidenbacher, gli scienziati si sono chiesti se potevano usare l’anticorpo monoclonale come guida e creare un modo per il sistema immunitario di legarsi allo stesso punto.

Nel suo discorso, Weidenbacher ha ricordato un trucco chimico che pensava potesse essere un approccio diverso. Invece di apprendere dall’anticorpo monoclonale, perché non farne uso? La sua idea era quella di attaccare questo anticorpo monoclonale altamente specifico sulla proteina del virus influenzale in laboratorio e usarlo come stencil. Poteva dipingere il resto della proteina con molecole che agiscono come un mantello chimico, rendendola invisibile al sistema immunitario. La rimozione dello stencil lascerebbe solo una piccola porzione della proteina visibile al sistema immunitario per imparare a riconoscerla e alla fine attaccarla.

L’utilizzo di quella proteina per un vaccino potrebbe spingerebbe il sistema immunitario a montare un attacco contro la parte del virus condivisa tra i ceppi influenzali, compresa l’influenza pandemica.

“Payton è un chimico”, ha detto Kim. “Quello che ha fatto è trovare un modo di usare l’anticorpo monoclonale non come qualcosa che guarda, ma come un reagente”.

Anche se l’idea sembrava semplice, in realtà non era così. Weidenbacher ha incontrato alcuni ostacoli nel far funzionare il sistema, ma i primi test della squadra, pubblicat5 il 26 aprile negli Atti della National Academy of Sciences, sembrano promettenti. Gli animali da laboratorio che ricevono questa proteina  mostrano anche una risposta immunitaria ad altri ceppi dell’influenza. Gli animali che hanno ricevuto un vaccino normale non hanno risposto bene ad altri ceppi influenzali.

Kim e Weidenbacher hanno detto di aver “distorto” la risposta immunitaria, ma hanno del lavoro da fare per renderla più specifica. Se ci riescono, l‘approccio potrebbe funzionare per molti agenti infettivi diversi.

Fonte, Atti della National Academy of Sciences (2019)


Altri articoli su vaccino antinfluenzale