I malati di Parkinson riprendono la mobilità con un nuovo impianto

parkinson

Un nuovo impianto che potenzia i segnali inviati dal cervello agli arti migliora significativamente la mobilità nelle persone che vivono con la malattia di Parkinson.

Lo studio è stato pubblicato nel Canadian Journal of Neurological Sciences, il mese scorso.

Il Parkinson è una condizione neurologica progressiva che colpisce circa 145.000 persone nel Regno Unito. I sintomi della malattia di Parkinson iniziano ad apparire quando il cervello non riesce più a produrre abbastanza dopamina, il neurotrasmettitore che viene usato per controllare il movimento.

Le persone che vivono con il Parkinson possono spesso sperimentare episodi di “congelamento”, ossia l’interruzione di movimenti come camminare o girarsi che le rende improvvisamente non in grado di andare avanti per diversi minuti. Il congelamento può verificarsi anche mentre qualcuno sta parlando o durante attività ripetitive come la scrittura. La causa esatta alla base di questi episodi di congelamento non è attualmente compresa.

Per camminare, il cervello ha bisogno di inviare segnali agli arti per innescare il movimento. I segnali tornano quindi al cervello per informarlo che il movimento è stato completato e il ciclo ricomincia per attivare ulteriori passi.

Il Professor Mandar Jog della Western University di Londra, Ontario, ritiene che la malattia di Parkinson riduce i segnali che ritornano al cervello una volta completato il movimento. Ciò causa il congelamento dei malati di Parkinson, quando il ciclo di innesco del movimento viene interrotto da una debole trasmissione del segnale da e verso il cervello.

Vedi anche, Una scoperta spiega il grande mistero dell’ Alzheimer e del Parkinson.

Ciò è in contrasto con l’ipotesi precedente secondo cui erano i segnali che vanno dal cervello agli arti che non venivano trasmessi correttamente.

Aumentare le vie di segnalazione del cervello per migliorare la mobilità

Un quarto dei pazienti con Parkinson ha difficoltà a camminare mentre la condizione progredisce, ma attualmente non ci sono trattamenti per alleviare questo sintomo specifico della condizione.

Ma ora, il Professor Jog e il suo gruppo di ricerca hanno sviluppato un impianto che aumenta i segnali che viaggiano verso e dal cervello e gli arti, consentendo al paziente di camminare normalmente. Usando esplosioni di elettricità dall’impianto, Jog crede che i meccanismi di feedback dalle gambe al cervello siano risvegliati, causando un significativo miglioramento nella capacità di camminare di una persona.

Il team ha anche scoperto che il trattamento ha continuato a essere efficace anche quando l’impianto è stato disattivato.

La stimolazione cerebrale profonda del nucleo subtalamico, spesso abbreviata in DBS-STN, è stata anche oggetto di studi che hanno esaminato come frequenze diverse, ampiezze e impostazioni dei parametri elettrici della larghezza dell’impulso possono migliorare i problemi di qualità della voce, intensità del parlato e prosodia del parlato nei pazienti con Parkinson. Uno di questi studi ha rilevato che DBS-STN era “associato a migliori risultati linguistici“.

“La maggior parte dei nostri pazienti ha avuto la malattia per 15 anni e non ha camminato con sicurezza per diversi anni”, ha spiegato Jog.

Casi studio

Una storia di successo ha visto Gail Jardine, 66 anni, in grado di camminare liberamente per la prima volta dopo oltre due anni. Prima dell’ impianto, Jardine stava vivendo episodi di congelamento regolari e cadeva fino a due o tre volte al giorno.

Il rischio di lesioni e la perdita di fiducia da questi debilitanti sintomi del Parkinson impedivano a Jardine di godersi passeggiate in campagna con il marito Stan a Kitchener, Ontario. Sui miglioramenti che ha visto da quando l’impianto è stato installato, Jardine ha detto:”Posso camminare molto meglio. Non sono caduta da quando ho iniziato il trattamento. Mi ha dato più sicurezza e non vedo l’ora di fare altre passeggiate con Stan e magari anche andare da sola”.

Un’altra persona che beneficia del trattamento implantare è Guy Alden, 70 anni, che ha dovuto ritirarsi dal suo lavoro di diacono in una chiesa cattolica a London, Ontario, a causa della sua malattia di Parkinson.

Ha detto Alde,”Ora posso camminare tra la folla. Mia moglie ed io siamo andati in vacanza a Maui e non ho avuto bisogno di usare la mia sedia a rotelle in nessun punto. C’erano molte strade strette e molte salite e ho camminato abbastanza bene”.

Risultati “molto promettenti”

La Dott.ssa Beckie Port, che è una research manager presso la Parkinson’s UK, ha dichiarato:

“I risultati di questo studio pilota su piccola scala sono molto promettenti e la terapia merita certamente ulteriori indagini. Se gli studi futuri mostreranno lo stesso livello di promessa, l’impianto potrà migliorare drasticamente la qualità della vita, dando alle persone con Parkinson la libertà di godersi le attività quotidiane “.

Parkinson’s UK

Fonte, News Medical

Altri articoli su parkinson