HomeSaluteFegatoSteatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain).

Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia nel tempo può aiutare a ridurre il rischio di cicatrici epatiche e progressione della malattia.

Spiegano gli autori:

- Advertisement -

Non è noto se il controllo glicemico, al contrario dello stato del diabete, sia associato alla gravità della steatosi epatica non alcolica (NAFLD). In questo studio abbiamo mirato a valutare se il grado di controllo glicemico negli anni precedenti la biopsia epatica predice la gravità istologica della steatoepatite non alcolica (NASH)“.

Secondo questo nuovo studio dei ricercatori di Duke Health, i livelli medi di glucosio nel sangue di pazienti con steatosi epatica non alcolica hanno influenzato la loro possibilità di avere cicatrici più gravi nel fegato, che possono portare a insufficienza epatica.

L’autrice principale dello studio, l’endocrinologa della Duke Health Anastasia-Stefania Alexopoulos, MBBS, ha affermato che la grave malattia del fegato correlata al fegato grasso è in aumento. Sta diventando una delle principali cause di trapianti di fegato e mortalità“, ha detto Alexopoulos. “Ma non abbiamo trattamenti efficaci approvati dalla FDA, quindi si tratta di trovare delle vie che possiamo percorrere per aiutare a ridurre il rischio di malattia del fegato grasso che progredisce verso questi risultati davvero scarsi”.

Lo studio, pubblicato online sulla rivista Hepatology, ha esaminato i livelli di glucosio documentati di 713 pazienti adulti con malattia del fegato grasso prima di una biopsia epatica.

- Advertisement -

Vedi anche:Steatosi epatica non alcolica: dieta green med la dimezza

Il team, inclusi gli autori senior, il Professore associato Andrea Coviello, MD e il Professor Manal F. Abdelmalek, MD, entrambi del Dipartimento di Medicina, ha scoperto che i livelli di glucosio nel sangue più elevati nell’anno precedente a una biopsia epatica erano associati a più grave fibrosi del fegato. Per ogni aumento di 1 punto percentuale dell’emoglobina HbA1c (una misura dei livelli medi di glucosio) nell’anno precedente la biopsia, le probabilità di fibrosi grave sono aumentate del 15%. Allo stesso modo, i ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con un moderato controllo del glucosio per un periodo di cinque anni, piuttosto che un buon controllo, avevano una maggiore probabilità di avere cicatrici epatiche avanzate. Alexopoulos afferma che questi risultati sono particolarmente significativi per i pazienti con diabete perché una parte significativa di quella popolazione di pazienti ha anche una steatosi epatica non alcolica.

“Quello che spero davvero è che più persone che curano il diabete siano consapevoli del rischio di malattia del fegato grasso”, ha detto Alexopoulos che ha anche affermato che i risultati di questo studio potrebbero portare i medici a riconsiderare il loro approccio al trattamento del diabete per prescrivere farmaci per il diabete noti per migliorare il controllo del glucosio e promuovere la perdita di peso.

“Quando pensiamo al diabete stiamo pensiamo anche al rischio di malattie cardiache, ipertensione, colesterolo”, ha detto Alexopoulos. “Voglio che a questo elenco venga aggiunta la malattia del fegato grasso”.

Fonte:Hepatology

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...