HomeSaluteTumoriCancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain).

Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può essere utilizzato per prevedere quali pazienti con cancro al seno sperimenteranno resistenza alla terapia endocrina. La ricerca offre un nuovo approccio alla selezione dei pazienti per la terapia che prende di mira HER2, una proteina che promuove la crescita delle cellule tumorali, per evitare la ricaduta nella malattia o la progressione della malattia endocrino-sensibile. Il cancro al seno positivo al recettore degli estrogeni (ER + ) è uno dei tumori più comuni nelle donne in tutto il mondo. Le pazienti con carcinoma mammario ER + sono trattate con terapia endocrina, che interrompe la segnalazione ER.

La resistenza al trattamento endocrino si verifica in circa il 30% dei pazienti con carcinoma mammario ER +, provocando circa 40.000 decessi / anno negli Stati Uniti. Studi preclinici implicano fortemente l’attivazione del recettore del fattore di crescita, HER2, nella resistenza al trattamento endocrino.

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Quasi l’80% dei tumori al seno è positivo al recettore degli estrogeni (ER). Per decenni, questi tumori sono stati trattati con terapie antiestrogene (endocrine) per abbassare i livelli di estrogeni e aiutare a rallentare la crescita del cancro. Circa il 20% dei tumori al seno è anche HER2 positivo alla diagnosi e questi tumori tendono ad essere più aggressivi e in rapida crescita, poiché HER2 è un recettore che, quando attivo, promuove la rapida crescita delle cellule del cancro al seno.

Vedi anche:Cancro al seno: come diventa aggressivo

“Sappiamo che esiste un sottogruppo di pazienti a cui vengono inizialmente diagnosticati tumori al seno ER-positivi, HER2-negativi, ma i loro tumori si convertono in HER2-positivi dopo aver ricevuto la terapia endocrina“, afferma Svasti Haricharan, Ph.D., assistente Professore nel programma Invecchiamento, Cancro e Immuno-oncologia presso Sanford Burnham Prebys e autore senior dello studio. “Sfortunatamente, questo scatena gli effetti dannosi di HER2 e i pazienti diventano resistenti alla terapia endocrina, con conseguenti ricadute, metastasi e morte“.

- Advertisement -

Poiché la terapia endocrina convenzionale non è stata di aiuto per queste pazienti, il team di Haricharan ha esaminato come due geni, MLH1 e PMS2, influenzano l’attività di HER2. Questi geni fanno parte di un sistema biologico per “correggere” gli errori del DNA, ma svolgono anche un ruolo fondamentale nella soppressione di HER2. Quando questi geni vengono disattivati, HER2 si attiva non appena i pazienti ricevono la terapia endocrina di cure standard.

“Fortunatamente, ci sono test per l’attività MLH1 e PMS2 che ora vengono eseguiti di routine per i tumori del colon-retto e dell’endometrio”, afferma Nindo Punturi, assistente di ricerca nel laboratorio di Haricharan e primo autore dell’articolo. “Se dovessimo trasferire questi test a casi di cancro al seno di nuova diagnosi, potremmo identificare i pazienti che potrebbero trarre beneficio da un trattamento mirato per HER2 precoce, essenzialmente chiudendo la porta all’attività di HER2 prima che inizi“.

Il National Cancer Institute (NCI) stima che 281.550 donne negli Stati Uniti riceveranno una diagnosi di cancro al seno nel 2021 e 43.600 donne alla fine moriranno a causa della malattia. Alcune donne la cui espressione genica MLH1 e PMS2 è bassa o assente possono avere un rischio di morte ancora maggiore.

“I nostri sforzi di ricerca mirano a fornire i trattamenti giusti alle persone giuste il prima possibile”, afferma Haricharan. “Con così tanti ottimi farmaci a nostra disposizione per curare il cancro al seno, compresi quelli che prendono di mira HER2, è più una questione di selezionare i farmaci disponibili e appropriati che cercarne di nuovi. Questo sforzo di ricerca è un passo importante in quella direzione”.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain). Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia...

Carenza vitamina D: nuovo trattamento

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domsin). Ci sono diversi milioni di persone in tutto il mondo con varie sindromi da malassorbimento dei grassi, comprese quelle che...

Alzheimer: risolto il mistero della beta amiloide

In un importante passo avanti, i ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno scoperto come la beta amiloide, la neurotossina che si ritiene essere...

Causalità tra coagulazione ed emicrania con aura

(Emicrania con aura-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori hanno identificato quattro fattori della coagulazione che possono contribuire alla suscettibilità del paziente alla emicrania con aura. Quasi...