HomeSaluteFegatoSteatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

(Steatosi epatica: Immagine Credit Public Domain).

Un particolare tipo di cellula dendritica è responsabile del danno tissutale che si verifica nelle steatosi epatica non alcolica (NASH) nei topi e nell’uomo. Le cellule dendritiche causano un comportamento aggressivo e proinfiammatorio nei linfociti T, come ora scoperto dai ricercatori del German Cancer Research Center (DKFZ) in collaborazione con i colleghi degli Istituti di ricerca israeliani. Il blocco di queste cellule dendritiche allevia i sintomi nei topi. Questo tipo di approccio potrebbe anche prevenire lo sviluppo di gravi danni al fegato nei pazienti con NASH.

L’obesità è estremamente diffusa nel mondo occidentale e il 90% delle persone colpite mostra segni di degenerazione del fegato grasso. Se mantengono uno stile di vita malsano per un lungo periodo (dieta ipercalorica, stile di vita sedentario), la morte delle cellule del fegato si verifica in circa un quinto di queste persone, con conseguente infiammazione del fegato, chiamata steatosi epatica non alcolica (NASH). La NASH può portare a fibrosi epatica, cirrosi epatica pericolosa per la vita e cancro al fegato.

- Advertisement -

Oltre al suo ben noto ruolo nel metabolismo e nel filtraggio delle tossine, il fegato ha anche una funzione strategica in quanto parte del sistema immunitario, agendo come linea di difesa primaria contro tutte le tossine microbiche e contaminanti alimentari che entrano nell’organismo dall’intestino attraverso la vena porta. Per svolgere questo compito, un intero esercito di diverse cellule immunitarie pattuglia il fegato.

“Volevamo scoprire quali cellule immunitarie o infiammatorie nel fegato promuovono la NASH e il danno epatico ad essa associato”, ha spiegato Mathias Heikenwälder del German Cancer Research Center (DKFZ). I ricercatori della DKFZ hanno ora affrontato l’argomento in collaborazione con i colleghi del Weizmann Institute of Sciences e dello Sheba Medical Center in Israele. Per fare ciò, hanno analizzato la connessione tra la composizione della popolazione di cellule immunitarie nel fegato e il grado di danno epatico correlato alla steatosi epatica. Ciò ha permesso loro di identificare un particolare tipo di cellula immunitaria che promuove la progressione della malattia, sia nei topi che nell’uomo.

Vedi anche:Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

Indizio da topi di laboratorio sul ‘cibo spazzatura’

- Advertisement -

Per studiare il sistema immunitario nella NASH, i ricercatori hanno nutrito topi di laboratorio con una dieta priva di nutrienti essenziali, ma arricchita con lipidi e colesterolo, paragonabili al nostro “cibo spazzatura” e hanno osservato lo sviluppo della NASH. Hanno studiato le cellule immunitarie del fegato utilizzando il sequenziamento dell’RNA a cellula singola e hanno scoperto un numero insolitamente alto di un particolare tipo di cellule, note come cellule dendritiche di tipo 1 (cDC1), nel fegato dei topi NASH.

Questo fenomeno non era limitato ai topi. In campioni di tessuto prelevati da pazienti sottoposti a biopsie epatiche, i ricercatori hanno trovato una correlazione tra il numero di cellule cDC1 e l’entità del danno epatico tipico della NASH.

Le cellule cDC1 hanno effettivamente un effetto sulla patologia epatica? I ricercatori hanno perseguito due canali di indagine in questo studio. Hanno studiato topi geneticamente modificati privi di cDC1. Inoltre, hanno bloccato cDC1 nel fegato utilizzando anticorpi specifici. In entrambi gli approcci, una minore attività di cDC1 era associata a una diminuzione del danno epatico. Le cellule dendritiche normalmente sopravvivono solo per pochi giorni e devono essere continuamente sostituite dal sistema immunitario. I ricercatori hanno scoperto che il danno tissutale correlato alla NASH modula il sistema ematopoietico nel midollo osseo, a seguito del quale i precursori di cDC1 si dividono più spesso e reintegrano la fornitura più prontamente.

Le cellule dendritiche inducono un comportamento aggressivo nelle cellule T. nella steatosi epatica

In una normale risposta immunitaria, le cellule dendritiche selezionano gli organi per evidenti caratteristiche immunologiche e poi continuano verso i linfonodi vicini – i centri di comando della risposta immunitaria – per trasmettere queste informazioni ai linfociti T. Nei soggetti NASH, il team tedesco-israeliano ha ora scoperto che cDC1 induce un comportamento infiammatorio e più aggressivo nelle cellule T nei linfonodi responsabili del fegato, causando danni al fegato e portando alla progressione della malattia. “È solo di recente che abbiamo identificato queste cellule T autoaggressive come responsabili di danni al fegato nella NASH. Ora possiamo comprendere anche cosa induce questo comportamento dannoso”, ha osservato Mathias Heikenwälder.

Ora che cDC1 ha dimostrato di svolgere un ruolo chiave nella progressione della NASH, la manipolazione mirata di queste cellule potrebbe offrire un nuovo modo di trattare l’infiammazione del fegato e le sue gravi ripercussioni. “Stiamo sempre più riconoscendo che alcune cellule del sistema immunitario sono coinvolte nello sviluppo di diverse malattie, tra cui il cancro, il diabete e il morbo di Alzheimer. La medicina utilizza quindi sempre più modi per modulare il sistema immunitario e utilizza farmaci per spingerlo nella giusta direzione. Questo tipo di approccio potrebbe anche funzionare per prevenire gravi danni al fegato nei pazienti con NASH “, ha spiegato Heikenwälder.

Eran Elinav, anche autore senior dello studio e capo dei gruppi di ricerca presso DKFZ e l’Istituto Weizmann, ritiene che sia altamente probabile che i batteri intestinali influenzino le cellule immunitarie in questa malattia: “Ora miriamo a scoprire come l’intestino e i suoi batteri influenzano l’attivazione delle cellule immunitarie nel fegato. In questo modo, speriamo di essere in grado di sviluppare nuove strategie di trattamento”. ha detto il ricercatore.

Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine.

Fonte:Nature Medicine

 

ULTIMI ARTICOLI

Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

(Steatosi epatica: Immagine Credit Public Domain). Un particolare tipo di cellula dendritica è responsabile del danno tissutale che si verifica nelle steatosi epatica non alcolica...

Ictus: illuminante trattamento da nano-fotosintesi

(Ictus-Immagine: fette di cervello di topi che hanno ricevuto terapia nano-fotosintetica (a destra) hanno meno neuroni danneggiati, mostrati in verde, rispetto ai topi di...

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain). Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia...

Carenza vitamina D: nuovo trattamento

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domsin). Ci sono diversi milioni di persone in tutto il mondo con varie sindromi da malassorbimento dei grassi, comprese quelle che...