HomeSaluteFegatoSteatosi epatica non alcolica: vitamina B 12 potrebbe invertire la condizione

Steatosi epatica non alcolica: vitamina B 12 potrebbe invertire la condizione

(Steatosi epatica-Immagine: le diete in stile occidentale, che sono tipicamente ad alto contenuto di fruttosio, possono portare a livelli elevati di omocisteina epatica e sierica nel sangue (una condizione medica nota come iperomocisteinemia), che il team di ricerca ha scoperto essere direttamente proporzionale alla gravità della steatoepatite non alcolica (NASH) nelle persone con steatosi epatica non alcolica che è progredita in NASH. I ricercatori hanno dimostrato che l’iperomocisteinemia provoca l’omocisteinilazione della proteina chiave dell’autofagia STX17, portando all’inibizione dell’autofagia durante lo sviluppo e la progressione della NASH. L’integrazione con vitamina B12 e folati non solo ha ripristinato l’autofagia (un processo cellulare essenziale mediante il quale le cellule rimuovono le proteine ​​malformate o gli organelli danneggiati), ma ha anche ridotto la patologia complessiva della NASH. Credito: Duke-NUS Medical School).

Gli scienziati della Duke-NUS Medical School di Singapore hanno scoperto un meccanismo che porta a una forma avanzata di steatosi epatica e hanno scoperto che gli integratori di vitamina B12 e acido folico potrebbero invertire questo processo.

Questi risultati potrebbero aiutare le persone con steatosi epatica non alcolica, (un termine generico per una serie di malattie del fegato che colpiscono le persone che bevono poco o nessun alcol), che colpisce il 25% di tutti gli adulti a livello globale e quattro adulti su 10 a Singapore.

- Advertisement -

La steatosi epatica non alcolica comporta l’accumulo di grasso nel fegato ed è una delle principali cause di trapianti di fegato in tutto il mondo. La sua alta prevalenza è dovuta alla sua associazione con diabete e obesità, due dei principali problemi di salute pubblica a Singapore e in altri paesi industrializzati. Quando la condizione progredisce verso l’infiammazione e la formazione di tessuto cicatriziale, è nota come steatoepatite non alcolica (NASH).

“Sebbene la deposizione di grasso nel fegato sia reversibile nelle sue fasi iniziali, la sua progressione verso la NASH provoca disfunzione epatica, cirrosi e aumenta il rischio di cancro al fegato“, ha affermato la Dott.ssa Madhulika Tripathi, prima autrice dello studio, che è un ricercatrice senior presso il Laboratorio di Regolazione Ormonale del Programma Cardiovascolare & Metabolico della Duke-NUS.

Attualmente, non ci sono trattamenti farmacologici per la NASH perché gli scienziati non comprendono i meccanismi della malattia. Sebbene gli scienziati sappiano che la NASH è associata a livelli ematici elevati di un aminoacido chiamato omocisteina, non hanno compreso quale ruolo gioca nello sviluppo del disturbo.

Il Dott. Tripathi, coautore dello studio, il Dott. Brijesh Singh e i loro colleghi a Singapore, in India, in Cina e negli Stati Uniti, hanno confermato l’associazione dell’omocisteina con la progressione della NASH in modelli preclinici e nell’uomo. Hanno anche scoperto che, quando i livelli di omocisteina aumentavano nel fegato, l’amminoacido si attaccava a varie proteine ​​del fegato, modificandone la struttura e impedendo il loro funzionamento. In particolare, quando l’omocisteina si legava a una proteina chiamata sintassina 17, impediva alla proteina di svolgere il suo ruolo di trasporto e digestione del grasso (noto come autofagia, un processo cellulare essenziale mediante il quale le cellule rimuovono le proteine ​​malformate o gli organelli danneggiati) nel metabolismo degli acidi grassi, turnover mitocondriale e prevenzione dell’infiammazione. Ciò ha indotto lo sviluppo e la progressione della steatosi epatica in NASH.

- Advertisement -

È importante sottolineare che i ricercatori hanno scoperto che l’integrazione della dieta nei modelli preclinici con vitamina B12 e acido folico ha aumentato i livelli di sintassina 17 nel fegato e ripristinato il suo ruolo nell’autofagia. Ha anche rallentato la progressione della NASH e ha invertito l’infiammazione e la fibrosi del fegato.

“I nostri risultati sono sia eccitanti che importanti perché suggeriscono che una terapia relativamente poco costosa, vitamina B12 e acido folico, potrebbe essere utilizzata per prevenire e/o ritardare la progressione della NASH“, ha affermato il Dottor Singh. “Inoltre, i livelli sierici ed epatici di omocisteina potrebbero fungere da biomarcatore per la gravità della NASH”.

L’omocisteina può influenzare in modo simile altre proteine ​​​​del fegato e questa potrebbe essere una direzione di ricerca futura per lo sviluppo di terapie anti-NASH.

Il Professor Paul M. Yen, capo del Laboratorio di regolazione ormonale presso il programma sui disturbi cardiovascolari e metabolici della Duke-NUS e autore senior dello studio, ha affermato: “Vitamina B12 e folato, hanno profili di sicurezza elevati e sono designati come integratori alimentari dalla FDA degli Stati Uniti, e come terapie di prima linea per la prevenzione e il trattamento della NASH potrebbero comportare enormi risparmi sui costi e ridurre il carico sanitario dovuto alla NASH sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo”.

Vedi anche:Steatosi epatica: identificato nuovo biomarker

Il Professor Patrick Casey, vicePresidente senior per la ricerca presso la Duke-NUS, ha dichiarato: “Attualmente, l’unico trattamento per i pazienti con malattia epatica allo stadio terminale è quello di ricevere un trapianto. I risultati della Dott.ssa Tripathi e dei suoi colleghi dimostrano che un semplice trattamento, un intervento conveniente e accessibile potrebbe potenzialmente fermare o invertire il danno al fegato, portando nuova speranza a chi soffre di malattie del fegato grasso. I risultati del team sottolineano il valore della ricerca scientifica di base, attraverso la quale la comunità scientifica continua ad avere un grande impatto positivo sulla vita dei pazienti”.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Hepatology.

Fonte: Journal of Hepatology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...