HomeSaluteVirus e parassitiCOVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

COVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

Entro il prossimo decennio, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 potrebbe diventare poco più che un fastidio, causando nient’altro che comuni tosse e raffreddore. Questo possibile futuro è previsto da modelli matematici che incorporano le lezioni apprese dall’attuale pandemia su come cambia l’immunità del nostro corpo nel tempo. Scienziati dell’Università dello Utah hanno condotto la ricerca, ora pubblicata sulla rivista Viruses.

La futura prevalenza e virulenza di SARS-CoV-2 è incerta. Alcuni patogeni emergenti diventano avirulenti quando le popolazioni si avvicinano all’immunità di gregge. Sebbene non tutti i virus seguano questo percorso, il fatto che i coronavirus stagionali siano benigni dà qualche speranza. “Abbiamo sviluppato un modello matematico generale per prevedere quando l’interazione tra tre fattori, la correlazione della gravità nelle infezioni consecutive, l’eterogeneità della popolazione nella suscettibilità dovuta all’età e la gravità ridotta a causa dell’immunità parziale, promuoverà l’avirulenza poiché SARS-CoV-2 diventa endemica. Ciascuno di questi componenti ha il potenziale per limitare nel tempo casi gravi e ad alta diffusione nelle giuste circostanze, ma in combinazione possono ridurre rapidamente la frequenza delle manifestazioni più gravi e infettive della malattia in un’ampia gamma di condizioni. Questo studio mostra un possibile futuro che non è stato ancora completamente affrontato”, afferma Fred Adler, PhD, Professore di matematica e scienze biologiche presso la Utah. “Nel prossimo decennio, la gravità del COVID-19 potrebbe diminuire man mano che le popolazioni sviluppano collettivamente l’immunità“.

Vedi anche:Mappato il tessuto polmonare malato in COVID-19 grave

- Advertisement -

I risultati suggeriscono che i cambiamenti nella malattia potrebbero essere guidati da adattamenti della nostra risposta immunitaria piuttosto che da cambiamenti nel virus stesso. Adler è autore senior della pubblicazione con Alexander Beams, primo autore e studente laureato presso il Dipartimento di Matematica e la Divisione di Epidemiologia presso l’Università dello Utah Health e la coautrice universitaria Rebecca Bateman.

Sebbene SARS-CoV-2 (il coronavirus a volte mortale che causa COVID-19) sia il membro più noto di quella famiglia di virus, altri coronavirus stagionali circolano nella popolazione umana e sono molto più benigni. Alcune prove indicano che uno di questi parenti che causano il raffreddore potrebbe essere stato grave una volta, dando origine alla pandemia di “influenza russa” alla fine del XIX secolo. I parallelismi hanno portato gli scienziati della Utah a chiedersi se la gravità di SARS-CoV-2 potesse diminuire in modo simile nel tempo.

Per testare l’idea, i ricercatorin hanno costruito modelli matematici che incorporano prove sulla risposta immunitaria del corpo a SARS-CoV-2 sulla base dei seguenti dati dell’attuale pandemia. È probabile che vi sia una risposta alla dose tra l’esposizione al virus e la gravità della malattia:

    • Una persona esposta a una piccola dose di virus avrà maggiori probabilità di contrarre un caso lieve di COVID-19 ed eliminare piccole quantità di virus.
    • Al contrario, gli adulti esposti a una grande dose di virus hanno maggiori probabilità di avere una malattia grave e di diffondere più virus.
    • Il mascheramento e l’allontanamento sociale riducono la dose virale.
  • È improbabile che i bambini sviluppino una malattia grave.
  • Gli adulti che hanno avuto COVID-19 o sono stati vaccinati sono protetti contro malattie gravi.

L’esecuzione di diverse versioni di questi scenari ha mostrato che i tre meccanismi in combinazione creano una situazione in cui una percentuale crescente della popolazione diventerà predisposta a malattie lievi a lungo termine. Gli scienziati hanno ritenuto che la trasformazione fosse sufficientemente significativa da richiedere un nuovo termine. In questo scenario, SARS-CoV-2 diventerebbe “solo un altro coronavirus stagionale” o in breve JASC.

- Advertisement -

“All’inizio della pandemia, nessuno aveva visto il virus prima”, spiega Adler. “Il nostro sistema immunitario non era preparato”. I modelli mostrano che man mano che più adulti diventano parzialmente immuni, sia attraverso una precedente infezione o vaccinazione, le infezioni gravi scompariranno quasi del tutto nel prossimo decennio. Alla fine, le uniche persone che saranno esposte al virus per la prima volta saranno i bambini che sono naturalmente meno inclini a malattie gravi.

“Il nuovo approccio qui è riconoscere la competizione in atto tra infezioni da COVID-19 lievi e gravi e chiedersi quale tipo persisterà a lungo termine”, dice Beams. Abbiamo dimostrato che le infezioni lievi vinceranno, purché addestrino il nostro sistema immunitario a combattere le infezioni gravi”.

I modelli non tengono conto di ogni potenziale influenza sulla traiettoria della malattia. Ad esempio, se nuove varianti di virus superano l’immunità parziale, COVID-19 potrebbe peggiorare. Inoltre, le previsioni si basano sui presupposti chiave del modello che regge.

“Il nostro prossimo passo è confrontare le nostre previsioni del modello con i dati più recenti sulla malattia per valutare in che direzione sta andando la pandemia mentre si sta verificando”, dice Adler. 

Fonte:Viruses

 

ULTIMI ARTICOLI

COVID-19 alla fine diventerà solo un fastidio stagionale?

Entro il prossimo decennio, il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della COVID-19 potrebbe diventare poco più che un fastidio, causando nient'altro che comuni tosse e...

Steatosi epatica: le cellule immunitarie la promuovono

(Steatosi epatica: Immagine Credit Public Domain). Un particolare tipo di cellula dendritica è responsabile del danno tissutale che si verifica nelle steatosi epatica non alcolica...

Ictus: illuminante trattamento da nano-fotosintesi

(Ictus-Immagine: fette di cervello di topi che hanno ricevuto terapia nano-fotosintetica (a destra) hanno meno neuroni danneggiati, mostrati in verde, rispetto ai topi di...

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain). Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia...