HomeSaluteStatine lipofile legato ad aumento rischio demenza

Statine lipofile legato ad aumento rischio demenza

(Statine-Immagine Credit Public Domain).

Nei pazienti con lieve deterioramento cognitivo, l’assunzione di statine lipofile raddoppia il rischio di sviluppare demenza rispetto a coloro che non assumono statine. Secondo una ricerca presentata al meeting annuale 2021 della Society of Nuclear Medicine and Molecular Imaging, le scansioni con tomografia a emissione di positroni (PET) dei consumatori di statine lipofile hanno rivelato un declino altamente significativo del metabolismo nell’area del cervello colpita per la prima volta dall’Alzheimer.

Le statine sono farmaci usati per abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di infarto o ictus. Sono i farmaci più comunemente usati nel mondo sviluppato e quasi il 50 percento degli americani di età superiore ai 75 anni le usa. Sono disponibili diversi tipi in base alle esigenze di salute del paziente, comprese le statine idrofile che si concentrano sul fegato e le quelle lipofile che vengono distribuite ai tessuti di tutto il corpo.

- Advertisement -

“Ci sono stati molti studi contrastanti sugli effetti delle statine sulla cognizione”, ha detto Prasanna Padmanabham, capo progetto nel programma di ricerca per studenti di farmacologia molecolare e medica presso l’Università della California, Los Angeles. “Mentre alcuni affermano che proteggono gli utenti dalla demenza, altri affermano che accelerano lo sviluppo della demenza. Il nostro studio mirava a chiarire la relazione tra l’uso di statine e la traiettoria cognitiva a lungo termine”.

I ricercatori hanno separato i partecipanti allo studio in gruppi in base a tre parametri: stato cognitivo di base, livelli di colesterolo di base e tipo di statina utilizzata. I partecipanti sono stati sottoposti a imaging PET 18F-FDG per identificare eventuali regioni di declino del metabolismo cerebrale all’interno di ciascun gruppo di statine. Sono stati analizzati otto anni di dati clinici del soggetto.

Vedi anche:Le statine possono avere effetti diversi in diverse parti del corpo

È stato riscontrato che i pazienti con lieve deterioramento cognitivo o cognizione normale che usavano statine lipofile avevano più del doppio del rischio di sviluppare demenza rispetto ai non utilizzatori di statine. Nel corso del tempo, l’imaging PET dei consumatori di statine lipofile ha mostrato anche un sostanziale declino del metabolismo nella corteccia cingolata posteriore, la regione del cervello nota per il declino più significativo nelle prime fasi della malattia di Alzheimer. Al contrario, non è stato riscontrato alcun declino clinico o metabolico per gli utilizzatori di altre statine o per gli utilizzatori di statine con livelli di colesterolo sierico basali più elevati.

- Advertisement -

“Caratterizzando gli effetti metabolici associati all’uso di statine, stiamo fornendo una nuova applicazione della PET per approfondire la nostra comprensione della relazione tra una delle classi di farmaci più comunemente usate e una delle affezioni più comuni del cervello che invecchia”, ha osservato. Padmanabham. “I risultati di queste scansioni potrebbero essere utilizzati per informare le decisioni dei pazienti riguardo a quale statina sarebbe più ottimale da utilizzare rispetto alla conservazione della loro cognizione”.

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...