SLA e Alzheimer, i ricercatori sperano di poter sostituire le cellule cerebrali disfunzionali

alzheimer,sla

Immagine, Bob Harris e Harald Lund al Dipartimento di Neuroscienze Cliniche. Credito: Karolinska Institutet.

Un nuovo studio dei ricercatori del Karolinska Institutet sostiene la teoria secondo cui la sostituzione delle cellule immunitarie disfunzionali nel cervello ha un potenziale terapeutico per le malattie neurodegenerative come la SLA e il morbo di Alzheimer. 

Lo studio, che ha indotto il ripopolamento del cervello con nuove cellule immunitarie in un modello di malattia sperimentale, è stato pubblicato su Nature Communications.

I macrofagi sono cellule immunitarie presenti in tutto il corpo e sono specializzati secondo l’organo in cui operano; nel cervello sono conosciuti come microglia. In un cervello sano, le microglia sono coinvolte in molte funzioni di assistenza che supportano le attività e la salute delle cellule nervose. In malattie come la SLA e il morbo di Alzheimer, la microglia funziona invece per danneggiare le cellule nervose.

Vedi anche, Nuova frontiera nel trattamento delle malattie neurodegenerative.

Nuovo modello di deplezione delle microglia

I ricercatori che hanno condotto l’attuale studio ritengono che la sostituzione della microglia disfunzionale con cellule sane possa potenzialmente essere di beneficio terapeutico in tali malattie neurodegenerative. Pertanto hanno sviluppato un nuovo modello di malattia in cui la microglia dell’animale viene rimossa dal sistema nervoso centrale (SNC). Questo porta ad un rapido afflusso di monociti, precursori dei macrofagi nel cervello e nel midollo spinale, dando origine a nuove cellule simili alla microglia. 

La microglia nel cervello, tuttavia, ha un’origine embrionale diversa rispetto ai monociti trasmessi nel sangue.

Sapevamo che i monociti del sangue si sarebbero infiltrati nel SNC nel nostro modello sperimentale di topo, ma non sapevamo in che misura si sarebbero adattati al nuovo microambiente“, dice il primo autore dello studio Harald Lund, un dottorando recentemente laureato presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche del Karolinska Institutet. “Così abbiamo sezionato il processo di ripopolamento e caratterizzato pienamente quello che è successo a queste cellule con il tempo”.

I monociti, cellule infiltranti, si adattano al tessuto “vuoto”, ma non si differenziano completamente nella microglia. 

Tuttavia, nell’esperimento i monociti iniziarono ad esprimere molti geni caratteristici della microglia, adottarono la loro morfologia e esibirono funzioni simili alla microglia. 

Una meta-analisi di diversi studi recenti sulla ripopolazione della microglia ha ulteriormente confermato che le firme geniche sono specifiche per i monociti infiltranti che si adattano al microambiente del SNC, il che va contro la loro natura. 

L’apparente dominanza del microambiente tissutale nel dettare la funzionalità cellulare potrebbe essere sfruttata a livello terapeutico, secondo i ricercatori.   

Lo studio fornisce supporto per gli attuali progetti volti a sviluppare nuove immunoterapie per le malattie neurodegenerative.

Ci sono diversi incurabili malattie neurodegenerative negli esseri umani, ma c’è anche una completa mancanza di immunoterapie efficienti,” dice il Professor Bob Harris presso il Centro di Medicina Molecolare, Karolinska University Hospital e il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet. “Riteniamo che un’efficace sostituzione della microglia disfunzionale abbia il potenziale per essere una terapia efficace, quindi la comprensione degli eventi molecolari e delle conseguenze della ripopolazione di un SNC compromesso dala microglia è fondamentale per lavorare verso questo obiettivo“.

Fonte, Nature Communication

Altri articoli su alzheimer, sla