Nell’insufficienza cardiaca, un cuore più forte potrebbe significare sintomi peggiori

insufficienza cardiaca

I pazienti con insufficienza cardiaca rientrano in due categorie generali: quelli con cuori più deboli e quelli con cuori più forti, ma più rigidi che continuano a espellere il volume normale di sangue ad ogni battito. Una nuova ricerca mostra che entrambi i gruppi soffrono di simili livelli di menomazioni fisiche e cognitive dopo un’ospedalizzazione per l’insufficienza cardiaca e che, sorprendentemente, i pazienti con cuori più forti hanno tassi più alti di sintomi depressivi e qualità della vita inferiore .

‘ I risultati di questo studio parlano di come l’ insufficienza cardiaca sia generalizzata”, afferma l’autore senior Gordon Reeves, Professore associato di cardiologia presso il Sidney Kimmel Medical College della Thomas Jefferson University. “L’insufficienza cardiaca è una delle ragioni più comuni di ricoveri per i pazienti più anziani e le problematiche riscontrate in seguito a una ospedalizzazione per insufficienza cardiaca possono avere un enorme effetto sulle loro funzioni quotidiane e sull’ indipendenza. 

I risultati dello studio sono stati pubblicati online sulla rivista Circulation: Heart Failure.

Molti trattamenti per l’insufficienza cardiaca – ad esempio farmaci come inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina o beta-bloccanti e alcuni tipi di pacemaker – sono efficaci solo nei pazienti con cuori più deboli, quelli con una cosiddetta frazione di eiezione ridotta (rEF), che significa che la camera di pompaggio del cuore espelle una porzione più piccola di sangue di quanto dovrebbe a ogni battito cardiaco. L’insufficienza cardiaca nei pazienti con cuore più forte, quelli con frazione di eiezione conservata (pEF), è in realtà la forma più comune di insufficienza cardiaca negli adulti più anziani e ha maggiori probabilità di colpire le donne, ma ci sono molte meno terapie efficaci attualmente disponibili.

Vedi anche, Scoperta una proteina che protegge dall’ insufficienza cardiaca.

“Questa ricerca ci offre un quadro molto più chiaro dei sintomi e dei potenziali ostacoli alla cura di successo dei pazienti più anziani con frazioni di eiezione ridotta e conservata in seguito a insufficienza cardiaca e ci fornisce nuove informazioni sugli interventi che potrebbero migliorare la loro qualità di vita e risultati clinici “, ha detto il Dott. Reeves.

Reeves e colleghi del centro di coordinamento, la Wake Forest School of Medicine e lDuke University Medical Center hanno analizzato i dati dei primi 202 pazienti arruolati al test clinico REHAB-HF multicentrico in corso (numero dello studio NIH: NCT02196038). L’obiettivo generale di questo studio, che mira ad arruolare 360 ​​pazienti, è determinare il beneficio degli interventi di riabilitazione per i pazienti più anziani che si stanno riprendendo da un ricovero per insufficienza cardiaca e che potrebbe trovare difficile completare i tipi di attività fisica inclusi nella riabilitazione cardiaca tradizionale.

L’analisi iniziale di base presentata in questo rapporto intermedio, è la prima a esaminare le differenze nelle prestazioni fisiche, fragilità, depressione e cognizione tra pazienti con frazione di eiezione conservata e ridotta.

In un editoriale di accompagnamento, Kelsey M Flint del Rocky Mountain Regional VA Medical Center e Daniel E Forman del Dipartimento di Medicina dell’Università di Pittsburgh, dicono che questa caratterizzazione è significativa, perché l’insufficienza cardiaca è una condizione che non è stata completamente affrontata dagli attuali standard di cura. “Oltre il 70% dei beneficiari di Medicare che sono ospedalizzati per scompenso cardiaco (HF) muoiono o vengono riospedalizzati un anno dopo la dimissione”, scrivono gli autori redazionali.

Utilizzando una serie di valutazioni più comuni nel campo della medicina geriatrica rispetto alla cardiologia, i ricercatori hanno riscontrato che entrambi i tipi di pazienti hanno ottenuto punteggi ugualmente mediocri su misure di abilità fisica, come la velocità di deambulazione, l’alzarsi da una sedia senza assistenza e la resistenza. Hanno avuto punteggi simili su misure di fragilità e anche deterioramento cognitivo. Tuttavia, i punteggi di depressione e qualità della vita erano costantemente inferiori nei pazienti con frazioni di eiezione conservate o cuori più forti.

“Pensiamo a questi risultati come a un invito all’azione per la comunità cardiologica”, ha affermato il Dott. Reeves. “Questi risultati indicano che dobbiamo fare di più che decongestionare i cuori di questi pazienti “.

Fonte, Medicalxpress

Altri articoli su insufficienza cardiaca