Home Salute Fegato Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain.

Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata

In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre l’infiammazione, tuttavia i meccanismi alla base dell’efficacia del trattamento non sono chiari. 

Ora, Mireia Casulleras della Fondazione europea per lo studio dell’insufficienza epatica cronica a Barcellona ed altri ricercatori da varie Istituzioni e Università, hanno utilizzato leucociti del sangue periferico da pazienti e dimostrato che HSA ha inibito la produzione di citochine indotta da CpG-DNA. HSA è stata assorbita dai leucociti e localizzata negli endosomi, dove ha inibito la segnalazione del recettore Toll-like.

- Advertisement -

I risultati dello studio suggeriscono che i leucociti svolgono un ruolo critico nell’effetto dell’HSA e offrono una prospettiva alternativa per comprendere la fisiopatologia della cirrosi acuta scompensata.

Vedi anche:La firma derivata dal microbioma predice la cirrosi

L’albumina sierica umana (HSA) è un trattamento emergente per prevenire un’eccessiva infiammazione sistemica e insufficienza d’organo in pazienti con cirrosi acuta scompensata (AD). I ricercatori hanno studiato i meccanismi molecolari alla base delle proprietà immunomodulatorie di HSA. La somministrazione di HSA a pazienti con cirrosi AD con DNA batterico circolante elevato ricco di motivi dideoxynucleotide citosina-fosfato-guanina non metilati (CpG-DNA) è stata associata a concentrazioni di citochine plasmatiche ridotte. Nei leucociti isolati, l’HSA ha abolito l’espressione e il rilascio di citochine indotto da CpG-DNA indipendentemente dalle sue proprietà oncotiche e di lavaggioEffetti antinfiammatori simili sono stati osservati con l’albumina umana ricombinante. 

HSA ha esercitato cambiamenti diffusi sul trascrittoma delle cellule immunitarie, in particolare nei geni correlati alle citochine e alle risposte all’interferone di tipo I. “I nostri dati hanno rivelato che HSA è stata assorbita dai leucociti e interiorizzata in vescicole colorate positivamente con l’antigene endosomico 1 precoce e colocalizzato con CpG-DNA negli endosomi, dove quest’ultimo si lega al recettore Toll-like 9 (TLR9), il suo recettore affine. Inoltre, l’HSA ha anche inibito la fosforilazione del fattore regolatore 3 dell’interferone indotto dall’acido policitidilico e dai lipopolisaccaridi e dalle risposte mediate dall’interferone indotto dall’adattatore contenente il dominio TIR, che sono esclusive della segnalazione endosomiale TLR3 e TLR4, rispettivamente”. 

- Advertisement -

Le azioni immunomodulatorie dell’HSA non hanno compromesso i meccanismi difensivi dei leucociti come la fagocitosi, l’efferocitosi e la produzione di specie reattive dell’ossigeno intracellulari. Gli effetti immunomodulatori in vitro di HSA sono stati confermati in vivo in topi transgenici.

Questi risultati indicano che HSA internalizza nelle cellule immunitarie e modula le loro risposte attraverso l’interazione con la segnalazione TLR endosomiale, fornendo così un meccanismo per i benefici delle infusioni di HSA nei pazienti con cirrosi.

Fonte: Science

ULTIMI ARTICOLI

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...

Diversi farmaci per l’epatite C possono inibire la proteasi principale SARS-CoV-2

Immagine: SARS-CoV-2. Public Domain. Esperimenti condotti da ricercatori presso l'Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell'Energia hanno determinato che diversi farmaci per l'epatite C possono...