Semplice test delle urine potrebbe rivoluzionare la diagnosi del cancro alla prostata

cancro alla prostata

Un semplice test delle urine in fase di sviluppo per la rilevazione del cancro alla prostata può ora utilizzare campioni di urina raccolti a casa – secondo una nuova ricerca dell’Università di East Anglia e dell’Ospedale dell’Università di Norfolk e Norwich.

Gli scienziati hanno aperto la strada al test che diagnostica il carcinoma prostatico aggressivo e prevede se i pazienti richiederanno un trattamento, fino a cinque anni prima rispetto ai metodi clinici standard.

Il loro ultimo studio mostra come il test “PUR” (rischio di cancro alla prostata rilevato nelle urine) potrebbe essere eseguito su campioni raccolti a casa, quindi gli uomini non dovranno entrare in clinica per fornire un campione di urina – o sottoporsi a un esame rettale scomodo.

Questo è un importante passo avanti, perché la prima minzione della giornata fornisce livelli di biomarcatori della prostata che sono molto più alti e più coerenti. E il team di ricerca spera che l’introduzione del “Kit di raccolta a domicilio” possa rivoluzionare la diagnosi della malattia.

Il ricercatore capo, il Dott. Jeremy Clark, della Norwich Medical School della UEA, ha dichiarato: “Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini nel Regno Unito. Di solito si sviluppa lentamente e i medici lottano per prevedere quali tumori diventeranno aggressivi, rendendo difficile decidere il trattamento”.

I test più comunemente utilizzati per il carcinoma prostatico comprendono esami del sangue, un esame fisico noto come esame rettale digitale (DRE), una risonanza magnetica o una biopsia.

“Abbiamo sviluppato il test PUR, che esamina l’espressione genica nei campioni di urina e fornisce informazioni vitali sul fatto che un cancro sia aggressivo o a basso rischio. Poiché la prostata è costantemente secernente, la raccolta di urina dalla prima minzione maschile del giorno significa che i livelli di biomarcatori dalla prostata sono molto più alti e più coerenti, quindi questo è un grande miglioramento. Essere in grado di fornire semplicemente un campione di urina raccolta a casa e inviare il campione per l’analisi potrebbe davvero rivoluzionare la diagnosi. Significa che gli uomini non dovrebbero sottoporsi a un esame rettale digitale, quindi sarebbe molto meno stressante e dovrebbe comportare un numero maggiore di pazienti sottoposti al test”, spiega il Dott. Jeremy Clark .

Il team di ricerca ha fornito a 14 partecipanti un kit di raccolta delle urine a casa e istruzioni. Ha quindi confrontato i risultati dei campioni di urina prelevati per prima cosa al mattino, con i campioni raccolti dopo un esame rettale digitale.

Vedi anche,Perché l’ immunoterapia fallisce contro le metastasi ossee nel cancro alla prostata.

“Abbiamo scoperto che i campioni di urina prelevati a casa mostravano i biomarcatori per il cancro alla prostata molto più chiaramente che dopo un esame rettale. E il feedback dei partecipanti ha mostrato che era preferibile il test a casa. L’utilizzo del nostro test At Home potrebbe in futuro rivoluzionare  la ” sorveglianza attiva” per monitorare per la progressione della malattia, con i pazienti che devono visitare la clinica solo per un risultato del test dell’ urina. Questo è in contrasto con la situazione attuale in cui gli uomini vengono richiamati alla clinica ogni 6-12 mesi per biopsie dolorose e costose”, dicono gli autori.

Poiché il test PUR prevede con precisione il carcinoma prostatico aggressivo e prevede se i pazienti richiederanno un trattamento fino a cinque anni prima rispetto ai metodi clinici standard – ciò significa che un test negativo potrebbe consentire agli uomini di essere testati di nuovo solo ogni due o tre anni, alleviando lo stress del paziente e riducendo il carico di lavoro dell’ospedale.

Robert Mills, consulente chirurgo in urologia presso l’Ospedale universitario di Norfolk e Norwich, ha dichiarato: “Questo è uno sviluppo molto eccitante in quanto questo test ci dà la possibilità di differenziare le persone con il cancro dalle altre, evitando così di sottoporre molti uomini a indagini non necessarie. Quando diagnostichiamo il cancro alla prostata, il test delle urine ha il potenziale di differenziare coloro che hanno bisogno di un trattamento da quelli che non hanno bisogno di cure. Questi pazienti passano a un programma di sorveglianza attiva a seguito della diagnosi che può comportare ripetute biopsie e scansioni MRI piuttosto invadenti. Questo test delle urine ha il potenziale per dirci se si deve intervenire o no, con questi pazienti “.

Il team di ricerca afferma che le loro scoperte potrebbero anche aiutare a sperimentare lo sviluppo di test di raccolta a casa delle urine per il cancro della vescica o dei reni.

Fonte, BioTechniques


Altri articoli su cancro alla prostata