Scoperto possibile collegamento tra elevato consumo di bevande zuccherate e cancro

bevande zuccherate,cancro

Uno studio pubblicato da The BMJ oggi,riporta una possibile associazione tra un maggiore consumo di bevande zuccherate e un aumentato rischio di cancro.

Sebbene occorra un’interpretazione prudente, i risultati si aggiungono a un crescente numero di prove che indicano che limitare il consumo di bevande zuccherate, potrebbe contribuire a ridurre i casi di cancro.

Il consumo di bevande zuccherate è aumentato in tutto il mondo negli ultimi decenni ed è associato in modo convincente al rischio di obesità, che a sua volta è riconosciuto come un forte fattore di rischio per molti tumori. Ma la ricerca sulle bevande zuccherate e sul rischio di cancro è ancora limitata.

Così un team di ricercatori con sede in Francia ha deciso di valutare le associazioni tra il consumo di bevande zuccherate e bevande artificialmente addolcite  e rischio di cancro generale, nonché di cancro al seno, prostata e cancro dell’intestino (colorettale).

Le loro scoperte sono basate sull’osservazione di 101.257 adulti francesi sani (21% uomini, 79% donne) con un’età media di 42 anni al momento dell’inclusione allo studio di coorte NutriNet-Santé.

I partecipanti hanno completato almeno due questionari dietetici online convalidati di 24 ore, progettati per misurare l’assunzione abituale di 3.300 diversi alimenti e bevande e sono stati seguiti per un massimo di 9 anni (2009-2018).

Sono stati calcolati i consumi giornalieri di bevande zuccherate  e succhi di frutta al 100% e bevande artificialmente addolcite (dietetiche) e i primi casi di cancro segnalati dai partecipanti sono stati convalidati da cartelle cliniche e collegati a banche dati nazionali di assicurazione sanitaria.

Sono stati presi in considerazione diversi fattori di rischio ben noti per il cancro, come età, sesso, livello di istruzione, storia familiare di cancro, fumo e livelli di attività fisica.

Vedi anche, Le bevande zuccherate possono aumentare il grasso viscerale.

Il consumo medio giornaliero di bevande zuccherate era maggiore negli uomini rispetto alle donne (90,3 ml / 74,6 ml, rispettivamente). Durante il follow-up 2.193 i primi casi di cancro sono stati diagnosticati e validati (693 tumori al seno, 291 tumori della prostata e 166 tumori del colon-retto). L’età media alla diagnosi del cancro era di 59 anni.

I risultati mostrano che un aumento di 100 ml al giorno nel consumo di bevande zuccherate era associato a un aumento del 18% del rischio di cancro globale e ad un aumento del rischio di cancro al seno del 22%. Quando il gruppo è stato diviso in persone che assumevano succhi di frutta e persone che assumevano altre bevande zuccherate, il consumo di entrambi i tipi di bevande è stato associato ad un più alto rischio di cancro globale. Nessuna associazione è stata trovata per i tumori della prostata e del colon-retto, ma il numero di casi era più limitato per questi tipi di cancro.

Al contrario, il consumo di bevande artificialmente addolcite (dietetiche) non era associato a un rischio di cancro, ma gli autori avvertono che è necessaria cautela nell’interpretazione di questo risultato a causa di un livello di consumo relativamente basso in questo campione.

Le possibili spiegazioni per questi risultati includono l’effetto dello zucchero contenuto nelle bevande zuccherate sul grasso viscerale (conservato attorno agli organi vitali come il fegato e il pancreas), i livelli di zucchero nel sangue e i marcatori infiammatori, tutti collegati a un aumento del rischio di cancro.

Altri composti chimici, come gli additivi in ​​alcune bevande gassate potrebbero anche svolgere un ruolo, secondo i ricercatori.

Questo è uno studio osservazionale, quindi non può stabilire la causa e gli autori dicono che non possono escludere alcune errate classificazioni di bevande o garantire l’individuazione di ogni nuovo caso di cancro.

Tuttavia, il campione dello studio era ampio e i risultati sono stati in gran parte invariati dopo ulteriori test, il che suggerisce che i risultati resistono all’esame accurato di convalida.

“Questi risultati richiedono la replica in altri studi su larga scala”, affermano gli autori. “Questi dati supportano l’importanza delle raccomandazioni nutrizionali esistenti di limitare il consumo di bevande zuccherate che potrebbe potenzialmente contribuire alla riduzione dell’incidenza del cancro”.

Fonte, BMJ

Altri articoli su bevande zuccherate, cancro