Nuova terapia per la cefalea acuta

emicrania

Un farmaco appartenente a una nuova generazione di trattamenti per la  cefalea acuta, elimina il dolore e riduce i fastidiosi sintomi legati all’emicrania in uno studio su larga scala riportato nel numero dell’ 11 luglio del New England Journal of Medicine.

 Il farmaco, Rimegepant, è in attesa dell’approvazione della Food and Drug Administration e può offrire vantaggi rispetto ai farmaci per l’emicrania attualmente disponibili. Lo studio è stato condotto da ricercatori presso l’Albert Einstein College of Medicine e Montefiore Health System.

Per la prima volta in quasi tre decenni, le persone con emicrania non aiutate dai farmaci esistenti potrebbero avere una nuova opzione di trattamento per trovare sollievo durante gli attacchi“, ha detto Richard B. Lipton, il primo autore dello studio e Edwin S. Lowe Professor e vice Presidente del Dipartimento di Neurologia Saul R. Korey all’ Einstein e Direttore del Centro di Cefalea Montefiore.

Disordine debilitante

L’emicrania colpisce circa il 12-14% delle persone o più di un miliardo di individui in tutto il mondo. Questo disturbo neurologico cronico comporta attacchi periodici di dolore alla testa e sintomi che possono includere nausea e sensibilità alla luce e al suono. Più di tre quarti dei malati di emicrania subiscono almeno un attacco di emicrania al mese, e più della metà sono gravemente debilitati dagli attacchi.

Vedi anche, Emicrania collegata ad alti livelli di sodio nel liquido cerebrospinale.

Attualmente, molte persone affette da emicrania assumono farmaci triptan (esempi includono sumitriptan, eletriptan e rizatriptan), che sono stati introdotti negli anni ’90. I triptani arrestano l’emicrania acuta stimolando i recettori della serotonina, che a loro volta riducono l’infiammazione e causano vaso-costrizione. Ma i triptani non aiutano tutti, possono produrre effetti collaterali intollerabili e, poiché costringono i vasi sanguigni, non dovrebbero essere assunti da persone con malattie cardiovascolari (CVD) o da fattori di rischio CVD.

Le persone non aiutate dai triptani, o coloro che non possono assumere questi farmaci, possono beneficiare della nuova classe di farmaci chiamati, gepants, che include Rimegepant. I gepant lavorano prendendo di mira i recettori per una piccola proteina chiamata CGRP, a lungo implicata nell’emicrania. Durante gli attacchi di emicrania, CGRP viene rilasciata con conseguente dolore. I Gepant alleviano il dolore e altri sintomi dell’emicrania bloccando la via CGRP.

Lo studio pubblicato dal New England Journal of Medicine, ha valutato Rimegepant in uno studio randomizzato in doppio cieco che ha coinvolto più di 1.000 uomini e donne con emicrania in 49 centri negli Stati Uniti. I partecipanti sono stati istruiti ad assumere una compressa di rimegepant o una compressa di placebo corrispondente, durante un attacco di emicrania, una volta sviluppato un dolore moderato o grave. Prima di assumere la compressa e per 48 ore dopo, i pazienti hanno risposto a domande in un diario elettronico relativo al loro dolore e ai loro sintomi più fastidiosi. I partecipanti hanno scelto il loro sintomo più fastidioso da una lista, tra cui intolleranza alla luce, intolleranza ai suoni forti o nausea.

Due ore dopo aver assunto le loro compresse, il 19,6% dei pazienti nel gruppo Rimegepant era libero dal dolore rispetto al 12,0% nel gruppo placebo: una differenza statisticamente significativa. La liberazione dai sintomi più fastidiosi si è verificata nel 37,6% dei pazienti nel gruppo Rimegepant e nel 25,2% nel gruppo placebo. Gli effetti collaterali erano minimi, con nausea e infezioni del tratto urinario, gli unici effetti avversi riportati in più dell’1% dei pazienti in ciascun gruppo e nessun effetto avverso CVD è stato osservato.

“Questi risultati confermano che il meccanismo di azione di Rimegepant, che blocca il pathway CGRP, allevia efficacemente il dolore e i sintomi associati che si verificano durante gli attacchi acuti di emicrania “, ha affermato il Dr. Lipton. 

Fonte, New England Journal of Medicine


Altri articoli su emicrania