Scoperto il meccanismo attraverso il quale le radiazioni ultraviolette danneggiano la nostra pelle

pelle,radiazioni ultraviolette

I ricercatori della Binghamton University, State University di New York hanno scoperto il meccanismo attraverso il quale le radiazioni ultraviolette, emesse dal sole, danneggiano la nostra pelle.

Che tipo di radiazione ultravioletta è la peggiore per la nostra pelle? E come fa esattamente il sole a danneggiarla?

Queste due domande sono al centro di un nuovo studio di Zachary W. Lipsky, un dottorando in ingegneria biomedica alla Binghamton University. Lo studio è stato supervisionato dal Professore assistente di ingegneria biomedica Guy K. German.

“L’industria cosmetica è un enorme business da svariati miliardi di dollari e stanno tutti provando cose diverse da aggiungere alle loro creme solari per renderle migliori nel proteggere la pelle”, ha detto German. “Fino a questo punto, tuttavia, ci sono stati molti studi sui danni alla pelle, ma nessuno ha visto correttamente come i raggi UV influenzano l’integrità meccanica della pelle”.

Vedi anche, Nuovi risultati spiegano come i raggi UV innescano il melanoma.

Le radiazioni ultraviolette – che l’occhio umano non riesce a percepire – sono suddivise in quattro categorie a seconda della lunghezza d’onda e dell’energia del fotone. Precedenti studi hanno documentato come ogni tipo di radiazione UV penetra a diverse profondità nella pelle e che un’esposizione prolungata può portare al cancro della pelle, ma esattamente come le radiazioni UV danneggiano la pelle umana in altri modi, ha ricevuto meno attenzione. I ricercatori del settore cosmetico hanno discusso per anni se UVA è peggiore di UVB che porta alla comparsa precoce delle rughe e all’aumento della fragilità dei tessuti.

Lo studio di Binghamton ha utilizzato campioni di pelle del seno femminile, scelti perché esposti in genere solo a bassi livelli di luce solare, sottoposti a varie lunghezze d’onda delle radiazioni UV. Ciò che Lipsky e il tedesco hanno scoperto è che nessun raggio UV è più dannoso di un altro, piuttosto, il danno si ridimensiona con la quantità di energia UV che la pelle assorbe. Una scoperta più significativa, tuttavia, è il meccanismo di come esattamente i raggi UV danneggiano la pelle. Lo studio mostra che i raggi UV indeboliscono i legami tra le cellule dello strato corneo – lo strato superiore della pelle – influenzando le proteine ​​nei corneodesmosomi che aiutano le cellule ad aderire insieme. Ecco perché le scottature solari provocano desquamazione della pelle.

“Ciò che abbiamo notato quando abbiamo applicato sempre più radiazioni UV è che la dispersione di questi corneodesmosomi stava aumentando”, ha detto Lipsky. “ Concludiamo che la rottura di questi corneodesmosomi, danneggia l’ integrità strutturale della pelle“.

Basandosi sui risultati di questo studio, Lipsky e German stanno facendo ulteriori ricerche su come le radiazioni UV influenzano gli strati più profondi della pelle.

 Lipsky ha detto: Lo strato corneo è la prima barriera per l’ambiente esterno, quindi dobbiamo proteggerlo”.

Lo studio “Ultraviolet light degrades the mechanical and structural properties of human stratum corneum,” è stato pubblicato sul Journal of the Mechanical Behaviour of Biomedical Materials.

Immagine, Guy K. German, assistente alla cattedra di ingegneria biomedica dell’Università di Binghamton, ha curato lo studio. Credito: Università di Binghamton, Università di Stato di New York.

Fonte, Journal of the Mechanical Behavior of Biomedical Materials


Altri articoli su pelle, radiazioni ultraviolette