Scoperta relazione inversa tra febbre infettiva e rischio di cancro

cancro

Modelli ricorrenti nei resoconti dei pazienti suggeriscono l‘esistenza di una relazione inversa tra storia personale di febbre infettiva e rischio di cancro e questi modelli sono stati documentati in decenni di letteratura medica. Tuttavia, le prove a supporto di questa correlazione continuano ad essere principalmente aneddotiche. In “Verso l’antitumorale e le infezioni febbrili: Gamma / Delta (γδ) T Cells Hypothesis” pubblicato in The Quarterly Review of Biology,  Wieslaw Kozak, Tomasz Jedrzejewski, Malgorzata Pawlikowska, Jakub Piotrowski e Sylwia Wrotek propongono un’ipotesi meccanicistica che si concentra sul potenziale impatto che la febbre infettiva ha su un particolare sottogruppo di cellule T, note come cellule T gamma / delta.

Sulla base di precedenti ricerche e dati sperimentali, gli autori sostengono che l’esposizione ripetuta alla febbre aumenta la capacità delle cellule T di rilevare anomalie cellulari e di favorire ambienti inospitali che distruggono le cellule maligne. Questo documento è il primo a riconoscere il ruolo che le cellule T possono svolgere come partecipanti a questa relazione inversa.

( Vedi anche:Sottoprodotti del DNA spazzatura implicati nella diffusione del cancro).

La febbre infettiva è la reazione difensiva e adattativa che si verifica quando il sistema immunitario di un organismo entra in contatto con i pirogeni esogeni o con il pattern molecolare associato ai patogeni (PAMP). Dopo il riconoscimento di questi pirogeni esogeni, i mediatori endogeni, noti anche come pirogeni endogeni, attivano il sistema febbrile. Secondo il precedente lavoro di Shephard et al., un sistema febbrile è composto da tutti i meccanismi responsabili della facilitazione della febbre e dei vari sistemi che la febbre colpisce. I meccanismi di termoregolazione sono attivati, con conseguente aumento della temperatura corporea di un organismo.

Gli autori dello studio approfondiscono ulteriormente la funzione dei mediatori endogeni, come le citochine.

“In breve, i mediatori endogeni della febbre reindirizzano i substrati metabolici e l’energia al sistema immunitario durante la febbre, aumentando notevolmente la frequenza di una vasta gamma di difensori immunitari, inclusi i linfociti che esprimono i recettori eterodimeri, che possiedono una potente competenza anti-infettiva e antitumorale “, scrivono gli autori .

Le cellule T gamma / delta possiedono recettori (TCR) costituiti da eterodimeri gamma / catena delta. Infatti, gli autori affermano che gli unici attributi dei linfociti T – minore variabilità dei TCR, minori riarrangiamenti del segmento genico e TCR con memoria evolutiva più antica – consentono alle cellule di attivare processi che aiutano a ridurre il rischio di cancro, come la sorveglianza immunitaria e attaccando le cellule cancerose. Le cellule T Vg9Vd2 sono in grado di rispondere a vari tipi di cancro, come carcinoma, linfoma, prostata, mieloma e sarcoma. L’esposizione alle infezioni espande significativamente la quantità di cellule T. Durante l’infezione, le cellule Vg9Vd2 possono aumentare di numero fino a costituire il 60% della quantità totale di linfociti.

Mentre le ricerche precedenti e le attuali pratiche di immunoterapia del cancro si concentrano prevalentemente sulle cellule T alfa / beta (ab), l’analisi dell’interazione tra la febbre e le cellule T può generare ulteriori indagini sul maggiore impatto e sui benefici clinici di questa relazione.

Fonte: The University of Chicago Press Journals

Altri articoli su cancro