Sottoprodotti del “DNA spazzatura” implicati nella diffusione del cancro

Secondo una nuova ricerca, i sottoprodotti del “DNA spazzatura” sono implicati nella diffusione del cancro.

Si stima che solo il 2% del genoma umano codifica per proteine ​​funzionali che svolgono normali processi biologici. Il restante circa 98% – il “DNA spazzatura” – è stato per anni considerato un inutile artefatto. È stato dimostrato che alcuni DNA spazzatura sono trascritti in molecole di RNA che supportano le funzioni cellulari, tra cui RNA di trasferimento (tRNAS) e microRNA (miRNA), mentre l’RNA non codificante rimanente è considerato RNA “indesiderato” e non funzionale.

Il lavoro precedente dei ricercatori dell’Università della California, San Diego, nel laboratorio del Professore Shannon Lauberth, ha rivelato diversi migliaia di RNA potenziati (eRNA) che sono prodotti in modo robusto nelle cellule del cancro del colon in risposta alla segnalazione immunitaria cronica. Gli eRNA sono una classe recentemente identificata di RNA non codificanti e la loro identificazione ha portato gli scienziati ad interrogarsi sulla loro funzionalità. Ora, i membri del team di Lauberth hanno rivelato che gli eRNA svolgono un ruolo significativo nella diffusione del cancro.

I risultati dello studio sono stati pubblicati in Nature Structural and Molecular Biology.

Il ricercatore dell’Università di San Diego Homa Rahnamoun, Lauberth e i loro colleghi , hanno scoperto che gli eRNA hanno un ruolo diretto nell’attivazione di geni che sono importanti per lo sviluppo del tumore. Questo ruolo di eRNA è facilitato dalla capacità degli eRNA di interagire direttamente con BRD4, una proteina nota come disseminatore del cancro. BRD4 è stato riconosciuto come un obiettivo promettente nel trattamento del cancro e diverse piccole molecole sviluppate per agire contro BRD4 sono sotto indagini cliniche attive.

( Vedi anche:Nuovo farmaco per il trattamento del cancro induce la senescenza cellulare).

“I nostri risultati rivelano che gli eRNA sono i principali regolatori del cancro agendo per rinforzare il legame BRD4 e mantenerlo ancorato al DNA, il che mantiene i geni promotori del tumore attivati ​​a livelli elevati”, ha affermato Lauberth. “È interessante notare che quando riduciamo molti di questi eRNA, possiamo ridurre significativamente l’espressione dei geni che promuovono il tumore e che gli eRNA e BRD4 stanno co-regolando“.

“Ora che sappiamo che gli eRNA influenzano la funzione di BRD4, dobbiamo ripensare al modo in cui miriamo terapeuticamente a BRD4”, afferma Lauberth.

“Nel loro insieme, le nostre scoperte sono coerenti con la nozione emergente che gli eRNA sono molecole funzionali, piuttosto che semplici riflessioni di attivazione del potenziatore o semplicemente rumore trascrizionale ... Quindi questo trasformerà il modo in cui pensiamo agli “ RNA spazzatura “e alla regolazione dell’espressione genica nel contesto della cellula umana”, aggiunge Lauberth.

Gli studi futuri nel laboratorio di Lauberth esploreranno i meccanismi di sintesi di eRNA e la funzione nella regolazione dei geni e i metodi necessari per indirizzare gli eRNA al fine di fermare i loro meccanismi di promozione del cancro.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su cancro