Home Salute Biotecnologie e Genetica Scoperta mutazione genetica che protegge dalle malattie

Scoperta mutazione genetica che protegge dalle malattie

Immagine:Mutazione genetica. Credit:Montreal Clinical Research Institute.

Gli scienziati canadesi hanno scoperto una rara mutazione genetica che protegge dal rischio di malattie e pensano possa essere la proverbiale fonte della giovinezza. Ma non è per tutti: finora la mutazione è stata trovata solo in una manciata di famiglie franco-canadesi.

Chiamata PCSK9Q152H, si pensava inizialmente che la mutazione del gene PCSK9 proteggesse dalle malattie cardiovascolari. Studi recenti rivelano che può proteggere da altre malattie umane, principalmente malattie del fegato. “Potrebbe consentire ai fortunati soggetti mutanti PCSK9Q152H di rimanere in buona salute e vivere più a lungo”, affermano i ricercatori in uno studio pubblicato oggi sul prestigioso Journal of Clinical Investigation.

- Advertisement -

Il lavoro è stato condotto dai biologi vascolari Richard Austin e Paul Lebeau della McMaster University e dall’endocrinologo del Montreal Clinical Research Institute Michel Chrétien, Professore emerito presso l’Università di Montreal.

La prossima terapia genica?

“Queste sono scoperte entusiasmanti, ciò che abbiamo scoperto può rappresentare una sorta di fonte di giovinezza”, ha detto Austin, un Professore di medicina e uno degli autori senior dello studio. “Ora vogliamo vedere se possiamo trovare un approccio di terapia genica per sovraesprimere questa specifica variante del gene mutante nel fegato, e quindi offrire un trattamento innovativo per una serie di malattie che normalmente portano alla morte precoce”.

Vedi anche:Come una mutazione genetica comune guida il cancro

- Advertisement -

La notizia della scoperta della mutazione PCSK9Q152H è stata pubblicata per la prima volta nel 2011, dopo che Chrétien, il principale ricercatore clinico dell’attuale studio, l’ha scoperta in una famiglia franco-canadese. Espresso principalmente nel fegato, il gene mutato abbassa il colesterolo LDL plasmatico (“cattivo”) di una persona e previene le malattie cardiovascolari. Chrétien e il suo collega dell’IRCM Hanny Wassef l’hanno trovato anche in altre due grandi famiglie franco-canadesi.

Le persone portatrici di questa mutazione genetica erano sorprendentemente in buona salute verso la fine degli anni ’80 e la metà degli anni ’90. “Oltre al loro basso livello di colesterolo LDL plasmatico e al loro basso rischio di malattie cardiovascolari, la loro funzione epatica era completamente normale se misurata attraverso l’imaging e una valutazione medica completa”, hanno riferito gli scienziati di Montreal.

Fino ad ora, tuttavia, il meccanismo sottostante con cui la mutazione rappresentava un beneficio per la salute diverso da quello cardiovascolare era un mistero.

Un sorprendente effetto protettivo

Nel nuovo studio, i ricercatori McMaster mostrano che la sovraespressione di questa variante genetica nel fegato di topi che non portano PCSK9Q152H ha avuto un sorprendente effetto protettivo contro lesioni e disfunzioni del loro fegato. Inoltre, la sovraespressione ha portato a una forte riduzione dei livelli circolanti di PCSK9, proprio come accade nelle persone, diminuendo il colesterolo cattivo degli individui e mantenendoli in buona salute cardiovascolare.

“Quando abbiamo avviato questi studi, avevamo ipotizzato che l’introduzione della proteina mutante PCSK9Q152H nel fegato dei topi avrebbe causato danni o disfunzioni epatiche”, ha detto Austin. Ma “con nostro stupore”, ha aggiunto Lebeau, “la sovraespressione della variante del gene mutante nel fegato dei topi non è riuscita a causare stress nel sistema di produzione e confezionamento cellulare chiamato reticolo endoplasmatico, o ER, e in realtà ha protetto contro lo stress indotto nel fegato da lesione  ER”.

Nel loro laboratorio, gli scienziati della McMaster hanno continuato a dimostrare che la variante del gene mutante agisce come una proteina co-chaperone unica per stabilizzare diversi ben noti chaperoni ER, vale a dire GRP78 e GRP94 e per aumentare la loro attività protettiva contro i danni al fegato.

‘Risultati particolarmente gratificanti’

“Questi risultati del gruppo del Dottor Austin sono particolarmente gratificanti poiché spiegano sperimentalmente che questa mutazione genetica, nota per ridurre gli incidenti cardiovascolari, proteggeva anche da lesioni e disfunzioni epatiche, anche in individui  tra la fine degli anni ’80 e la metà degli anni ’90”, ha detto Chrétien, anche lei scienziata emerita presso l’Ottawa Hospital Research Institute.

“Inoltre, questi risultati dovrebbero permetterci di determinare se questa mutazione unica fornisce una protezione aggiuntiva contro le malattie del fegato come il cancro, oltre al suo effetto protettivo contro i rischi cardiovascolari“.

Fonte:nouvelles.umontreal

ULTIMI ARTICOLI

Scoperta mutazione genetica che protegge dalle malattie

Immagine:Mutazione genetica. Credit:Montreal Clinical Research Institute. Gli scienziati canadesi hanno scoperto una rara mutazione genetica che protegge dal rischio di malattie e pensano possa essere...

Fibrosi cistica: comprensione delle lesioni polmonari

Immagine: Fibrosi cistica. Credit: Public Domain. Lo Staphylococcus aureus (che include la MRSA) è l'organismo più diffuso isolato dalle vie aeree dei bambini con fibrosi...

Malattie infiammatorie: nuovo target per combatterle

Immagine:malattie infiammatorie. Segni di infiammazione. Credito:WEHI. Un team internazionale di ricercatori ha scoperto un composto simile che blocca un percorso infiammatorio cruciale, aprendo potenzialmente la...

Spray nasale anti-COVID 19 pronto per l’uso nell’uomo

Immagine:spray nasale anti COVID 19. Credit: Università di Birmingham. Uno spray nasale in grado di fornire una protezione efficace contro il virus COVID-19 è stato...

Tre motivi per cui COVID-19 può causare ipossia silenziosa

Immagine: COVID 19. Credit: Public Domain. Gli scienziati stanno ancora risolvendo i molti aspetti sconcertanti di come il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, causa di COVID 19,...