Rivestimento antimicrobico riduce la trasmissione di SARS-CoV-2 da fomiti contaminati

Immagine: Public Domain

Le superfici rivestite con un polimero di ammonio quaternario hanno notevoli proprietà antivirali. Possono persino essere in grado di ridurre la diffusione della sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus SARS-CoV-2 in aree ad alto rischio di contaminazione, come ambienti interni o luoghi pubblici.

Ricercatori dell’Università dell’Arizona riportano lo studio sul server di prestampa medRxiv *.

Diversi mesi dopo la pandemia da COVID-19 che ha già provocato un gran numero di vite umane e devastato economie in tutto il mondo, i ricercatori mancano ancora di una completa comprensione del processo di trasmissione SARS-CoV-2. Sappiamo già che il virus si diffonde principalmente attraverso le goccioline dopo aver tossito, starnutito o addirittura parlato, il tutto in un raggio di pochi metri. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha riferito che la stabilità ambientale di SARS-CoV-2 è fino a tre ore in aria dopo la dispersione, quattro ore su rame, 24 ore su cartone e fino a 2-3 giorni su acciaio inossidabile e plastica. Le superfici inanimate che ospitano agenti patogeni virali umani sia respiratori che enterici sono conosciute come fomiti. I livelli di virus infettivi possono essere ridotti mediante la disinfezione delle superfici, riducendo di conseguenza il loro potenziale di diffusione in ambienti commerciali, sanitari e residenziali.

Vedi anche:SARS-CoV-2: i gatti possono essere infettati, ma trasmettono il virus solo ad altri gatti

Purtroppo, queste superfici possono essere ricontaminate in qualsiasi momento dopo l’uso di comuni disinfettanti liquidi che vengono generalmente asciugati dalle superfici. Negli ultimi anni sono emersi molti autodisinfettanti delle superfici con la capacità di inattivare i patogeni depositati. Il vantaggio principale del rivestimento antivirale specifico è rendere i virus non infettivi a contatto con una superficie trattata.

Un gruppo di ricerca del Center for Water, Environment and Sustainable Technology dell’Università dell’Arizona di Tuscon, negli Stati Uniti, ha precedentemente riferito l’uso di un nuovo rivestimento antimicrobico continuamente attivo che ha dimostrato di ridurre la diffusione delle infezioni acquisite in Ospedale nell’arena clinica.

La seconda generazione di questa tecnologia, progettata per fornire un’ulteriore azione antivirale, è stata recentemente sviluppata. Quindi, una nuova ricerca dello stesso gruppo ha cercato di valutare l’efficacia di questa tecnologia contro un comune coronavirus a freddo (coronavirus umano 229E o HCoV-229E) in modo da estrapolare i risultati contro SARS-CoV-2.
Valutare le prestazioni del rivestimento antivirale
Un ceppo di HCoV-229E è stato propagato e analizzato nella linea cellulare MRC-5 di fibroblasti polmonari umani (che è comunemente usato nella ricerca virologica, nei test di citotossicità e persino nello sviluppo del vaccino), e quindi diluito per ottenere l’inoculo desiderato. Il virus è stato quindi inoculato ed essiccato su supporti di controllo, trattati a scopo di test.
Il metodo American Society of Testing and Materials (ASTM) è stato utilizzato per valutare le prestazioni del rivestimento antivirale. Questa tecnica quantitativa viene spesso utilizzata per valutare l’efficacia dei disinfettanti su superfici inanimate non porose pre-pulite e non alimentari. Infine, l’efficacia della sostanza in esame è stata determinata calcolando la riduzione logaritmica delle particelle virali infettive che rimangono dopo l’esposizione del prodotto in esame durante il tempo di contatto di 10 minuti, rispetto al titolo virale infettivo nella sospensione di controllo.
Il livello aggiuntivo di protezione
Dopo aver condotto gli esperimenti, i risultati di efficacia erano sorprendenti: una riduzione di oltre il 90% del numero di particelle virali è stata osservata dopo dieci minuti rispetto alla superficie di controllo non trattata e oltre il 99,99% entro due ore. Inoltre, una volta testato in sospensione, la formulazione del rivestimento ha prodotto una riduzione superiore al 99,99% di HCoV-229E in soli dieci minuti dal contatto, dimostrando una notevole efficacia residua contro il coronavirus. Questo risultato rappresenta un’opportunità perfetta per un controllo adeguato della trasmissione COVID-19 da fomiti contaminati. Tuttavia, ciò non significa che le procedure regolari per la disinfezione delle superfici debbano essere completamente trascurate.
“Il rivestimento antimicrobico delle superfici non intende sostituire la pulizia e la disinfezione regolari delle stesse, ma offre piuttosto una barriera aggiuntiva per ridurre l’esposizione umana ai virus infettivi delle fomiti”, sottolineano gli autori dello studio.
Fomiti high-touch come via di esposizione
Durante la stagione autunnale, i virus respiratori patogeni (come l’influenza e la parainfluenza) possono essere trovati su almeno un terzo dei comuni fomiti high-touch, che fungono quindi da via di esposizione per la trasmissione di una vasta gamma di agenti infettivi. È stato scoperto che la contaminazione di una porta a spinta in un edificio per uffici può portare alla contaminazione del 50% delle superfici e delle mani degli impiegati comunemente toccate entro quattro ore”, sottolineano gli autori dello studio. “È stato dimostrato che gli interventi che utilizzano salviettine disinfettanti riducono la probabilità di infezione negli ambienti dell’ufficio“, aggiungono.
In ogni caso, i rivestimenti antimicrobici potrebbero fornire un ulteriore livello di protezione per ostacolare la diffusione dei coronavirus sia all’interno che nei luoghi pubblici, dove ci si può aspettare una contaminazione continua. Potrebbero effettivamente rivelarsi un’arma aggiuntiva nel nostro armamentarium contro SARS-CoV-2.
Fonte: medRxiv