Ingegnere della Rice studia l’effetto delle diverse temperature su SARS-CoV-2

Immagine: Public Domain

Daniel Preston, assistente Professore di ingegneria meccanica presso la Brown School of Engineering della Rice, ha ricevuto una borsa di studio dalla National Science Foundation per studiare l’effetto delle diverse temperature sulla vita del virus SARS-CoV-2 responsabile della pandemia COVID-19.

Il progetto si intitola “Thermal sterilization of medical PPE contaminated with SARS-CoV-2″. Preston, il principale ricercatore del progetto, sta collaborando con Chien-Te “Kent” Tseng, un Professore di microbiologia e immunologia dei Centri per la biodifesa e le malattie emergenti presso la University of Texas Medical Branch. “Kent ha accesso al virus SARS-CoV-2 nel suo laboratorio e può fornire una validazione sperimentale delle previsioni del nostro modello analitico sulla durata della vita del virus a varie temperature “, dice Daniel Preston, assistente Professore di ingegneria meccanica presso la Brown School of Engineering della Rice.

Il ricercatore ha notato che gli operatori sanitari negli Stati Uniti affrontano una carenza di dispositivi di protezione individuale (DPI), tra cui maschere e abiti. Medici e infermieri sono costretti a riutilizzare i dispositivi di protezione progettati per essere eliminati dopo un singolo utilizzo, aumentando così il rischio di infezione. Le attuali linee guida per la sterilizzazione sono limitate. La sterilizzazione a calore secco può essere eseguita quasi ovunque, anche utilizzando forni domestici e cuociriso”, ha detto Preston. “I virus all’interno delle fessure o all’interno dei tessuti possono essere facilmente inattivati. Il nostro progetto fornirà linee guida basate sull’evidenza per definire il tempo necessario per ottenere la sterilizzazione a una data temperatura“.

Il progetto aiuterà anche a prevedere la durata dei virus in vari climi. Ciò sarà importante per prevedere la diffusione del virus e la gravità della rinascita che può accompagnare il ritorno del clima più freddo.

Preston ha riassunto gli obiettivi principali del progetto:

– modellare l’inattivazione di SARS-CoV-2 attraverso alte temperature, tenendo conto degli effetti dell’umidità, dell’acidità e del materiale superficiale;

– dimostrare sperimentalmente la sterilizzazione di SARS-CoV-2 su DPI medici

– caratterizzare il degrado termico dei DPI durante ripetuti cicli di sterilizzazione termica.

Un articolo che descrive i primi risultati del lavoro di Preston è in fase di peer review. Una prestampa del manoscritto può essere letta nel repository ChemRxiv. I coautori di Preston sono Zhen Liu, Rachel Shveda e Faye Yap, tutti studenti laureati della Rice che lavorano nel suo laboratorio.

Fonte: Rice University