Agente antivirale accelera la clearance del virus nei casi di COVID-19

Immagine: i virus SARS-CoV-2 si legano ai recettori ACE-2 su una cellula umana, lo stadio iniziale dell’infezione da COVID-19. Credito di illustrazione: Kateryna Kon / Shutterstock.

Un team di ricercatori ha trovato una terapia antivirale che sembra essere un trattamento efficace per i pazienti con COVID-19. Il trattamento di casi confermati di COVID-19 con interferone (IFN) -α2b ha ridotto significativamente il tempo di rilevazione dei virioni nel tratto respiratorio e ha ridotto la durata di livelli elevati di due biomarcatori infiammatori: interleuchina (IL) -6 e proteina C-reattiva ( CRP).

Questi risultati suggeriscono che l’IFN-α2b dovrebbe essere ulteriormente studiato come terapia nei casi COVID-19“, scrivono i ricercatori sulla rivista Frontiers in Immunology.

SARS-CoV-2 può causare sintomi gravi a differenza di alcuni coronavirus umani che infettano solo il tratto respiratorio superiore e causano malattie lievi. La sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS CoV-2) infetta anche il tratto respiratorio inferiore, causando sintomi clinici più gravi che ricordano quelli osservati con SARS-CoV e Sindrome respiratoria mediorientale (MERS).

Dallo scoppio della COVID-19 a Wuhan, in Cina, l’anno scorso, la malattia causata dal virus SARS-CoV-2 ha spazzato il mondo ed è diventata una pandemia. Non ci sono vaccini o antivirali disponibili che sono stati ancora approvati per la prevenzione o la terapia qi questa condizione.
Gli antivirali ad ampio spettro IFNsα / β di tipo I hanno precedentemente dimostrato di esercitare un effetto inibitorio sulla replicazione virale e di favorire la clearance virale.
Durante l’epidemia di SARS del 2003, Eleanor Fish del Toronto General Hospital Research Institute e colleghi hanno scoperto che il trattamento di pazienti ospedalizzati con interferone IFN-α, ha contribuito a risolvere anomalie polmonari tra i pazienti con SARS, rispetto a quelli che non erano stati trattati con IFN-α. Il team sa anche che un altro antivirale ad ampio spettro chiamato Arbidol (ARB) innesca la produzione di interferone e mostra attività antivirale contro le infezioni respiratorie virali, inclusi i coronavirus.
Ora, il team ha testato gli effetti terapeutici di un altro interferone, IFN-α2b, tra 77 pazienti con confermato COVID-19 che sono stati ricoverati all’Ospedale dell’Unione, il Tongi Medical College di Wuhan, in Cina.
I ricercatori hanno analizzato retrospettivamente i pazienti che erano stati trattati con IFN-α2b, ARB o una combinazione dei due tra il 16 gennaio e il 20 febbraio 2020.
Tutti i pazienti presentavano una moderata malattia clinica e non avevano richiesto l’integrazione di ossigeno in terapia intensiva. La reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR) è stata utilizzata per testare i tamponi della gola per SARS-CoV-2 e sono stati utilizzati campioni di sangue per controllare il conteggio delle cellule, la biochimica del sangue e i livelli sierici di citochine. Ad ogni paziente sono stati inoltre controllati i livelli di saturazione dell’ossigeno nel sangue per tutta la durata della degenza ospedaliera.
Il trattamento con IFN-α2b ha accelerato la clearance virale
I ricercatori hanno scoperto differenze significative tra i gruppi nel tasso di clearance virale, che è stato definito come il numero di giorni tra l’insorgenza dei sintomi al momento in cui due test PCR consecutivi effettuati ad almeno 24 ore di distanza, erano negativi per il virus. L’analisi ha dimostrato che il trattamento con IFN-α2b, da solo o in aggiunta all’ARB, ha accelerato in modo significativo la clearance del virus dal tratto respiratorio superiore, rispetto al solo trattamento con ARB. I livelli circolanti dei biomarcatori infiammatori interleuchina-6 (IL-6) e proteina C-reattiva (CRP) sono stati ridotti tra i pazienti trattati con IFN-α2b, rispetto ai pazienti che hanno ricevuto solo ARB.Quando l’analisi si è aggiustata per potenziali fattori di confondimento quali età, sesso e comorbidità, gli effetti di IFN-α2b sulla clearance virale, IL-6 e CRP sono rimasti gli stessi.
I risultati forniscono nuove intuizioni
Gli autori affermano che i loro risultati forniscono nuove intuizioni su COVID-19, principalmente perché la terapia con IFN-α2b sembra ridurre la durata della diffusione virale:
In particolare, la riduzione dei marker di infiammazione acuta come CRP e IL6 era correlata a questo accorciamento virale, suggerendo che l’IFN-α2b agiva lungo una catena funzionale causa-effetto in cui l’infiammazione indotta viralmente rappresenta un fattore patofisiologico“. I ricercatori affermano che i risultati supportano l’IFN-α2b come trattamento per i pazienti con malattia COVID-19.
Un processo di follow-up “è ora garantito”
“Per quanto ne sappiamo, i risultati presentati in questo studio sono i primi a suggerire l’efficacia terapeutica nella malattia COVID-19 dell’IFN-α2b, un intervento antivirale disponibile”, scrive il team. ” I isultati indicano che è ora giustificato uno studio clinico randomizzato di follow-up controllato con placebo (RCT)”.
In conclusione, i ricercatori sottolineano anche che, oltre al potenziale beneficio anche per i pazienti, “il trattamento con IFN-α2b può anche favorire misure di sanità pubblica volte a rallentare la marea di questa pandemia, in quanto la durata della diffusione virale appare ridotta”.