HomeSaluteSistema ImmunitarioRisposte immunitarie ai tatuaggi

Risposte immunitarie ai tatuaggi

(Tatuaggi-Immagine Credit Public Domain).

Sempre più spesso, i tatuaggi stanno diventando più comuni; tuttavia, questa tendenza ha sollevato problemi di sicurezza. Ci sono considerazioni tossicologiche e biocinetiche da fare riguardo ai tatuaggi. Tuttavia, gli esperimenti sugli animali necessari per affrontare questi problemi di sicurezza sono considerati non etici, poiché, come i cosmetici, mancano di necessità medica.

Tra questi problemi di sicurezza ci sono quelli relativi al sistema immunitario. Questo perché il tatuaggio comporta l’inserimento di inchiostro in minuscole forature create nell’epidermide e i pigmenti sono considerati un corpo estraneo che può suscitare la risposta immunitaria.

Come funziona il tatuaggio?

- Advertisement -

I tatuaggi sono depositi permanenti di pigmento insolubile nello strato cutaneo dermico. Dopo che gli inchiostri per tatuaggi sono stati iniettati nella pelle, le particelle di inchiostro possono essere trasportate passivamente attraverso il sangue e i fluidi linfatici, oppure soggette a fagocitosi da parte delle cellule immunitarie, dopo di che si depositano nei linfonodi. Dopo che la guarigione è completa, il derma contiene particelle, così come le sinusoidi dei linfonodi drenanti.

In cosa consiste il pigmento del tatuaggio?

I pigmenti per tatuaggi sono costituiti da metalli inorganici e loro ossidi o composti poliaromatici; tutti questi sono considerati biologicamente inerti. Questi metalli includono nichel, cromo, manganese e cobalto. Oltre al nerofumo, l’ingrediente più utilizzato è il biossido di titanio. Questo è un pigmento bianco che viene utilizzato per creare sfumature quando viene miscelato con altri composti colorati. La tossicità del biossido di titanio dipende dalla sua struttura cristallina, la struttura anatasica fotocataliticamente attiva, che può produrre specie reattive dell’ossigeno se esposta alla luce del giorno.

Secondo un articolo pubblicato nel 2017 sulla rivista Scientific Reports, ci sono prove analitiche a sostegno del trasporto di pigmenti organici e inorganici, insieme alle impurità di elementi tossici dall’inchiostro del tatuaggio, che alla fine raggiungono i linfonodi. Gli scienziati dell’European Synchrotron Radiation Facility (ESRF) di Grenoble, in Francia, hanno condotto misurazioni della fluorescenza a raggi X per identificare le posizioni del biossido di titanio nella gamma micro e nano nella pelle e nel sistema linfatico.

I ricercatori hanno osservato il trasporto di pigmenti organici, metalli pesanti e biossido di titanio dal sito di iniezione ai linfonodi regionali. I pigmenti organici mostravano la più ampia gamma di dimensioni con le particelle più piccole (nano) che raggiungevano i linfonodi.

- Advertisement -

Oltre ai cambiamenti nella migrazione, i ricercatori sono stati in grado di rilevare i cambiamenti nella struttura dei tessuti adiacenti alle particelle del tatuaggio.

Nel loro insieme, gli autori hanno riportato forti prove sia per la migrazione che per la deposizione a lungo termine del pigmento del tatuaggio, insieme all’alterazione conformazionale delle biomolecole che possono causare infiammazione cutanea e altri eventi avversi a causa del tatuaggio.

Tatuaggi e risposta immunitaria – Mantenere i tatuaggi a lungo termine

Lo strato del derma della pelle, il sito in cui viene depositato l’inchiostro del tatuaggio, è ricco di vasi sanguigni, vasi linfatici, nervi e altre strutture. Nel derma sono presenti cellule dendritiche dermiche, macrofagi, cellule T CD4+ e cellule linfoidi innate. Queste cellule sono ben posizionate per reagire in risposta al danno, come quello causato da un ago del tatuaggio che entra nella pelle per iniettare il pigmento. Il pigmento dell’inchiostro è considerato un corpo estraneo, che provoca una risposta immunitaria del corpo nel tentativo di eliminarlo.

La pelle appena tatuata si gonfia e mentre la maggior parte dell’inchiostro rimane nel sito di deposizione nel derma, si osserva la sua migrazione a linfonodi regionali come discusso sopra.

Quando l’inchiostro del tatuaggio persiste nella pelle, i macrofagi dermici fagocitano l’inchiostro. L’inchiostro è sequestrato nei loro vacuoli. Gli enzimi presenti nel vacuolo non sono in grado di decomporre l’inchiostro. Secondo uno studio condotto nel 2018, i ricercatori hanno determinato l’origine, l’identità e la dinamica delle cellule mieloidi della pelle responsabili della cattura e della ritenzione di queste particelle di pigmento del tatuaggio.

Questi ricercatori hanno dimostrato che queste cellule mieloidi sono composte esclusivamente da macrofagi dermici e non da cellule dermiche residenti. Cioè, altri tipi di cellule non svolgono alcun ruolo nel contenere il pigmento che viene iniettato nello strato dermico. Inoltre, l’analisi delezionale ha dimostrato che le particelle di pigmento del tatuaggio sono in grado di subire cicli di cattura-rilascio-ricattura senza il rischio di perdere il tatuaggio nel sito di iniezione.

I ricercatori hanno utilizzato la tossina difterica per eliminare selettivamente le cellule che esprimono CD64, un marcatore monocitico. CD64 è espresso su monociti, macrofagi, precursori di cellule mieloidi e cellule dendritiche follicolari. Attraverso la generazione di topi che sono stati progettati per avere il recettore della difterite sotto il controllo del gene CD64, tutte le cellule mieloidi sono state specificamente mirate per l’ablazione (cioè la delezione).

I ricercatori hanno scoperto che la morte dei macrofagi provoca il rilascio del pigmento intrappolato; tuttavia, due giorni dopo il trattamento con la tossina difterica, il pool di macrofagi viene reintegrato dai macrofagi circolanti, che a loro volta sono stati reintegrati da monociti derivati ​​​​dal midollo osseo. Questi macrofagi quasi derivati ​​successivamente inghiottono l’inchiostro libero rilasciato dalla precedente popolazione di macrofagi e questo processo continua indefinitamente garantendo la permanenza dei tatuaggi.

Vedi anche:Tatuaggio: l’inchiostro viaggia attraverso il sangue, nel corpo

Pertanto i ricercatori hanno concluso che la persistenza dei tatuaggi a lungo termine dipende dal rinnovamento dei macrofagi piuttosto che dalla longevità dei macrofagi.

Processo di tatuaggioProcesso di tatuaggio. Credito immagine: Designua/Shutterstock.com

Il ruolo dei tatuaggi nel potenziamento immunitario

Uno studio pubblicato nel 2016 ha misurato la funzione immunitaria utilizzando l’immunoglobulina A secretoria (SIgA) e il cortisolo presenti nella saliva di 29 partecipanti per indagare sull'”ipotesi di inoculazione” del tatuaggio. Questa ipotesi di inoculazione suggerisce che il tatuaggio inocula il sistema immunitario, inducendo una maggiore protezione contro i fattori di stress che producono danni ai tessuti molli.

L’esperienza del tatuaggio è stata misurata come somma del numero di tatuaggi, delle ore di vita tatuate, del numero di anni trascorsi dal primo tatuaggio dei partecipanti, della percentuale del corpo coperto e del numero di sessioni di tatuaggi.

I ricercatori hanno osservato una relazione inversa tra SIgA e cortisolo, con una minore immunosoppressione di SIgA osservata in coloro che avevano più esperienza con i tatuaggi. Quelli che non avevano tatuaggi preesistenti hanno subito uno sforzo maggiore sul loro sistema immunitario, osservato da un calo più ampio della loro SIgA.

Presi insieme, i dati suggeriscono che il corpo si abitua nel tempo all’insulto esterno del tatuaggio. Gli autori hanno notato che gli individui con un sistema immunitario sano guariscono più velocemente, aumentando la probabilità di una successiva esperienza di tatuaggio.

Fonte:Newsmedical

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...