HomeSalutePolmonite: nuovo sensore distingue tra polmonite virale e batterica

Polmonite: nuovo sensore distingue tra polmonite virale e batterica

(Polmonite-Immagine Credito: Jose-Luis Olivares, MIT e iStockphoto).

Un nuovo sensore distingue tra polmonite virale e batterica.

I medici potrebbero utilizzare questa diagnostica per evitare di prescrivere antibiotici nei casi in cui non saranno efficaci.

- Advertisement -

La polmonite può essere causata da molti diversi tipi di batteri e virus, ma non esiste un modo semplice per determinare quale microbo stia causando la malattia di un particolare paziente. Questa incertezza rende più difficile per i medici scegliere trattamenti efficaci perché gli antibiotici comunemente usati per curare la polmonite batterica non aiuteranno i pazienti con polmonite virale. Inoltre, limitare l’uso di antibiotici è un passo importante verso il contenimento della resistenza agli antibiotici.

I ricercatori del MIT hanno ora progettato un sensore in grado di distinguere tra infezioni da polmonite virale e batterica, che sperano possa aiutare i medici a scegliere il trattamento appropriato.

“La sfida è che ci sono molti agenti patogeni diversi che possono portare a diversi tipi di polmonite e, anche con i test più ampi e avanzati, l’agente patogeno specifico che causa la malattia di qualcuno non può essere identificato in circa la metà dei pazienti. E se tratti una polmonite virale con gli antibiotici, potresti contribuire alla resistenza agli antibiotici, il che è un grosso problema e il paziente non migliorerà”, afferma Sangeeta Bhatia, Professore di scienze e tecnologia della salute di John e Dorothy Wilson e di Ingegneria Elettrica e Informatica al MIT e membro del Koch Institute for Integrative Cancer Research e Institute for Medical Engineering and Science del MIT.

In uno studio sui topi, i ricercatori hanno dimostrato che i loro sensori potevano distinguere con precisione la polmonite batterica e virale entro due ore, utilizzando un semplice test delle urine per leggere i risultati.

Bhatia è l’autore senior dello studio, che è stato pubblicato il 13 giugno 2022 negli Atti della National Academy of Sciences. Melodi Anahtar ’16, PhD è l’autore principale dell’articolo.

Segni di infezione

- Advertisement -

Uno dei motivi per cui è stato difficile distinguere tra polmonite virale e batterica è che ci sono così tanti microbi che possono causare la polmonite, inclusi i batteri Streptococcus pneumoniae e Haemophilus influenzae e virus come l’influenza e il virus respiratorio sinciziale (RSV).

Nella progettazione del sensore, il team di ricerca ha deciso di concentrarsi sulla misurazione della risposta dell’ospite all’infezione, piuttosto che sul tentativo di rilevare l’agente patogeno stesso. Le infezioni virali e batteriche provocano tipi distinti di risposte immunitarie, che includono l’attivazione di enzimi chiamati proteasi, che scompongono le proteine. Il team del MIT ha scoperto che il modello di attività di quegli enzimi può fungere da segno di infezione batterica o virale.

Vedi anche:Il ruolo chiave del microbiota intestinale nel trattamento della polmonite batterica

Il genoma umano codifica per più di 500 proteasi e molte di queste sono utilizzate dalle cellule che rispondono all’infezione, comprese le cellule T, i neutrofili e le cellule natural killer (NK). Un team guidato da Purvesh Khatri, professore associato di medicina e scienza dei dati biomedici presso la Stanford University e uno degli autori dell’articolo, ha raccolto 33 set di dati pubblicamente disponibili di geni espressi durante le infezioni respiratorie. Analizzando questi dati, Khatri è stata in grado di identificare 39 proteasi che sembrano rispondere in modo diverso a diversi tipi di infezione.

Bhatia e i suoi studenti hanno quindi utilizzato quei dati per creare 20 diversi sensori in grado di interagire con quelle proteasi. I sensori sono costituiti da nanoparticelle rivestite di peptidi che possono essere scissi da particolari proteasi. Ogni peptide è etichettato con una molecola reporter che viene liberata quando i peptidi vengono scissi dalle proteasi che sono sovraregolate nell’infezione. Queste molecole reporter vengono infine escrete nelle urine. L’urina può quindi essere analizzata con la spettrometria di massa per determinare quali proteasi sono più attive nei polmoni.

I ricercatori hanno testato i loro sensori in cinque diversi modelli murini di polmonite, causata da infezioni da Streptococcus pneumoniaeKlebsiella pneumoniaeHaemophilus influenzae, virus dell’influenza e virus della polmonite dei topi.

Dopo aver letto i risultati dei test delle urine, i ricercatori hanno utilizzato l’apprendimento automatico per analizzare i dati. Utilizzando questo approccio, sono stati in grado di addestrare algoritmi in grado di distinguere tra polmonite e controlli sani e anche di distinguere se un’infezione era virale o batterica, sulla base di quei 20 sensori.

I ricercatori hanno anche scoperto che i loro sensori potevano distinguere tra i cinque agenti patogeni che hanno testato, ma con una precisione inferiore rispetto al test per distinguere tra virus e batteri. Una possibilità che i ricercatori possono perseguire è lo sviluppo di algoritmi in grado non solo di distinguere le infezioni batteriche da quelle virali, ma anche di identificare la classe di microbi che causano un’infezione batterica, che potrebbe aiutare i medici a scegliere il miglior antibiotico per combattere quel tipo di batteri.

La lettura basata sulle urine è anche suscettibile di rilevamento futuro con una striscia di carta, simile a un test di gravidanza, che consentirebbe la diagnosi presso il punto di cura. A tal fine, i ricercatori hanno identificato un sottoinsieme di cinque sensori che potrebbero mettere a portata di mano i test a domicilio. Tuttavia, è necessario più lavoro per determinare se il pannello ridotto funzionerebbe in modo simile negli esseri umani, che hanno una variabilità genetica e clinica maggiore rispetto ai topi.

Modelli di risposta

Nel loro studio, i ricercatori hanno anche identificato alcuni modelli di risposta dell’ospite a diversi tipi di infezione. Nei topi con infezioni batteriche, le proteasi secrete dai neutrofili sono state osservate in modo più evidente, il che era previsto perché i neutrofili tendono a rispondere maggiormente alle infezioni batteriche rispetto alle infezioni virali.

Le infezioni virali, d’altra parte, hanno provocato l’attività proteasica dei linfociti T e NK, che di solito rispondono maggiormente alle infezioni virali. Uno dei sensori che ha generato il segnale più forte è stato collegato a una proteasi chiamata granzima B, che innesca la morte cellulare programmata. I ricercatori hanno scoperto che questo sensore era altamente attivato nei polmoni dei topi con infezioni virali e che sia le cellule NK che quelle T erano coinvolte nella risposta.

Per fornire i sensori ai topi, i ricercatori li hanno iniettati direttamente nella trachea, ma ora stanno sviluppando versioni per uso umano che potrebbero essere somministrate utilizzando un nebulizzatore o un inalatore simile a un inalatore per l’asma. Stanno anche lavorando a un modo per rilevare i risultati utilizzando un etilometro anziché un test delle urine, che potrebbe fornire risultati ancora più rapidamente.

Fonte: PNAS

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...