HomeSalutePellePerchè grattarsi aumenta il prurito

Perchè grattarsi aumenta il prurito

Una nuova ricerca condotta dagli scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis indica che grattarsi  induce il cervello a rilasciare la serotonina che intensifica la sensazione di prurito. 

I risultati dello studio sono riportati online sulla rivista Neuron .

“Gli scienziati sanno da decenni che grattarsi crea una lieve quantità di dolore”, ha detto il Prof. Zhou-Feng Chen, PhD, direttore del Centro di Washington University per lo studio di Itch. ” Questo dolore può interferire con il prurito – almeno temporaneamente – e indurre le cellule nervose nel midollo spinale ad inviare segnali di dolore al cervello, invece dei segnali di prurito.

- Advertisement -

“Il problema è che quando il cervello riceve i segnali di dolore, risponde producendo il neurotrasmettitore serotonina per aiutare a controllare il dolore”, ha spiegato Chen.

“Gli scienziati hanno scoperto il ruolo della serotonina nel controllo del dolore decenni fa, ma questa è la prima volta che il rilascio del messaggero chimico nel cervello è stato collegato ad aumento del prurito”, ha detto Chen.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno allevato un ceppo di topi ingegnerizzati che attraverso la manipolazione genetica dell’espressione di un enzima fondamentale nella produzione della serotonina (la triptofano idrossilasi), non potevano produrre la serotonina. Quando questi topi sono stati iniettati con una sostanza che provoca il prurito, non si grattavano tanto quanto i  topi normali, non ingegnerizzati. Ma quando questi  topi geneticamente modificati sono stati iniettati con la serotonina,  in risposta a composti progettati per indurre prurito, hanno cominciato a grattarsi.

“Questo risultato indica che prurito e segnali di dolore vengono trasmessi attraverso diversi, ma correlati percorsi”, ha spiegato Chen. “Grattarsi può alleviare il prurito, ma sviluppare anche una sensazione di dolore minore ed è quando il corpo risponde ai segnali di dolore che può aumentare il prurito”.

- Advertisement -

Anche se interferire con la serotonina ha reso i topi meno sensibili al prurito, questo trattamento non può essere praticamente utilizzato. La serotonina è coinvolta nella crescita, invecchiamento, metabolismo osseo e nella regolazione dell’umore e il blocco della serotonina avrebbe conseguenze di vasta portata su tutto il corpo.

“Invece” ha spiegato Chen, ” si potrebbe interferire con la comunicazione tra le cellule nervose nel midollo spinale che specificamente trasmettono il prurito e la serotonina. Queste cellule, note come i neuroni GRPR, trasmettono i segnali di prurito dalla pelle al cervello. Per lavorare verso questo obiettivo, il team di Chen ha isolato il recettore utilizzato dalla serotonina per attivare i neuroni GRPR.

Per fare questo, il team di Chen ha iniettato i topi con una sostanza che provoca prurito ed in seguito, li ha trattati con composti che attivano vari recettori della serotonina sulle cellule nervose. In ultima analisi, i ricercatori hanno scoperto che il recettore noto come 5HT1A è la chiave che attiva i neuroni GRPR specifici del prurito, nel midollo spinale.

Per dimostrare che ra stato individuato il recettore corretto, il team di Chen ha anche trattato i topi con un composto che blocca il recettore 5HT1A e il risultato è stato che quei topi si sono grattati molto meno.

“Ci siamo chiesti come mai si verifica questo ciclo vizioso di prurito-dolore”, ha detto Chen. “I nostri risultati suggeriscono che gli eventi accadono in questo ordine. In primo luogo, grattarsi provoca una sensazione di dolore. Il corpo produce più serotonina per il controllo del dolore, ma la serotonina non si limita solo ad inibire il dolore. La nostra nuova scoperta mostra che peggiora il prurito attivando i neuroni GRPR attraverso i recettori 5HT1A”.

Fonte Science Daily

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...