HomeSalutePelleNemolizumab batte il placebo per la riduzione del prurito nell'eczema

Nemolizumab batte il placebo per la riduzione del prurito nell’eczema

Per i pazienti con dermatite atopica e prurito da moderato a grave, il Nemolizumab determina una maggiore riduzione del prurito rispetto al placebo, secondo uno studio pubblicato nel New England Journal of Medicine il 9 luglio.

Kenji Kabashima, MD, Ph.D., dell’Università di Kyoto in Giappone, e colleghi hanno condotto uno studio randomizzato di 16 settimane che ha coinvolto pazienti giapponesi con dermatite atopica e prurito da moderato a grave e risposta inadeguata agli agenti topici. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Nemolizumab sottocutaneo o placebo in un rapporto di 2: 1 (143 e 72 pazienti) con agenti topici concomitanti. La variazione percentuale media nel punteggio della scala analogica visiva (VAS) per il prurito era l’end point primario.

Vedi anche: Perchè grattarsi aumenta il prurito

- Advertisement -

I ricercatori hanno scoperto che la variazione percentuale media del punteggio VAS alla settimana 16 era −42,8 e −21,4% nei gruppi nNmolizumab e placebo, rispettivamente (differenza, −21,5 punti percentuali). La variazione percentuale media nel punteggio di Eczema Area e Severity Index è stata di -45,9 e -33,2% con Nemolizumab e placebo, rispettivamente. La percentuale di pazienti con un punteggio pari o inferiore a 4 sull’indice di qualità della vita dermatologica era del 40 e 22 percento nei gruppi Nemolizumab e placebo, mentre il 55 e il 21 percento, rispettivamente, avevano un punteggio dell’indice di gravità dell’insonnia di 7 o meno.

Nemolizumab più gli agenti topici possono migliorare sia il prurito che i segni di eczema e possono ridurre la gravità della dermatite atopica interrompendo il ciclo del prurito,” scrivono gli autori.

Maruho ha finanziato lo studio.

Fonte: Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...