Home Salute Virus e parassiti Primo passo nel trattamento antivirale di COVID 19

Primo passo nel trattamento antivirale di COVID 19

Immagine: questa immagine al microscopio elettronico a scansione mostra SARS-CoV-2  isolato da un paziente, che emerge dalla superficie delle cellule (blu / rosa) coltivate in laboratorio. Credito: NIAID-RML

I ricercatori della Cornell University hanno identificato un possibile target per il trattamento antivirale per COVID-19.

Inizialmente i ricercatori hanno iniziato ad analizzare la struttura e le caratteristiche del SARS-CoV (coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave) e del MERS-CoV (coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente), con particolare attenzione alla proteina spike, in particolare il peptide di fusione che consente al virus di infettare le cellule trasferendo il loro genoma. I ricercatori hanno confrontato le sequenze biologiche dei peptidi di fusione di SARS-CoV con SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19 e hanno scoperto che corrispondevano al 93%.
Il laboratorio di Susan Daniel è specializzato nella biofisica dell’involucro della membrana cellulare. Il team di Gary Whittaker studia l’ingresso di virus dell’ influenza e coronavirus nelle cellule ospiti. Il loro gruppo combinato sta analizzando la complessa procedura di fusione della membrana, una parte critica del meccanismo attraverso il quale si diffondono i coronavirus. La fusione di membrane è un processo a più fasi che inizia con il virus che riconosce di aver trovato il giusto tipo di cellula da infettare. Per fare ciò, il virus riceve feedback dall’ambiente chimico, inclusi segnali come il recettore che la cellula ospite presenta. Il virus si attacca quindi al recettore della cellula ospite mediante la proteina spike.
Successivamente, un pezzo della proteina spike, chiamato peptide di fusione, interagisce direttamente con la membrana della cellula ospite e facilita la fusione per formare un poro di fusione o l’apertura.Il virus trasferisce quindi il suo genoma nella cellula ospite attraverso questo poro. Queste istruzioni genomiche in sostanza comandano i meccanismi dell’ospite per produrre più virus. Il gruppo ha scoperto che gli ioni di calcio che interagiscono con il peptide di fusione possono cambiare la struttura del peptide e come interagisce con le membrane in modo da promuovere l’infezione in MERS e SARS. Ora, i ricercatori stanno rivolgendo la loro attenzione a SARS-CoV-2 perché i peptidi di fusione sono coerenti in tutti e tre i virus.
Il team spera che la ricerca possa illuminare alcune delle domande relative alla chimica che circonda SARS-CoV-2: come è stato in grado di spostarsi nell’uomo, quali segnali chimici hanno facilitato quel processo e perché il virus è in grado di replicarsi così facilmente nel vie respiratorie.
Le scoperte del team hanno portato a finanziamenti supplementari dal National Institutes of Health (NIH), attraverso il suo programma di sovvenzione per progetti di ricerca, per sviluppare un anticorpo che potrebbe bloccare l’ingresso del virus interagendo con il peptide di fusione.
Lo studio è stato pubblicato il 6 aprile su Antiviral Research.

ULTIMI ARTICOLI

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all’insulina

Le diete vegetali ricche di carboidrati integrali possono migliorare la sensibilità all'insulina e altri indicatori di salute negli individui con diabete di tipo 1,...

Studio di fase 1 mostra un’incoraggiante attività anti-cancro di Sotorasib

Immagine: Public Domain. "Uno studio clinico di fase 1 in pazienti con tumori solidi avanzati pesantemente pretrattati, mostra un'attività anti-cancro incoraggiante di Sotorasib (AMG 510),...

Gli astrociti sono essenziali per la salute della barriera emato-encefalica

Immagine: Public Domain. Oltre a un guscio esterno resistente, il cervello ha difese interne, tra cui un potente scudo chiamato barriera emato-encefalica che difende le...

La vitamina E è necessaria per il corretto sviluppo del sistema nervoso

Immagine: Public Doimain. La ricerca dell'Oregon State University, che interessa anche le donne in età fertile, mostra che gli embrioni prodotti dal pesce zebra carente...