HomeSaluteIntestino e stomacoPancreatite acuta: Evinacumab riduce il rischio

Pancreatite acuta: Evinacumab riduce il rischio

(Pancreatite-Immagine Credit Public Domain).

Il farmaco sperimentale Evinacumab ha ridotto i trigliceridi in pazienti con ipertrigliceridemia grave (sHTG) e una storia di ricoveri per pancreatite acuta in uno studio globale di fase 2 condotto dall’Icahn School of Medicine at Mount Sinai.

L’anticorpo monoclonale completamente umano ha prodotto riduzioni sostenute dei livelli di trigliceridi fino all’82%, a seconda del genotipo del paziente, riducendo anche il rischio di pancreatite acuta ricorrente. I risultati dello studio sono stati presentati alla Sessione Scientifica Annuale dell’American College of Cardiology (ACC), il 16 maggio.

- Advertisement -

“Evinacumab ha il potenziale non solo di abbassare i trigliceridi, ma anche di ridurre il rischio di pancreatite acuta, migliorare la qualità della vita e ridurre il rischio di eventi cardiovascolari in una popolazione di pazienti altamente vulnerabili”, afferma Robert S. Rosenson, MD, Professore di Medicina presso l’Icahn School of Medicine at Mount Sinai e capo ricercatore dello studio. “Il bisogno clinico insoddisfatto non potrebbe essere maggiore. Anche dopo le attuali opzioni terapeutiche di consulenza dietetica, molti individui con ipertrigliceridemia grave hanno livelli elevati di trigliceridi superiori a 500 mg / dL”.

Si ritiene che l’ipertrigliceridemia grave, definita come trigliceridi superiori a 500 mg / dL, sia responsabile di circa il 10% di tutti i casi di pancreatite acuta che colpisce più di 200mila pazienti all’anno negli Stati Uniti. È una condizione infiammatoria del pancreas che causa dolore addominale e febbre e, in alcuni individui, può essere pericolosa per la vita. La pancreatite acuta ricorrente in genere richiede frequenti ricoveri e le cause più comuni sono i calcoli biliari e l’alcolismo.

Nel loro studio su 52 pazienti con ipertrigliceridemia grave, i ricercatori hanno scoperto che i miglioramenti clinici dipendevano dalle varianti genetiche. Le riduzioni maggiori dei trigliceridi, fino all’82%, si sono verificate in una coorte di pazienti senza due mutazioni nella via della lipoproteina lipasi (LPL).

Vedi anche:Pancreatite: consumo di grassi saturi riduce la gravità

- Advertisement -

LPL è un enzima responsabile del metabolismo o della scomposizione dei trigliceridi. In una seconda coorte di pazienti con una malattia genetica nota come sindrome da chilomicronemia multifattoriale (MCS) – che può essere esacerbata da comorbidità, farmaci e persino stili di vita – i trigliceridi sono stati ridotti di circa il 65%. E in una terza coorte – di pazienti con perdita di mutazioni funzionali in due geni che codificano la lipoproteina lipasi, una condizione nota come sindrome da chilomicronemia familiare (FCS)non c’è stata alcuna riduzione dei livelli di trigliceridi.

“La nostra ricerca ha sottolineato l’importanza dei test genetici del percorso LPL per determinare quali pazienti hanno maggiori probabilità di rispondere bene alla terapia con Evinacumab”, afferma il Dottor Rosenson, Direttore del sistema sanitario del Monte Sinai. “Anche nei pazienti con due mutazioni LPL che non hanno avuto alcuna riduzione dei trigliceridi, ci sono state riduzioni del colesterolo non HDL e del contenuto di colesterolo delle lipoproteine ​​ricche di trigliceridi, dimostrando che Evinacumab stava influenzando la via dei trigliceridi”.

Vedi anche:Terapia biologica iniettabile riduce drasticamente i trigliceridi

Evinacumab agisce legandosi e bloccando la funzione della proteina 3 simile all’angiopoietina (ANGPTL3), una proteina che si ritiene abbia un ruolo nel metabolismo del colesterolo. È noto che le persone che mancano o hanno un ANGPTL3 molto basso a causa di cause genetiche hanno livelli di lipidi significativamente ridotti, suggerendo agli scienziati che potrebbe anche essere un obiettivo terapeutico per la riduzione dei trigliceridi.

Evinacumab, di Regeneron Pharmaceuticals, è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense nel febbraio 2021 (con il nome Evkeeza ™) per l’ipercolesterolemia familiare omozigote, una malattia ereditaria che rende difficile per il corpo eliminare il colesterolo LDL (il cosiddetto “cattivo colesterolo “) dal sangue.

Il prossimo studio clinico su Evinacumab in pazienti con ipertrigliceridemia grave è progettato per valutare la riduzione del rischio di pancreatite acuta e dovrebbe iniziare a breve, con il Monte Sinai che giocherà nuovamente un ruolo fondamentale a livello globale. “Sulla base dei risultati che abbiamo osservato fino ad oggi, riteniamo che Evinacumab possa ridurre significativamente il rischio di pancreatite acuta ricorrente nelle persone con trigliceridi gravemente elevati “, dice Robert S. Rosenson, MD, Professore, Medicina, Icahn School of Medicine, Mount Sinai. “Allo stesso tempo, questo nuovo farmaco potrebbe aiutare ad alleviare l’onere finanziario su un sistema sanitario che fornisce assistenza continua a questi pazienti ad alto rischio che sono spesso ricoverati in Ospedale per episodi ricorrenti di pancreatite acuta”.

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...