HomeSaluteCervello e sistema nervosoNuovo approccio al trattamento della depressione

Nuovo approccio al trattamento della depressione

I ricercatori della Icahn School of Medicine del Monte Sinai hanno identificato un farmaco che agisce contro la depressione con un meccanismo completamente diverso rispetto ai trattamenti esistenti.Il loro studio ha dimostrato che l’Ezogabina (nota anche come Retigabina), un farmaco che apre i canali del potassio del tipo KCNQ2 / 3 nel cervello, è associata a miglioramenti significativi nei sintomi depressivi e nell’anedonia nei pazienti con depressione. L’anedonia è la ridotta capacità di provare piacere o la mancanza di reattività a stimoli piacevoli; è un sintomo principale della depressione e associato a esiti peggiori, scarsa risposta ai farmaci antidepressivi e aumento del rischio di suicidio.

L’Ezogabina è stata approvata dalla Food and Drug Administration statunitense nel 2011 come anticonvulsivante per il trattamento dell’epilessia, ma non era stata precedentemente studiata nella depressione. I risultati della ricerca, pubblicati il ​​3 marzo sull‘American Journal of Psychiatry, forniscono prove iniziali nell’uomo per il canale KCNQ2 / 3 come nuovo obiettivo per la scoperta di nuovi farmaci per la depressione e l’anedonia.

“Il nostro studio è il primo studio randomizzato, controllato con placebo, a dimostrare che un farmaco che agisce su questo tipo di canale ionico nel cervello può migliorare la depressione e l’anedonia nei pazienti. Il target di questo canale rappresenta un meccanismo d’azione completamente diverso rispetto a qualsiasi trattamento antidepressivo attualmente disponibile “, afferma James Murrough, MD, PhD, Professore associato di Psichiatria e Neuroscienze, Direttore del Centro per la ricerca e il trattamento della depressione e dell’ansia presso la Icahn School of Medicine at Mount Sinai e autore senior dell’articolo.

Il nuovo target del farmaco, il canale KCNQ2 / 3, è un membro di un’ampia famiglia di canali ionici denominati famiglia KCNQ (o Kv7) che agiscono come importanti controllori dell’eccitabilità e della funzione delle cellule cerebrali nel sistema nervoso centrale. Questi canali influenzano la funzione delle cellule cerebrali controllando il flusso della carica elettrica attraverso la membrana cellulare sotto forma di ioni di potassio (K +). I ricercatori del Monte Sinai, tra cui il coautore dello studio Ming-Hu Han, PhD, Professore di Scienze Farmacologiche e Neuroscienze, avevano precedentemente condotto una serie di studi sui topi dimostrando che i cambiamenti nel canale del potassio KCNQ2 / 3 giocano un ruolo importante nel determinare se gli animali mostrano depressione e comportamenti di tipo anedonico a seguito di stress cronico in un modello sperimentale di depressione. “In particolare abbiamo visto il miglioramento del funzionamento del canale KCNQ come un potenziale meccanismo molecolare di resilienza allo stress e alla depressione”, ha detto il Dottor Han, che ha anche scoperto che se avesse somministrato un farmaco in grado di aumentare l’attività di questo canale, come l’Ezogabina, topi che erano diventati depressi nel modello di stress, non mostravano più la depressione e i comportamenti anedonici; in altre parole, il farmaco ha agito come un antidepressivo.

- Advertisement -

L’attuale studio era uno studio clinico in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, progettato come test preliminare dell’ipotesi che l’aumento dell’attività del canale KCNQ2 / 3 nel cervello sia un nuovo approccio praticabile per il trattamento di depressione. Quarantacinque pazienti adulti con diagnosi di disturbo depressivo sono stati assegnati a un periodo di trattamento di cinque settimane con dosaggio giornaliero di Ezogabina o placebo corrispondente. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a valutazioni cliniche e risonanza magnetica funzionale (fMRI) durante un’attività di ricompensa al basale e alla fine del periodo di trattamento. Rispetto ai pazienti trattati con placebo, quelli trattati con Ezogabina hanno mostrato una significativa e ampia riduzione in diverse misure chiave della gravità della depressione, dell’anedonia e della gravità generale della malattia. Per esempio, miglioramenti significativi in ​​seguito al trattamento con Ezogabina rispetto al placebo sono stati osservati utilizzando la Montgomery-Asberg Depression Rating Scale (MADRS), il Quick Inventory of Depressive Symptomatology-Self Report (QIDS-SR), la Snaith-Hamilton Pleasure Scale (SHAPS) e la Temporal Experience of Pleasure Scale (TEPS). Il gruppo Ezogabina ha mostrato anche una tendenza verso un aumento della risposta all’anticipazione della ricompensa nel cervello rispetto al placebo, sebbene questo effetto non abbia raggiunto una significatività statistica.

Vdedi anche:Depressione: verso nuovi e più efficaci trattamenti

“L’intuizione fondamentale del gruppo del Dottor Han che un farmaco che essenzialmente imitava un meccanismo di resilienza allo stress nel cervello potesse rappresentare un approccio completamente nuovo al trattamento della depressione è stato molto eccitante per noi”, ha detto il Dottor Murrough.

In collaborazione con il Dr. Han, il Dr. Murrough ha condotto una serie di studi su pazienti con depressione per iniziare a verificare se le osservazioni nei topi potessero essere tradotte per l’uomo. Uno studio iniziale in aperto (senza placebo) in pazienti con depressione condotto dal Dr. Murrough ha fornito prove iniziali che Ezogabina potrebbe migliorare i sintomi della depressione e dell’anedonia in un modo che era associato a cambiamenti nella funzione cerebrale.

- Advertisement -

“Penso che sia giusto dire che la maggior parte di noi del team di studio siamo rimasti piuttosto sorpresi dalle grandi dimensioni dell’effetto benefico dell’Ezogabina sui sintomi clinici legati alla depressione. Siamo molto incoraggiati da questi risultati e dalla speranza che offrono per la prospettiva di sviluppare trattamenti nuovi ed efficaci per la depressione e i disturbi correlati. Sono urgentemente necessari nuovi trattamenti dato che più di un terzo delle persone che soffrono di depressione non è adeguatamente trattato con terapie attualmente approvate”.

Questa ricerca è stata sostenuta dall’Istituto Nazionale di Salute Mentale.

Fonte:MountSinai

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...