HomePrimo pianoOmicron resistente alla maggior parte degli anticorpi monoclonali, ma neutralizzato da una...

Omicron resistente alla maggior parte degli anticorpi monoclonali, ma neutralizzato da una dose di richiamo

(Omicron-Immagine:visualizzazione 3D delle mutazioni nella proteina spike della variante Omicron. A sinistra: vista dall’alto. A destra: vista laterale. Le mutazioni sono indicate in rosso. Si verificano in tutta la proteina spike, ma in particolare nel dominio di legame del recettore (RBD) e nella regione nota come dominio N-terminale (NTD). Credito: Institut Pasteur – Félix Rey).

La variante Omicron è stata rilevata per la prima volta in Sud Africa nel novembre 2021 e da allora si è diffusa in molti paesi. Si prevede che diventi la variante dominante entro poche settimane o mesi. I primi studi epidemiologici mostrano che la variante Omicron è più trasmissibile del virus attualmente dominante (la variante Delta). È in grado di diffondersi a persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino e a persone precedentemente infette.

Scienziati dell’Institut Pasteur e dell’Istituto di ricerca sui vaccini, in collaborazione con KU Leuven (Leuven, Belgio), Orléans Regional Hospital, Hôpital Européen Georges Pompidou (AP-HP), Inserm e CNRS, hanno studiato la sensibilità della variante Omicron agli anticorpi monoclonali utilizzati nella pratica clinica per prevenire forme gravi della malattia nelle persone a rischio, nonché anticorpi nel sangue di individui precedentemente infettati da SARS-CoV-2 o vaccinati. Hanno confrontato questa sensibilità con quella della variante Delta. Gli scienziati hanno dimostrato che Omicron è molto meno sensibile agli anticorpi neutralizzanti rispetto a Delta.

- Advertisement -

Gli scienziati hanno quindi analizzato il sangue di persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer o AstraZeneca. Cinque mesi dopo la vaccinazione, gli anticorpi nel sangue non erano più in grado di neutralizzare Omicron. Questa perdita di efficacia è stata osservata anche in individui che erano stati infettati da SARS-CoV-2 negli ultimi 12 mesi. La somministrazione di una dose di richiamo del vaccino Pfizer o di una singola dose di vaccino in soggetti precedentemente infetti ha portato a un aumento significativo dei livelli di anticorpi sufficienti a neutralizzare Omicron. Omicron è quindi molto meno sensibile agli anticorpi anti-SARS-CoV-2 attualmente utilizzati nella pratica clinica o ottenuti dopo due dosi di vaccino.

Vedi anche:Omicron: aumento dei casi aumenta il rischio di varianti più pericolose

Lo studio è stato pubblicato come prestampa sul sito web di bioRxiv il 15 dicembre 2021 e su Nature il 23 dicembre 2021

I primi studi epidemiologici dimostrano che la variante Omicron è più trasmissibile della variante Delta. Le caratteristiche biologiche della variante Omicron sono ancora relativamente sconosciute. Ha più di 32 mutazioni nella proteina spike rispetto al primo SARS-CoV-2 ed è stato designato come variante di preoccupazione dall’OMS il 26 novembre 2021.

- Advertisement -

In Sud Africa, la variante Omicron ha sostituito gli altri virus nel giro di poche settimane e ha portato a un forte aumento del numero di casi diagnosticati. Le analisi in vari paesi indicano che il tempo di raddoppio per i casi è di circa 2-4 giorni. Omicron è stato rilevato in dozzine di paesi, inclusa la Francia, ed è diventato dominante entro la fine del 2021.

In un nuovo studio sostenuto dall’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) dell’Unione europea, scienziati dell’Institut Pasteur e dell’Istituto di ricerca sui vaccini, in collaborazione con KU Leuven (Leuven, Belgio), Orléans Regional Hospital, Hôpital Européen Georges Pompidou ( AP-HP) e Inserm, hanno studiato la sensibilità di Omicron agli anticorpi rispetto alla variante Delta attualmente dominante. Lo scopo dello studio era di caratterizzare l’efficacia degli anticorpi terapeutici, nonché degli anticorpi sviluppati da individui precedentemente infettati da SARS-CoV-2 o vaccinati, nel neutralizzare questa nuova variante.

Gli scienziati di KU Leuven hanno isolato la variante Omicron di SARS-CoV-2 da un campione nasale di una donna di 32 anni che ha sviluppato COVID-19 moderato pochi giorni dopo il ritorno dall’Egitto. Il virus isolato è stato immediatamente inviato agli scienziati dell’Institut Pasteur, dove sono stati utilizzati anticorpi monoclonali terapeutici e campioni di siero di persone che erano state vaccinate o precedentemente esposte a SARS-CoV-2 per studiare la sensibilità della variante Omicron.

Gli scienziati hanno utilizzato saggi di neutralizzazione rapida, sviluppati dall’Unità Virus e Immunità dell’Institut Pasteur, sul campione isolato del virus Omicron. Questo sforzo collaborativo multidisciplinare ha coinvolto anche i virologi e gli specialisti dell’Institut Pasteur nell’analisi dell’evoluzione virale e della struttura delle proteine, insieme ai team dell’ospedale regionale di Orléans e dell’Hôpital Européen Georges Pompidou di Parigi.

Gli scienziati hanno iniziato testando nove anticorpi monoclonali utilizzati nella pratica clinica o attualmente in fase di sviluppo preclinico. Sei anticorpi hanno perso tutta l’attività antivirale e gli altri tre erano da 3 a 80 volte meno efficaci contro Omicron che contro Delta. Gli anticorpi Bamlanivimab/Etesevimab (una combinazione sviluppata da Lilly), Casirivimab/Imdevimab (una combinazione sviluppata da Roche e nota come Ronapreve) e Regdanvimab (sviluppato da Celtrion) non hanno più avuto alcun effetto antivirale contro Omicron. La combinazione Tixagevimab/Cilgavimab (sviluppata da AstraZeneca con il nome Evusheld) è risultata 80 volte meno efficace contro Omicron che contro Delta.

“Abbiamo dimostrato che questa variante altamente trasmissibile ha acquisito una significativa resistenza agli anticorpi. La maggior parte degli anticorpi monoclonali terapeutici attualmente disponibili contro SARS-CoV-2 sono inattivi“, commenta Olivier Schwartz, co-ultimo autore dello studio e responsabile Unità di immunità presso l’Institut Pasteur.

Gli scienziati hanno osservato che il sangue di pazienti precedentemente infettati da COVID-19, raccolto fino a 12 mesi dopo i sintomi, e quello di individui che avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer o AstraZeneca, prelevate cinque mesi dopo la vaccinazione, neutralizzavano a malapena la variante Omicron. Ma i sieri degli individui che avevano ricevuto una dose di richiamo di Pfizer, analizzati un mese dopo la vaccinazione, sono rimasti efficaci contro Omicron. Tuttavia, per neutralizzare Omicron sono stati necessari da 5 a 31 volte più anticorpi, rispetto a Delta, nei test di coltura cellulare. Questi risultati aiutano a far luce sulla continua efficacia dei vaccini nella protezione contro forme gravi di malattia.

“Ora dobbiamo studiare la durata della protezione della dose di richiamo. I vaccini probabilmente diventano meno efficaci nell’offrire protezione contro la contrarre il virus, ma dovrebbero continuare a proteggere dalle forme gravi”, spiega Olivier Schwartz.

“Questo studio mostra che la variante Omicron ostacola l’efficacia dei vaccini e degli anticorpi monoclonali, ma dimostra anche la capacità degli scienziati europei di lavorare insieme per identificare sfide e potenziali soluzioni. Mentre KU Leuven è stato in grado di descrivere il primo caso di infezione da Omicron in Europa utilizzando il sistema di sorveglianza del genoma belga, la nostra collaborazione con l’Institut Pasteur di Parigi ci ha permesso di condurre questo studio a tempo di record. C’è ancora molto lavoro da fare, ma grazie al supporto dell’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) dell’Unione europea, abbiamo chiaramente raggiunto un punto in cui gli scienziati dei migliori centri possono lavorare in sinergia e muoversi verso una migliore comprensione e una gestione più efficace della pandemia”, commenta Emmanuel André, co-ultimo autore dello studio,

Gli scienziati hanno concluso che le numerose mutazioni nella proteina spike della variante Omicron le hanno consentito di eludere ampiamente la risposta immunitaria. Sono in corso ricerche per determinare perché questa variante è più trasmissibile da un individuo all’altro e per analizzare l’efficacia a lungo termine di una dose di richiamo.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...