Nuova terapia promettente per la forma comune di eczema

eczema

Immagine, neutrofili dopo un’ora di trattamento con terreno di coltura o fluido dalle vesciche cutanee dei pazienti. Credito: Y.-L. Chen et al., Science Translational Medicine (2019).

Una terapia mirata al sistema immunitario ha mostrato risultati promettenti per il trattamento della dermatite atopica, la forma più comune di eczema, in un piccolo studio condotto da scienziati dell’Unità di immunologia umana del Medical Research Council dell’Università di Oxford.

I risultati positivi osservati nei 12 pazienti trattati con la terapia, chiamata Etokimab, hanno portato a uno studio clinico di 300 persone attualmente in corso.

Lo studio iniziale, pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, è il primo studio sull’uomo a dimostrare che la dermatite atopica potrebbe essere trattata prendendo di mira una molecola di segnalazione immunitaria chiamata IL-33.

La sperimentazione è stata finanziata dalla società AnaptysBio Inc. e guidato da ricercatori finanziati dal Medical Research Council (MRC) dell’UKRI.

La dermatite atopica è una condizione a lungo termine in cui l’infiammazione della pelle provoca pelle secca, screpolata, rossa, pruriginosa e dolorosa. “Atopico” si riferisce all’aumentata attività della componente allergica del sistema immunitario, che può portare a infiammazione. Si stima che colpisca circa il 10-30% dei bambini e circa il 2-10% degli adulti.

Per le persone con dermatite atopica grave, i trattamenti attuali includono farmaci come la Ciclosporina e il Metotrexato che sono meno mirati e molte persone possono sperimentare effetti collaterali. Tutti i 12 pazienti trattati con Etokimab hanno mostrato una riduzione dei sintomi dell’eczema dopo il trattamento – almeno dimezzando il loro punteggio su una scala di gravità della malattia – e l’83% ha ottenuto questo miglioramento dopo 29 giorni.

Dopo 29 giorni, c’è stata anche una riduzione del 40% degli eosinofili nel sangue, un tipo di cellula immunitaria coinvolta nella sensibilità allergica.

Il Professor Graham Ogg, dell’Unità di immunologia umana dell’MRC dell’Università di Oxford, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “In questo studio clinico è la prima volta che vediamo come il blocco di IL-33 può aiutare i pazienti con dermatite atopica e abbiamo riscontrato un significativo miglioramento dei sintomi dopo una singola dose. Questi risultati sono preliminari e dobbiamo essere cauti, ma attualmente stiamo testando la terapia in un più ampio studio randomizzato in doppio cieco su persone con dermatite atopica e noi non vediamo l’ora di vedere i risultati”.

“Le nuove terapie anticorpali, come l’Etokimab, sono squisitamente specifiche in ciò che prendono di mira e hanno il potenziale per aiutare i pazienti e per aiutarci a capire meglio la malattia” , ha aggiunto Ogg. I limiti di questo studio includono una piccola dimensione del campione, la mancanza di un follow-up a lungo termine nella parte placebo dello studio per consentire il confronto dei miglioramenti dei sintomi osservati dopo il trattamento.

L’effetto “sorprendente” del trattamento sulle cellule immunitarie potrebbe aiutare anche altre malattie immunitarie.

Questo studio è un esempio di medicina sperimentale e oltre a misurare il miglioramento dei sintomi dei partecipanti, i ricercatori hanno anche condotto test per comprendere meglio il ruolo di IL-33 nella pelle.

Vedi anche, Nuova strategia per la cura dell’ eczema.

La molecola bersaglio di Etokimab, IL-33, viene rilasciata da cellule della pelle danneggiate e recluta cellule immunitarie nel sito, quindi i ricercatori volevano capire se il blocco di IL-33 alterasse l’afflusso di cellule immunitarie associate all’infiammazione. I 12 partecipanti hanno ricevuto un’iniezione di placebo e poi una settimana dopo hanno ricevuto l’iniezione di Etokimab. Quattro giorni dopo ogni iniezione, sono state somministrate piccole iniezioni nella pelle per sfidare il sistema immunitario: un placebo nel braccio sinistro e allergene degli acari della polvere domestica (a cui erano allergici) nel braccio destro. Il giorno successivo, sono stati campionati fluido e cellule nel sito delle sfide.

I ricercatori hanno scoperto che dopo il trattamento con Etokimab, i pazienti avevano meno neutrofili che si trasferivano nei siti delle sfide. I neutrofili sono un tipo di cellula immunitaria coinvolta nell’infiammazione.

Ciò ha portato i ricercatori a suggerire che la ricerca futura potrebbe indagare se i trattamenti mirati a IL-33 potrebbero essere utili anche per altre malattie immunitarie che possono essere associate ai neutrofili.

Il Professor Ogg ha dichiarato: “Abbiamo studiato il ruolo dell’IL-33 nella pelle umana per quasi 10 anni, supportati da finanziamenti a lungo termine dell’MRC, con il lavoro di laboratorio che suggerisce che l‘IL-33 potrebbe essere un potenziale bersaglio per le terapie. Quindi siamo lieti che in questa prima sperimentazione umana su pazienti con dermatite atopica, abbiamo confermato che il percorso IL-33 sembra essere un bersaglio terapeutico a sé stante. Fare ricerche sperimentali sull’uomo è di fondamentale importanza se vogliamo fare progressi nel trattamento e in questo studio per noi è stato inizialmente sorprendente che l’effetto dominante di Etokimab fosse la riduzione della migrazione dei neutrofili nella pelle”.

Il Professor Patrick Chinnery, Direttore clinico dell’MRC, ha commentato: “Questo entusiasmante studio di medicina sperimentale è un eccellente esempio di come il supporto a lungo termine sia fondamentale per la scienza e porti a nuovi trattamenti per le malattie che influenzano gravemente la qualità della vita di milioni di persone. Questo è il primo studio nel suo genere che suggerisce anche che IL-33 potrebbe avere un ruolo importante in una serie di disturbi immuno-mediati”.

Lo studio sarà pubblicato sulla rivista Science.

Fonte, Science

 


Altri articoli su eczema