HomeSaluteVirus e parassitiNuova terapia combatte le infezioni da superbatteri resistenti agli antibiotici

Nuova terapia combatte le infezioni da superbatteri resistenti agli antibiotici

Immagine: Public Domain.

Potrebbe esserci una soluzione all’orizzonte per combattere le infezioni da superbatteri resistenti agli antibiotici. I batteri e i funghi resistenti causano la morte di oltre 2,8 milioni di persone e provocano ogni anno oltre 35.000 decessi negli Stati Uniti.

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che una combinazione di ingredienti (nitrito acidificato e acido etilendiamminotetraacetico) nota come AB569 e sviluppata da uno scienziato dell’Università di Cincinnati, uccide un batterio, lo Pseudomonas aeruginosa, uno dei patogeni più gravi che esibisce resistenza a molti farmaci e virulenza.

- Advertisement -

I risultati dello studio sono disponibili online sulla rivista accademica degli Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America.

AB569 uccide questi batteri patogeni colpendo la loro biosintesi del DNA, RNA e proteine, nonché il metabolismo energetico e del ferro a concentrazioni che non danneggiano le cellule umane. Questo composto è stato stato testato sui topi di laboratorio con cellule umanizzate. “I nostri dati dimostrano che AB569 è un mezzo sicuro ed efficace che potrebbe essere utilizzato per sradicare questi superbatteri“, dice Daniel Hassett, Professore presso il Dipartimento di Genetica Molecolare, Biochimica e Microbiologia della UC. Lo Pseudomonas aeruginosa è stato utilizzate per infettare i polmoni dei topi di laboratorio. Questo agente patogeno provoca infezioni polmonari in pazienti con fibrosi cistica e broncopneumopatia cronica ostruttiva e molte altre infezioni. Pseudomonas aeruginosa è considerato uno dei sei patogeni ESKAPE, conosciuti con il loro acronimo e considerato tra i più resistenti e mortali per l’uomo. I patogeni ESKAPE includono Enterococcus faecium, Staphylococcus aureus, Klebsiella pneumoniae, Acinetobacter baumannii, Pseudomonas aeruginosa e Enterobacter spp. Questi agenti patogeni ESKAPE in genere causano infezioni acquisite in Ospedale che portano a malattie come la polmonite e le infezioni da MRSA. Anche le infezioni del tratto urinario resistenti agli antibiotici sono tra le malattie causate da questi organismi.

Vedi anche: Un ingrediente della cannabis è efficace contro i superbatteri

“Questi superbatteri hanno un ingegnoso meccanismo che li rende capaci di resistere alle tradizionali terapie antibiotiche con un vasto numero di strategie acquisite”, spiega Hassett, che è anche autore senior del documento. “Gli antibiotici influenzano processi specifici nei batteri, ma non tutti. AB569 influenza più processi contemporaneamente lasciando i batteri esposti semplicemente sopraffatti“.

- Advertisement -

AB569 è stato brevettato nel marzo 2018 negli Stati Uniti da Hassett e inizialmente era considerato un potenziale trattamento per molti organismi resistenti agli antibiotici che causano infezioni polmonari in pazienti con fibrosi cistica e broncopneumopatia cronica ostruttiva e molte altre infezioni opportunistiche.Oltre a contrastare la broncopneumopatia cronica ostruttiva e la fibrosi cistica, AB569 può anche essere efficace nell’affrontare le infezioni correlate a gravi ustioni, disturbi del tratto urinario, endocardite e diabete”, ha affermato Hassett. “La resistenza a molti farmaci, una caratteristica dei  superbatteri, è una delle maggiori minacce alla salute pubblica globale“, aggiunge il ricercatore. “Di solito è causata da un eccessivo consumo di farmaci o uso inappropriato e spesso è correlata alla conformità di antimicrobici, uso eccessivo nelle industrie di pollo, carne bovina e suina e / o prodotti farmaceutici scadenti”.  I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie considerano la resistenza agli antibiotici tra le minacce più gravi per la salute umana perché i patogeni evolvono rapidamente e utilizzano mezzi sempre nuovi e diversi per combattere la terapia farmacologica. I superbatteri si trovano in genere in aree del mondo in cui vi è un’alta densità di popolazione che facilita la rapida diffusione di tali organismi. Le persone che hanno viaggiato in aree del mondo con alti tassi di batteri resistenti agli antibiotici come l’Asia meridionale e il Medio Oriente hanno maggiori probabilità di trasportare superbatteri “, ha aggiunto Hassett. “Questo è il motivo per cui i pazienti vengono spesso messi in quarantena se risultano positivi a tali organismi, mentre gli epidemiologi in punta di piedi cercano di monitorare la diffusione del patogeno”.

Fonte: University of Cincinnati

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...