HomeSaluteFegatoNAFLD: più malattie cardiovascolari nelle persone magre

NAFLD: più malattie cardiovascolari nelle persone magre

(NAFLD-Immagine Credit Public Domain).

Secondo una ricerca selezionata per la presentazione alla Digestive Disease Week (DDW) 2022, le persone con un indice di massa corporea normale (BMI) con steatosi epatica non alcolica (NAFLD) hanno maggiori probabilità di avere malattie cardiovascolari rispetto a coloro che sono in sovrappeso o convivono con l’obesità.

Circa il 25% degli adulti negli Stati Uniti è affetto da NAFLD, un termine per varie condizioni del fegato che colpiscono coloro che bevono poco o nessun alcol.

- Advertisement -

Questo legame con le malattie cardiovascolari è stato trovato anche se i pazienti magri avevano meno probabilità di avere cirrosi, diabete, colesterolo alto o pressione alta.

“Il nostro team si aspettava di vedere che le persone con un BMI normale avrebbero avuto una minore prevalenza di qualsiasi condizione metabolica o cardiovascolare, quindi siamo rimasti molto sorpresi di trovare questo loro collegamento con le malattie cardiovascolari”, ha affermato Karn Wijarnpreecha, MD, MPH, ricercatore capo di epatologia presso l’Università del Michigan. “Troppo spesso trascuriamo i pazienti NAFLD con un BMI normale perché presumiamo che il loro rischio per condizioni più gravi sia inferiore rispetto a quelli in sovrappeso. Ma questo modo di pensare potrebbe mettere a rischio questi pazienti“.

La caratteristica principale della NAFLD è avere troppo grasso immagazzinato nelle cellule del fegato. In genere la condizione non ha sintomi e può portare ad altre condizioni pericolose, come diabete, malattie cardiovascolari e cirrosi epatica.

Sebbene la NAFLD sia più comune nelle persone in sovrappeso o che convivono con l’obesità, colpisce anche le persone che hanno un BMI normale. Tuttavia, sono state fatte poche o nessuna ricerca sulle condizioni associate a questa popolazione in relazione alla condizione.

- Advertisement -

I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo su oltre 10.000 adulti con diagnosi di NAFLD presso l’Ospedale dell’Università del Michigan dal 2012 al 2021 per confrontare la prevalenza di cirrosi, malattie cardiovascolari, malattie metaboliche e malattie renali croniche tra quattro classi di pazienti: magre (BMI = da 18,5 a 24,9), in sovrappeso (BMI=25-29,9), con obesità di classe 1 (BMI=30-34,9) e obesità di classe 2-3 (BMI=35-<40).

Vedi anche:Ormone gastrointestinale combatte la steatosi epatica non alcolica

Hanno scoperto che rispetto ai pazienti non magri, i pazienti magri avevano una minore prevalenza di cirrosi, diabete mellito, ipertensione e dislipidemia; ma una maggiore prevalenza di malattie vascolari periferiche, malattie cerebrovascolari e qualsiasi malattia cardiovascolare.

“In ulteriori analisi, abbiamo scoperto che i pazienti magri con NAFLD avevano anche una prevalenza significativamente più alta di malattie cardiovascolari, indipendentemente da età, sesso, razza, fumo, diabete, ipertensione e dislipidemia”, ha affermato il Dott. Wijarnpreecha.

I ricercatori hanno in programma di condurre ulteriori studi che seguiranno i pazienti a lungo termine per determinare se i pazienti magri hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari a causa della NAFLD.

Date le ragioni sconosciute alla base della maggiore prevalenza di malattie cardiovascolari tra i pazienti magri con NAFLD, i ricercatori incoraggiano i medici a non trascurare i pazienti magri con NAFLD poiché potrebbero dover affrontare gravi conseguenze per la salute simili ai pazienti in sovrappeso o con obesità.

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...