HomeSaluteFegatoNAFLD: gli spinaci riducono il rischio

NAFLD: gli spinaci riducono il rischio

(NAFLD-Immagine Credit Public Domain).

Mangiare spinaci riduce in modo inversamente proporzionale il rischio di steatosi epatica non alcolica (NAFLD), secondo uno studio pubblicato su BMC Gastroenterology. Lo studio dimostra che un consumo maggiore di spinaci riduce il rischio di sviluppare malattie del fegato grasso. Autrori dello studio sono Ebrahim Mokhtari e colleghi del Nutrition and Endocrine Research Center presso Shahid Beheshti University of Medical Sciences, in Iran.

I ricercatori hanno osservato 225 pazienti con nuova diagnosi di NAFLD e 450 controlli (età media 38,1 anni; 53% uomini; BMI medio 26,8 kg/m2) per indagare l’associazione tra l’assunzione di spinaci e rischio di NAFLD.
I partecipanti hanno completato un questionario sulla frequenza dell’uso di 168 elementi alimentari. I ricercatori hanno valutato l’associazione tra l’assunzione totale di spinaci, l’assunzione di spinaci crudi e l’assunzione di spinaci bolliti con la steatosi epatica non alcolica.

- Advertisement -

Vedi anche:Ormone gastrointestinale combatte la steatosi epatica non alcolica

Rispetto al terzile più basso di assunzione di spinaci, tutte e tre le categorie di assunzione di spinaci nel terzile più alto erano correlate con quote inferiori di NAFLD (assunzione totale OR=0,47; 95% CI, 0,24-0,89; assunzione del vegetale crudo OR=0,36; 95% CI, 0,19 -0,7 e assunzione del vegetale bollito OR=0,76; IC 95%, 0,42-1,38).
Inoltre, le analisi aggiustate hanno evidenziato un’associazione inversa tra l’assunzione annuale più alta rispetto al consumo di spinaci non crudi e le probabilità di NAFLD (OR=0,41; IC 95%, 0,18-0,96).

“Gli spinaci sono ricchi di polifenoli e antiossidanti. Se i benefici di questa verdura sulle malattie croniche saranno dimostrati in studi futuri, potranno essere facilmente usati come polvere per arricchire i valori nutrizionali di cibi fatti in casa o prodotti come latticini o altri alimenti”, hanno concluso Mokhtari e colleghi. “Suggeriamo che la nostra ipotesi dell’associazione tra spinaci e la probabilità di rischio NAFLD venga esaminata in studi di coorte di grandi dimensioni e studi clinici”.

Ad oggi non era mai stata mostrata un’associazione tra consumo di spinaci e sviluppo di NAFLD.

- Advertisement -

Questo studio è coerente con la ricerca precedente che mostra che i modelli dietetici sani sono associati a un rischio ridotto di NAFLD. I dati demografici per casi e controlli hanno rivelato che i pazienti NAFLD avevano un BMI più elevato e una minore attività fisica e consumavano più latticini ad alto contenuto di grassi, meno verdure e, in particolare, meno spinaci totali, crudi e bolliti. Il risultato dello studio sottolinea ulteriormente l’importanza di uno stile di vita sano di una sana alimentazione per ridurre il rischio di NAFLD che è la causa più comune di malattia epatica cronica in tutto il mondo e potrebbe diventare la causa più comune di cirrosi.

Fonte:pubmed

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...