HomeSaluteOcchiMiopia dei bambini: un metabolita della caffeina potrebbe rallentarla

Miopia dei bambini: un metabolita della caffeina potrebbe rallentarla

I ricercatori stanno esplorando nuovi trattamenti per rallentare la miopia. 
  • Oltre un quarto della popolazione terrestre è miope.
  • La miopia può portare a danni irreversibili agli occhi per alcuni e può progredire con l’età.
  • Non esiste una cura per la miopia, ma esistono trattamenti che possono aiutare a gestirla.
  • Un metabolita della caffeina è emerso come un possibile nuovo trattamento: ha dimostrato di rallentare l’avanzata della miopia nei bambini.

L’incidenza della miopia è in aumento in tutto il mondo. Il National Institutes of Health (NIH) stima che il 28% della popolazione del pianeta è affetto da miopia.

Una ridotta capacità di vedere oggetti distanti, come lavagne o schermi, rende l’apprendimento più difficile e, nelle aree urbane dell’Asia orientale e sudorientale, circa il 90% delle persone che hanno scelto di abbandonare la scuola hanno la miopia. Negli Stati Uniti e in Europa, dal 30% al 50% di persone che hanno abbandonato la scuola ha la miopia.

Secondo il NIH, la miopia non corretta è la principale causa mondiale di cecità.

- Advertisement -

In tutto il mondo nel 2015, 124 milioni di persone avevano problemi di vista da moderati a gravi o erano ciechi, a causa della miopia non corretta.

La miopia può anche portare a una perdita irreparabile della vista attraverso lo sviluppo dcataratta, glaucoma, degenerazione maculare e distacco della retina.

Sebbene la miopia sia stata a lungo corretta con gli occhiali, ricercatori e oculisti stanno anche esplorando trattamenti farmaceutici che affrontano il problema di fondo.

Un nuovo studio osservazionale dalla Danimarca suggerisce che  un metabolita della caffeina, 7-metilxantina – o 7-MX – può inibire lo sviluppo della miopia nei bambini.

- Advertisement -

Lo studio è pubblicato sul British Journal of Ophthalmology.

Trattamenti attuali per la miopia

In genere, la miopia inizia nei bambini tra i sei ei sette anni e progredisce fino ai 16-20 anni. Come autore principale dello studio, il Dottor Klaus Trier, che è anche ambasciatore dell’International Myopia Institute, ha dichiarato a Medical News Today: “I bambini che iniziano a sviluppare la miopia prima dei 10 anni sono ad alto rischio di progredire verso una grave miopia”.

Il Dottor Curtis A. Ono , dell’American Optometric Association Board of Trustees e Puget Sound EyeCare, che non è stato coinvolto nel nuovo studio, ha parlato a MNT degli attuali trattamenti per la miopia.

“Il farmaco più studiato per il controllo della miopia è l’atropina. Attualmente, molti professionisti prescrivono gocce di atropina diluita off-label per il controllo della miopia. Il farmaco Pirenzepina è usato nel trattamento delle ulcere peptiche ed è stato riscontrato che riduce la lunghezza assiale oculare. Inoltre, la Riboflavina con esposizione ai raggi UV, ketorolac trometamina e BHVI2 sono oggetto di indagine per il controllo della miopia”, ha affermato.

“Sulla base dei risultati di questo studio sulla popolazione, l’uso di 7-MX può offrire ai pazienti potenzialmente un altro mezzo di alto livello per controllare la miopia“, ha affermato il Dott. Ono, aggiungendo: “Questa indagine e ulteriori studi sui metodi di controllo della miopia sono fondamentali in quanto prova che alti livelli di miopia sono un problema di salute pubblica e che innegabilmente un’elevata miopia può causare condizioni di salute degli occhi dannose per la vista”.

Come si sviluppa la miopia

“Nell’occhio normale (emmetrope) i raggi luminosi che provengono dagli oggetti distanti vengono messi a fuoco esattamente sulla retina. Nell’occhio miope, invece, questi stessi raggi cadono davanti alla retina e poi divergono: sulla superficie retinica si forma un’immagine sfocata”.

Normalmente, un occhio si allunga da circa  16,8 millimetri in un neonato a circa 23,6 mm in un adulto. In questo modo, i cambiamenti in altri elementi oculari come il cristallino e la cornea compensano la differenza, mantenendo la luce focalizzata nettamente sulla retina. La retina converte la luce in messaggi che invia al cervello.

Vedi anche:Le lenti a contatto multifocali rallentano la progressione della miopia nei bambini

Con la miopia, la lunghezza assiale cresce troppo rapidamente, superando il cristallino e la cornea. La luce viene rifratta in modo che il suo punto più nitido non raggiunga completamente la retina, causando una visione sfocata.

I professionisti della cura degli occhi monitorano l’avanzamento della miopia misurando l’aumento della lunghezza assiale di un individuo. È la crescita della lunghezza assiale in particolare, che  7-MX sembra rallentare.

I medici misurano anche la progressione della miopia con test della vista, in cui provano le lenti per accertare quanta correzione richiede un individuo. La forza di ciascuna lente è misurata in diottrie o D. Se qualcuno ha bisogno di 2 D di correzione rifrattiva, ad esempio, ha un errore di rifrazione di -2,00.

7-MX per il trattamento della miopia

Dal 2009, 7-MX è un trattamento approvato per la miopia in Danimarca. È l’unico farmaco orale per la condizione. Durante quel periodo, è stato valutato solo in uno studio clinico pilota.

“Lo studio pilota ha mostrato 0,04 mm in meno di allungamento assiale durante il primo anno nei bambini che assumevano 400 mg al giorno rispetto di 7-MX al placebo “, ha ricordato il Dott. Trier.

“L’attuale analisi osservazionale”, ha aggiunto, “suggerisce circa 0,07 mm in meno di allungamento assiale durante il primo anno per i bambini che assumono 1000 mg al giorno di 7-MX, rispetto ai bambini che non assumono 7-MX e una riduzione accumulata di 0,18 mm in 6 anni”.

Inoltre, il Dr. Trier ha anche ritenuto che 7-MX potrebbe funzionare bene insieme ad altri trattamenti come gli occhiali.Ha detto: “7-MX sembra migliorare l’ipermetropia nelle scimmie rhesus dotate di lenti, una scoperta che suggerisce che 7-MX potrebbe potenzialmente aumentare l’efficacia dei dispositivi ottici progettati per ridurre la progressione della miopia”.

Tuttavia, il Dr. Trier ha notato un problema con 7-MX:

“La compressa di 7-MX, attualmente in uso è una semplice compressa a rilascio immediato, che, a causa della rapida eliminazione, non è in grado di mantenere una concentrazione stabile nel flusso sanguigno, anche se somministrata tre volte al giorno”.

“Una formulazione a rilascio prolungato somministrata una o due volte al giorno sarebbe teoricamente significativamente più efficace. Si spera che questa nuova formulazione venga testata in uno studio randomizzato controllato, che potrebbe potenzialmente portare il trattamento a diventare disponibile al di fuori della Danimarca. Questo progetto è attualmente in attesa di investitori”.
ha concluso il Dott. Klaus Treviri.

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...