Marcatore genetico legato ad un aumentato rischio di neuropatia periferica diabetica

neuropatia periferica diabetica

Immagine, Alessandro Doria. Credito: John Soares.

I ricercatori del Joslin Diabetes Center, utilizzando uno studio di associazione genome-wide, hanno identificato un fattore genetico legato allo sviluppo della neuropatia periferica diabetica. Questa scoperta suggerisce un nuovo obiettivo per le terapie preventive.

 La ricerca è stata pubblicata online e apparirà nel numero di agosto di Diabetes.

“La neuropatia, che causa dolore o intorpidimento alle gambe e un aumento del rischio di ulcere del piede, è un problema importante per molte persone con diabete, ma c’è una variabilità significativa nel suo esordio: alcune persone sviluppano questa complicanza e altre no”, afferma Alessandro Doria, autore senior e Direttore dello studio sul fenotipo molecolare e genotipizzazione presso Joslin Diabetes Center e Professore di medicina presso la Harvard Medical School di Boston. “Pertanto, volevamo scoprire fattori genetici che predispongono le persone con diabete a sviluppare questa complicanza”.

Per questo studio, i ricercatori hanno utilizzato un approccio chiamato studio di associazione genome-wide o GWAS. Questa analisi viene utilizzata per trovare varianti associate alla malattia in tutto il genoma. Un GWAS per la neuropatia periferica diabetica è stato condotto su 5.168 partecipanti dallo studio clinico Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes (ACCORD) – 4.384 con evidenza di neuropatia periferica e 784 a cui è stata risparmiata questa complicanza.

Vedi anche,Studio fornisce nuova comprensione della neuropatia periferica diabetica.

Dopo aver esaminato milioni di piccole variazioni della sequenza del genoma (varianti genetiche), lo studio ha identificato una regione sul cromosoma 2q24 che ha un forte impatto sul rischio di neuropatia periferica nel diabete di tipo 2.Mentre i meccanismi precisi non sono noti, ci sono alcuni indizi che le varianti genetiche in questa regione possono agire influenzando un canale del sodio nelle vicinanze regolando la trasmissione dei segnali sensoriali nei nervi periferici .

Le persone che portavano la variante meno frequente in quella posizione erano protette dalla neuropatia e le persone che portavano la variante più comune nella stessa posizione erano predisposte a questa complicazione“, dice Doria.

L’implicazione è che questo potrebbe essere un obiettivo per la terapia farmacologica per proteggere le persone dalla neuropatia periferica diabetica. “Abbiamo scoperto che le persone con l’allele protettivo hanno una maggiore quantità di questo canale del sodio”, dice Doria. “Questo suggerisce che il canale del sodio nei nervi periferici potrebbe essere usato per proteggere le persone dalla neuropatia, sviluppando un farmaco che attiva questo canale”.

Questo risultato è stato replicato in uno studio indipendente, lo studio Bypass Angioplasty Revascularization Investigation 2 Diabetes (BARI 2-D).

“Lo studio è importante perché è il primo vero sforzo per avere una ricerca genomica per i geni che predispongono a questa complicanza del diabete. La neuropatia periferica diabetica è spesso trascurata”, dice Hetal Shah, MD, MPH-uno studio autore senior e un ricercatore presso il Joslin Diabetes Center e lstruttore di medicina presso la Harvard Medical School. “Eppure quasi un quarto della spesa annuale americana per il diabete è dovuta alla neuropatia periferica diabetica “.

Una limitazione di questo studio è che includeva solo soggetti bianchi, quindi non è noto se questi risultati si applicano anche a persone di altre razze.

Fonte, Medicalxpress