Cancro ovarico: terapia combinata in due fasi distrugge le cellule tumorali

cancro ovarico


Immagine, le cellule T killer circondano una cellula cancerosa. Credito: NIH.

I ricercatori del Centro di ricerca dell’Ospedale dell’Università di Montreal (CRCHUM) hanno sviluppato una terapia combinata in due fasi per distruggere le cellule del cancro ovarico. In uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications, mostrano l’efficacia terapeutica superiore del “one-two punch” sulle cellule dei pazienti con carcinoma ovarico, sulla base della manipolazione dello stato di invecchiamento cellulare.

Con il tempo, le nostre cellule invecchiano e entrano in una fase chiamata senescenza cellulare. Queste cellule senescenti smettono di proliferare, si accumulano nel corpo e causano lo sviluppo di malattie come il cancro. Negli ultimi anni, la comunità scientifica ha tentato di sanare queste patologie legate all’invecchiamento colpendo e distruggendo le cellule senescenti.

“Nel caso del carcinoma ovarico epiteliale (EOC) – il tumore ovarico più comune e letale – agiamo in due fasi: in primo luogo costringiamo le cellule tumorali ad invecchiare prematuramente, cioè le costringiamo alla senescenza, questo è il primo pugno terapeutico. Poi lanciamo il nostro secondo pugno usando la senolisi, distruggendole ed eliminandole.Questa strategia richiede un eccellente coordinamento dei due passaggi “, ha spiegato Francis Rodier, ricercatore presso il CRCHUM e Professore all’Université de Montréal.

Vedi anche, Target di cellule staminali potrebbe impedire la recidiva del cancro ovarico.

Il team di ricercatori, guidato da Rodier e dalla sua collega Anne-Marie Mes-Masson, ha scoperto che le cellule EOC entrano in senescenza a seguito della chemioterapia in combinazione con inibitori di PARP che sono enzimi che aiutano a riparare i danni al DNA. Bloccando i PARP, gli inibitori di PARP impediscono alle cellule tumorali di riparare il loro DNA, impedendo loro di proliferare e facendole invecchiare prematuramente.

“Grazie al nostro approccio ‘one-two punch’, siamo riusciti a distruggere le cellule EOC senescenti nei modelli preclinici di cancro ovarico. Il nostro approccio potrebbe migliorare l’efficacia della chemioterapia in combinazione con gli inibitori PARP e contrastare la resistenza sistematica che si sviluppa con questo trattamento”, ha detto Mes-Masson, ricercatore presso il CRCHUM e Professore all’Université de Montréal.

Future prove cliniche

“Il nostro studio è stato condotto utilizzando cellule prelevate dalla nostra biobanca di campioni di pazienti con carcinoma ovarico che hanno accettato di prendere parte allo studio e di conservare i loro campioni biologici. La nostra strategia one-two punch è stata anche testata su preclinici modelli di carcinoma ovarico e mammario che ci hanno permesso di validare la sua efficacia “, ha commentato Mes-Masson.

Sebbene i risultati di questo studio saranno utilizzati per proporre studi clinici per il carcinoma mammario ovarico e triplo negativo, Rodier afferma che è importante ricordare che sono stati  usati modelli preclinici in cui non esisteva un sistema immunitario. “Data l’importanza della risposta immunitaria negli esseri umani, dobbiamo continuare a valutare la nostra strategia in un contesto più vicino alla realtà biologica”, dice Rodier.

Secondo la Canadian Cancer Society, nel 2017 a 2.800 donne canadesi è stato diagnosticato un cancro ovarico e 1.800 sono morte a causa della malattia che è la quinta principale causa di morte nel Nord America.

Fonte, Nature Communication


Altri articoli su cancro ovarico