Home Salute Sistema Immunitario Malattie infiammatorie: nuovo target per combatterle

Malattie infiammatorie: nuovo target per combatterle

Immagine:malattie infiammatorie. Segni di infiammazione. Credito:WEHI.

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto un composto simile che blocca un percorso infiammatorio cruciale, aprendo potenzialmente la strada a un nuovo trattamento per una serie di malattie, tra cui COVID-19.

Il Professore associato del WEHI Seth Masters e il suo team di ricerca hanno scoperto che il composto potrebbe prevenire la sovraregolazione di CD14, una proteina infiammatoria chiave.

- Advertisement -

La scoperta è stata recentemente pubblicata da EBioMedicine.

Mirare all’infiammazione

“L’infiammazione è la reazione naturale del nostro corpo alle infezioni”, ha affermato il Professore associato Masters. “All’inizio, ti aiuta a combattere l’infezione, ma troppa infiammazione è collegata a una serie di malattie croniche e acute”.

In una malattia virale come COVID-19, alcuni pazienti sperimentano un’infiammazione eccessiva, chiamata tempesta di citochine, che può portare al ricovero o alla morte. Bloccare il percorso di CD14 può ridurre la gravità di molte malattie e potenzialmente salvare vite umane.

- Advertisement -

Il team ha concentrato la propria ricerca su una proteina chiamata CD14, che si trova su alcune cellule immunitarie infiammatorie chiamate macrofagi.

Il compito di CD14 è rilevare l’infezione, aiutando a guidare l’infiammazione per eliminare un agente patogeno. Ma sappiamo che la quantità di CD14 aumenta sui macrofagi con il progredire dell’infiammazione, andando potenzialmente fuori controllo, il che potrebbe portare a esiti peggiori per infezioni o altre malattie“, ha detto il Professore Associato Masters.

Vedi anche:I ricercatori potrebbero aver trovato la chiave per il trattamento delle malattie infiammatorie

“Il nostro team ha utilizzato la tecnologia CRISPR per cercare geni che aiutino ad aumentare i livelli di CD14. Abbiamo trovato molti geni davvero interessanti che erano critici e disattivare questi geni, potrebbe impedire che l’infiammazione guidata da CD14 travolgesse il corpo. Un inibitore simile a un farmaco blocca la proteina prodotta da uno di questi geni. Abbiamo scoperto che questo composto potrebbe bloccare l’aumento di CD14 e la conseguente infiammazione in laboratorio, il che è incredibilmente promettente “, ha detto il Professore Associato Masters.

Primo passo fondamentale verso un trattamento

Il Professore associato Masters ha affermato che la scoperta di un potenziale composto antinfiammatorio apre le porte a nuove terapie antinfiammatorie.

“Se questo composto potesse essere sviluppato in un farmaco sicuro ed efficace, potrebbe potenzialmente aiutare nel trattamento di molte malattie infiammatorie. Tuttavia, una volta disponibile, il farmaco sarebbe utile solo per frenare l’infiammazione grave. L’infiammazione è un processo critico per combattere molte malattie, quindi abbiamo solo bisogno di usare un farmaco antinfiammatorio per le forme di infiammazione più gravi e pericolose per la vita “, ha detto il Professore associato Masters.

“Il prossimo passo in questa ricerca sarà vedere se questo farmaco candidato funziona contro particolari malattie negli studi pre-clinici. C’è grande speranza che questa ricerca un giorno si traduca in un trattamento efficace per le malattie infiammatorie”.

Fonte:EBioMedicine

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...