Individuato nuovo percorso per controllare le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale

malattie infiammatorie

Immagine: l’RNA non codificante (ncRNA) regola l’espressione di citochine, la risposta immunitaria e l’infiammazione. Credit: Università del Texas ad Arlington.

I ricercatori dell’Università del Texas ad Arlington hanno scoperto un potenziale nuovo percorso per regolare la risposta immunitaria e potenzialmente controllare le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale come la meningite e la sepsi.

“Abbiamo bisogno di sapere che cosa accende la risposta infiammatoria alle infezioni batteriche per poter modulare il processo”, ha detto Subhrangsu Mandal, Professore associato di chimica dell’UTA che ha guidato la ricerca. “Se riusciamo a capirlo, possiamo controllare le malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale che sono difficili da trattare ancora oggi, come la sepsi e la meningite, così come il cancro e la distrofia muscolare, che possono anche essere viste come una sorta di infiammazione”.

I risultati della ricerca di Mandal e del suo team sono stati pubblicati in Scientific Reports.

I ricercatori hanno scoperto che la lunga molecola di RNA non codificante HOTAIR presente nei globuli bianchi ha la capacità di segnalare a queste cellule di attivare la risposta immunitaria in presenza di batteri. L’RNA, o acido ribonucleico, è presente in tutte le cellule viventi. Il suo ruolo principale è quello di portare istruzioni dal DNA.

“Sapere che HOTAIR ha un ruolo nel percorso di segnalazione significa anche che possiamo usarlo come biomarker per l’infezione batterica“, ha aggiunto. ” Semplici  esami del sangue potrebbero indicare la presenza di un’infezione molto più rapidamente, consentendo un trattamento migliore per i pazienti con malattie come lo shock settico e la meningite, che ad oggi sono difficili da trattare”.

I ricercatori hanno utilizzato le risorse del North Texas Genome Center di UTA per dimostrare che l’espressione di RNA non codificante – incluso HOTAIR – è indotta in globuli bianchi trattati con lipopolisaccaride, che sono molecole tpresenti sulla membrana esterna delle cellule batteriche. La ricerca ha mostrato che il gene HOTAIR era espresso insieme alle citochine che sono escrete dalle cellule come parte della risposta immunitaria e geni di risposta infiammatoria come iNOS. Di conseguenza, è possibile concludere che HOTAIR è un regolatore chiave dell’espressione di citochine indotta da agenti patogeni, della risposta immunitaria e dell’infiammazione.

“I lunghi RNA non codificanti come l’HOTAIR stanno emergendo come i principali regolatori dei processi di segnalazione cellulare e molti sono espressi nelle cellule immunitarie e svolgono un ruolo fondamentale nella risposta immunitaria“, ha affermato Mandal. “Una precedente ricerca condotta con Marco Brotto nel College of Nursing and Health Innovation di UTA aveva già stabilito un legame tra il basso flusso di ossigeno ai tessuti e HOTAIR, che è stato collegato al cancro“.

“Avere una risorsa come il North Texas Genome Center significa davvero che possiamo moltiplicare il nostro lavoro osservando gli RNA non codificanti in generale, un campo in crescita in biochimica”, ha aggiunto. Fred MacDonnell, Presidente della Facoltà di chimica e biochimica dell’UTA.

“La scienza di base relativa ai percorsi della risposta immunitaria è fondamentale poiché ci sono stati pochissimi successi fino ad ora nello sviluppo di trattamenti per le infiammazioni estreme come la sepsi e la meningite”, ha detto MacDonnell. “La forte attenzione dell’ UTA sul tema della salute e della condizione umana e l’apertura all’uso del North Texas Genome Center punta della scienza e ingegneria dell’innovazione e della ricerca, hanno permesso all’UTA di intraprendere progetti in prima linea, come ad esempio queste indagini su lncRNA”.

Fonte: Nature

Altri articoli su malattie infiammatorie