Home Salute Virus e parassiti Spray nasale anti-COVID 19 pronto per l'uso nell'uomo

Spray nasale anti-COVID 19 pronto per l’uso nell’uomo

Immagine:spray nasale anti COVID 19. Credit: Università di Birmingham.

Uno spray nasale in grado di fornire una protezione efficace contro il virus COVID-19 è stato sviluppato dai ricercatori dell’Università di Birmingham, utilizzando materiali già autorizzati per l’uso negli esseri umani.

Un team dell’Healthcare Technologies Institute dell’Università ha formulato lo spray utilizzando composti già ampiamente approvati dagli organismi di regolamentazione nel Regno Unito, in Europa e negli Stati Uniti. I composti sono già ampiamente utilizzati in dispositivi medici, medicinali e persino prodotti alimentari.

- Advertisement -

Ciò significa che le normali procedure complesse per portare un nuovo prodotto sul mercato sono notevolmente semplificate, quindi lo spray potrebbe essere disponibile in commercio molto rapidamente.

Uno studio di pre-stampa (non ancora sottoposto a revisione paritaria) descrive esperimenti di colture cellulari progettati per testare la capacità della soluzione di inibire l’infezione. I ricercatori hanno scoperto che le colture di virus cellulari hanno inibito l’infezione fino a 48 ore dopo essere state trattate con la soluzione e diluite molte volte.

Vedi anche:COVID 19: candidato vaccino di “origine vegetale verso la sperimentazione di fase 2/3

Lo spray è composto da due polimeri polisaccaridi. Il primo, un agente antivirale chiamato carragenina, è comunemente usato negli alimenti come addensante, mentre il secondo una soluzione chiamata gellano, è stata selezionata per la sua capacità di aderire alle cellule all’interno del naso.

- Advertisement -

Il gellano, è un componente importante perché ha la capacità di essere spruzzato in goccioline fini all’interno della cavità nasale, dove può coprire la superficie in modo uniforme, e rimanere nel sito di parto, piuttosto che scivolare verso il basso e fuori dal naso.

L’autore principale dell’articolo, il Dottor Richard Moakes, ha dichiarato: “Questo spray è realizzato con prodotti prontamente disponibili che sono già utilizzati in prodotti alimentari e medicinali e abbiamo appositamente integrato queste condizioni nel nostro processo di progettazione. Significa che potremmo avviare la produzione di massa entro poche settimane”.

Lo studio è stato pubblicato prima della peer review su BioRxiv.

Lo spray funziona in due modi principali. In primo luogo, cattura e ricopre il virus all’interno del naso, da dove può essere eliminato attraverso le vie usuali: soffiando il naso o deglutendo. In secondo luogo, poiché il virus è incapsulato nel rivestimento viscoso dello spray, gli viene impedito di essere assorbito dal corpo. Ciò significa che ridurrà la carica virale nel corpo, ma anche se le particelle virali vengono trasmesse a un’altra persona tramite uno starnuto o la tosse, è meno probabile che quella persona venga infettata da particelle virali attive.

Il coautore dello studio, il Professor Liam Grover, afferma: “Sebbene i nostri nasi filtrino migliaia di litri di aria ogni giorno, non c’è molta protezione dalle infezioni e la maggior parte dei virus presenti nell’aria viene trasmessa attraverso il passaggio nasale. Lo spray che abbiamo formulato fornisce quella protezione, ma può anche impedire la trasmissione del virus da persona a persona”.

Il team ritiene che lo spray potrebbe essere particolarmente utile nelle aree in cui l’affollamento è meno evitabile, come gli aeroplani o le aule. L‘applicazione regolare dello spray potrebbe ridurre significativamente la trasmissione della malattia.

“Prodotti come questi non sostituiscono le misure esistenti come indossare maschere e lavarsi le mani, che continueranno ad essere vitali per prevenire la diffusione del virus”, aggiunge il Dottor Moakes. “Ciò che questo spray farà, tuttavia, è aggiungere un secondo livello di protezione per prevenire e rallentare la trasmissione dei virus “.

Lo studio è stato pubblicato prima della peer review su BioRxiv.

Fonte:BioRxv

ULTIMI ARTICOLI

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...