Malattia dell’occhio secco e diabete

diabete

Il diabete è una condizione debilitante che potrebbe raggiungere proporzioni epidemiche nei prossimi 20 anni. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, 108 milioni di persone in tutto il mondo hanno avuto il diabete nel 1980; entro il 2014 quella cifra era di possono2m. Tre anni dopo, nel 2017, 425 milioni di persone in tutto il mondo vivevano con questa malattia e questa cifra dovrebbe superare gli impressionanti 629 milioni entro il 2045 

Esistono due tipi di diabete: le persone con itipo 1 non sono in grado di produrre l’insulina ormonale (dal pancreas ) che è coinvolta nel controllo dei livelli di zucchero nel sangue. Le persone con diabete di tipo 2 non producono abbastanza insulina o il loro corpo è resistente ad essa. Di conseguenza, entrambi i tipi possono portare a livelli elevati di zucchero nel sangue, che aumentano il rischio di complicanze del diabete.

Una delle complicanze è la malattia retinica ( retinopatia ), una delle principali cause di cecità nelle persone in età lavorativa nei paesi sviluppati. Livelli di zucchero nel sangue costantemente alti, possono danneggiare i vasi sanguigni. Ciò significa che il flusso di sangue può essere impedito o bloccato e quando ciò accade nei vasi sanguigni che servono l’occhio, la retina non può funzionare correttamente, portando a problemi di vista.

Questa ultima ricerca rivela che la malattia dell’occhio secco, un’altra condizione per gli occhi che riceve molto meno attenzione, dovrebbe causare preoccupazione per tutte le persone con diabete – specialmente quelle con tipo 2 – quando si tratta di peggiorare la vista.

Le persone con diabete hanno maggiori probabilità di soffrire della malattia dell’occhio secco, ma questa condizione è spesso trascurata durante le valutazioni oftalmiche diabetiche che si concentrano sullo screening della malattia retinica.

Vedi anche, Diabete di tipo 2, dieta vegetale migliora la secrezione di insulina e incretina.

La malattia dell’occhio secco colpisce circa il 15%-30% di pazienti con età superiore a 50 anniAnche se “l’occhio secco” suona come una condizione relativamente innocua, i sintomi possono essere molto dolorositra cui visione offuscata, dolore, bruciore, prurito, irritabilità, secchezza, ulcere corneali e, in casi gravi, cecità. E poiché la buona visione è così intrinsecamente legata alla nostra vita quotidiana, la malattia dell’occhio secco può influenzare la capacità delle persone di guidare, leggere, guardare la TV e utilizzare smartphone e computer.

Nonostante ciò, la malattia dell’occhio secco non viene valutata di routine nelle persone con diabete perché il monitoraggio della malattia retinica è considerato una preoccupazione più pressante e quindi l’occhio secco spesso non viene trattato. Ad aggravare il problema, c’è stata poca ricerca sugli effetti di questa malattia associata al diabete, sulla qualità della vita dei pazienti.

‘Abbiamo studiato le persone con diabete rispetto a quelle senza per scoprire quante persone avevano sintomi dell’occhio secco e per valutare quanto fossero gravi, dice Suzanne Hagan, della Glasgow Caledonian University. ‘Sebbene siano stati condotti studi sulla diffusione della malattia nel diabete, il nostro studio è il primo a valutare l’impatto della malattia dell’occhio secco sulla qualità della vita  di questi pazienti.

Il nostro studio ha dimostrato che la malattia dell’occhio secco è due volte più comune nel diabete di tipo 2 (il tipo che costituisce il 90% di tutti i casi di diabete) rispetto al tipo 1. Usando i questionari che chiedevano ai pazienti se avevano sintomi di secchezza oculare, abbiamo scoperto che il 55 % delle persone con diabete di tipo 2 aveva la malattia dell’occhio secco, rispetto al 27% di quelli con tipo 1 e il 29% delle persone che non avevano il diabete.

Questi risultati mostrano, per la prima volta, che il diabete compromette considerevolmente la qualità della vita dei pazienti e che l’occhio secco è una condizione oculistica clinica significativa per le persone con diabete (in particolare nel tipo 2). E poiché la malattia è dominante nel diabete di tipo 2, aggiungere una valutazione clinica allo screening retinico potrebbe essere utile per le persone con questa condizione.

Uno studio recente ha mostrato un forte legame anche tra depressione e sintomi dell’occhio secco. 

Fonte, Medicalxpress


Altri articoli su diabete