HomeSaluteLupus e degenerazione maculare: trovato collegamento

Lupus e degenerazione maculare: trovato collegamento

I ricercatori della School of Medicine dell’Università della Virginia hanno fatto una scoperta che collega il lupus, una malattia autoimmune potenzialmente debilitante e la degenerazione maculare, una delle principali cause di cecità.

Gli scienziati hanno scoperto che le due malattie condividono un contributo comune all’infiammazione dannosa. Le intuizioni potrebbero consentire ai ricercatori di sviluppare nuovi trattamenti per queste malattie e altre condizioni guidate dalla fonte di infiammazione appena scoperta.

“Siamo rimasti piuttosto sorpresi dal legame comune tra lupus e degenerazione maculare“, ha affermato Jayakrishna Ambati, MD, del Dipartimento di oftalmologia dell’UVA e Direttore fondatore del Centro per la scienza avanzata della vista dell’UVA. “Sembra che il nuovo percorso infiammatorio che abbiamo identificato potrebbe essere mirato terapeuticamente per molte malattie croniche”.

- Advertisement -

Degenerazione maculare e lupus

Ambati e i suoi collaboratori hanno scoperto un ruolo sconosciuto di un inflammasoma, un agente del sistema immunitario, chiamato NLRC4-NLRP3. Gli inflammasomi svolgono un ruolo importante nello schierare le difese del corpo per proteggerlo da invasori come virus e batteri.

i ricercatori UVA hanno scoperto che nel lupus e nella degenerazione maculare atrofica, tuttavia, sembra che NLRC4-NLRP3 contribuisca all’infiammazione dannosaNel lupus, aiuta a guidare la risposta immunitaria iperattiva che porta a sintomi come dolori articolari, eruzioni cutanee, febbre e altro. Nella degenerazione maculare, nel frattempo, NRC4-NLRP3 sembra contribuire all’infiammazione che distrugge le cellule vitali sensibili alla luce nella retina dell’occhio.

Il nuovo lavoro di Ambati aiuta a spiegare perché. L’inflammasoma viene messo in azione da una classe speciale di materiale genetico chiamato “RNA a elementi nucleari brevi intercalati” o RNA SINE. Questo tipo di RNA costituisce oltre il 10% dei nostri genomi e si attiva in risposta a stress cellulari come infezioni, danni genetici e invecchiamento. L’infiammazione risultante causata dagli RNA SINE può essere dannosa in molte malattie croniche.

- Advertisement -

Vedi anche:Come la genetica del lupus si interseca con COVID-19

Ambati ha scoperto che gli RNA SINE sono elevati sia nella degenerazione maculare che nel lupus. Oltre a scoprire il ruolo dell’RNA SINE nelle due malattie, Ambati e i suoi colleghi hanno identificato un recettore sconosciuto per gli RNA SINE chiamato DDX17. Gli scienziati stanno cercando questo recettore da decenni e la nuova scoperta li aiuta a comprendere meglio il processo che porta all’infiammazione dannosa.

“Questi risultati indicano che bloccare un singolo inflammasoma potrebbe non essere sufficiente e che prendere di mira sia gli inflammasomi NLRC4 che NLRP3 sarebbe una strategia superiore”, ha affermato Ambati.

Utilizzando queste nuove informazioni, gli scienziati potrebbero essere in grado di individuare la fonte dell’infiammazione dannosa nel lupus, nella degenerazione maculare e in altre malattie causate dagli RNA SINE. “Ciò potrebbe portare a nuovi trattamenti a beneficio dei pazienti”, affermano i ricercatori UVA.

“Siamo entusiasti di aver sviluppato farmaci chiamati Kamuvudines che bloccano questo doppio inflammasoma, che prevediamo saranno negli studi clinici il prossimo anno“, ha detto Ambati.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica Science Immunology.

Fonte: Science Immunology

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...