L’olio da cucina riutilizzato favorisce la progressione del cancro al seno

cancro,olio


Un nuovo studio condotto su topi suggerisce che consumare i composti chimici presenti nell’olio di cottura abusato termicamente può innescare cambiamenti genetici che promuovono la progressione del cancro al seno in stadio avanzato.

L’olio di cottura per friggere abusato termicamente che è stato ripetutamente riscaldato ad alte temperature può agire come innesco tossicologico che promuove la proliferazione delle cellule tumorali, metastasi e cambiamenti nel metabolismo dei lipidi, secondo gli   scienziati dell’Università dell’Illinois.

I ricercatori hanno riportato i loro risultati sulla rivista Cancer Prevention Research.

Dopo aver consumato una dieta a basso contenuto di grassi per una settimana, un gruppo di topi è stato alimentato con olio di soia fresco non riscaldato, mentre un altro gruppo ha consumato olio con abusi termici per le successive 16 settimane. L’olio di soia è stato utilizzato nello studio a causa del suo uso comune nel settore della ristorazione, nella frittura.

Vedi anche, L’ enzima USP15 può avere un ruolo nel trattamento del cancro al seno e al pancreas.

Gli scienziati hanno simulato il carcinoma mammario in stadio avanzato iniettando cellule di cancro al seno 4T1 in una tibia di ciascun topo. Le cellule 4T1 sono una forma aggressiva della malattia che può spontaneamente metastatizzare in più siti distanti nel corpo, inclusi i polmoni, il fegato e i linfonodi, secondo lo studio.

Venti giorni dopo l’inoculazione con le cellule tumorali, i tumori primari nelle tibie dei topi che hanno consumato l’olio sottoposto a trattamento termico hanno avuto una crescita metastatica quattro volte superiore rispetto ai topi che hanno consumato l’olio di soia fresco. E quando i ricercatori hanno esaminato i polmoni degli animali, hanno trovato più metastasi tra quelli che hanno consumato l’olio abusato termicamente.

“Nei polmoni era presente il  doppio dei tumori ed erano più aggressivi e invasivi“, ha detto William G. Helferich, Professore di scienze alimentari e nutrizione umana, che ha guidato la ricerca.

“Immaginavo che questi noduli nei polmoni fossero dei piccoli cloni, ma non lo erano: avevano subito una trasformazione per diventare più aggressivi. Le metastasi nei polmoni del gruppo di topi che hanno consumato olio fresco, anche se presenti, non erano invasive o aggressive e la proliferazione non era così ampia “, ha detto Helferich.

Nell’esaminare entrambi i gruppi di topi, gli scienziati hanno scoperto che i tumori metastatici dei polmoni dei topi che hanno consumato olio per frittura abusato termicamente esprimevano significativamente più di una proteina chiave, la Ki-67, che è strettamente associata alla proliferazione cellulare.

Anche l’espressione genica nel fegato di questi animali era alterata. Quando i ricercatori hanno condotto l’analisi del sequenziamento dell’RNA, hanno trovato 455 geni la cui espressione era almeno due volte maggiore rispetto ai topi che consumavano l’olio fresco.

“I percorsi alterati del gene erano associati allo stress ossidativo e al metabolismo di sostanze estranee”, ha detto Oyirifi.

Quando l’olio viene riutilizzato ripetutamente, i trigliceridi vengono distrutti, ossidando gli acidi grassi liberi e rilasciando l’acroleina, una sostanza chimica tossica che ha proprietà cancerogene.

Gli scienziati sanno da tempo che l’olio usato ripetutamente contiene acroleina e diversi  studi hanno collegato i perossidi lipidici in esso con una varietà di problemi di salute, tra cui l’aterosclerosi e le malattie cardiache.

“Mentre l’olio si degrada, anche le molecole polimeriche si accumulano, sollevando preoccupazioni nutrizionali e tossicologiche”, ha detto Engeseth

Ha detto Engeseth, “La cosa importante è che il cibo fritto assorbe un bel po’ di olio e anche se non consumiamo direttamente l’olio abusato termicamente, lo assumiamo mediante il cibo fritto”.

“La più grande paura dei sopravvissuti al cancro al seno è la recidiva e la maggior parte di questi sopravvissuti ha cellule tumorali dormienti circolanti nel sangue”, ha aggiunto il ricercatore. “Ciò che sveglia quelle cellule dormienti sono convinto che può anche essere la dieta che le attiva creando un ambiente in diversi tessuti che è più fertile per esse”, ha detto Engeseth.

“Molti biologi oncologici stanno cercando di capire cosa succede nei siti metastatici per innescare la crescita del tumore“, ha detto Oyirifi. “Stiamo cercando di aiutare le persone a capire che potrebbe non essere solo un meccanismo biologico intrinseco, ma un fattore di stile di vita“.

Fonte, Cancer Prevention Research (2019)


Altri articoli su cancro, olio