L’enzima USP15 può avere un ruolo nel trattamento del cancro al seno e al pancreas

cancro del pancreas

 Immagine, le cellule T killer circondano una cellula cancerosa. Credito: NIH.

I ricercatori del Cancer Center della George Washington University (GW) hanno scoperto che l‘enzima USP15 potrebbe potenzialmente portare a nuovi trattamenti per il cancro al seno e al pancreas.

La scoperta è stata pubblicata su Nature Communications.

“Con questo studio, convalidiamo il ruolo di USP15 nel mantenimento della stabilità del genoma e soppressione del tumore“, ha detto Huadong Pei, Assistente Professore di biochimica e medicina molecolare presso la GW School of Medicine and Health Sciences e autore senior sullo studio. “Con una ricerca coerente e progressi degli attuali studi, acquisiremo una comprensione più forte e una visione più completa delle funzioni di USP15 nel cancro e nelle future strategie di trattamento”.

Vedi anche, Importanti intuizioni su come il cancro al pancreas si sviluppa e si diffonde, sfidano le teorie correnti.

Il Cancer Genome Atlas indica che le delezioni degli enzimi USP15 si verificano nel 16% dei tumori al seno e nel 5% dei tumori pancreatici. Gli studi hanno dimostrato che le mutazioni USP15 associate al cancro aumentano la sensibilità degli inibitori della poli-ribosio polimerasi ADP (PARP) nelle cellule tumorali.

Gli inibitori di PARP sono una nuova classe di inibitori farmacologici sviluppati per molteplici scopi, ma principalmente per il trattamento del cancro. Hanno raccolto una grande attenzione per il loro potenziale nella gestione dei pazienti con mutazioni BRCA.

Pei e il suo gruppo di ricerca hanno scoperto che USP15 regola la ricombinazione omologa – una delle vie principali per riparare il danno del DNA che interessa i filamenti della doppia elica e la risposta delle cellule tumorali agli inibitori di PARP.

USP15 fa parte di un gruppo di enzimi deubiquitinanti, responsabili della rimozione delle catene di ubiquitina da proteine ​​e altre molecole, che svolgono ruoli importanti nel mantenimento della stabilità del genoma. Sulla base delle loro ricerche, Pei e il suo team ritengono che USP15 possa funzionare in modo simile all’enzima USP4, che svolge un ruolo nella riparazione del DNA come scoperto dal gruppo di Pei quattro anni fa.

“USP15 è un potenziale biomarker per i trattamenti del cancro del pancreas, così come i tumori al seno e alle ovaie“, ha spiegato Yihan Peng, un dottorando nel laboratorio di Pei e primo autore dello studio.

Come passo successivo, i ricercatori utilizzeranno modelli di innesto tissutale derivati ​​dal paziente per esaminare l’impatto dell’enzima USP15 sulla risposta alla radiochemioterapia. Inoltre, eseguiranno screening ad alto rendimento per inibitori USP15.

Fonte, Nature

Altri articoli su cancro del pancreas