HomeMedicina AlternativaLo zenzero tropicale blocca l'infiammazione

Lo zenzero tropicale blocca l’infiammazione

(Zenzero Alpinia-Immagine Credit Public Domain).

Molti composti naturali hanno varie proprietà anti-infiammatorie e altre proprietà benefiche che gli esseri umani utilizzano per scopi medicinali da centinaia di anni. Tuttavia, i meccanismi molecolari specifici alla base di questi effetti di promozione della salute non sono sempre chiari. Uno di questi composti è l’acetato di 1′-acetossiavicolo, o ACA, che proviene dalla pianta tropicale dello zenzero Alpinia. Ora, i ricercatori del Nara Institute of Science and Technology (NAIST) hanno compreso come l’ACA può aiutare nel trattamento delle malattie infiammatorie.

In un rapporto pubblicato su International Immunology, i ricercatori hanno scoperto che l’ACA attenua il danno mitocondriale attraverso la diminuzione delle specie reattive dell’ossigeno mitocondriale (ROS), bloccando l’attivazione di un complesso proteico cruciale noto come la famiglia del recettore del dominio dell’oligomerizzazione che lega i nucleotidi, la proteina contenente il dominio della pirina 3. (NLRP3) inflammasoma. Molte malattie infiammatorie, come la malattia infiammatoria intestinale, mostrano un’attivazione impropria e cronica di questo complesso.

- Advertisement -

Vedi anche:Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

Lavori precedenti hanno suggerito che l’inflammasoma NLRP3 svolge un ruolo significativo nel promuovere l’infiammazione secernendo una molecola chiamata IL-1β. Questo agisce come un messaggero che recluta varie cellule immunitarie nel sito di lesione o infezione. Ulteriori studi hanno descritto come la produzione di ROS può aiutare a innescare l’attivazione dell’inflammasoma NLRP3. Poiché altri gruppi hanno dimostrato che l’ACA può ridurre la produzione di ROS in alcune cellule immunitarie, i ricercatori NAIST hanno cercato di capire l’impatto di questo composto sull’inflammasoma NLRP3 e sulle sue funzioni.

“Molte patogenesi della malattia comportano la disregolazione dell’inflammasoma“, afferma Daisuke Ori, co-autore principale dello studio. “Le cellule del sangue di persone affette da artrite reumatoide o altri disturbi autoimmuni hanno spesso livelli aumentati di IL-1β derivato dall’inflammasoma. Pertanto, prendere di mira l’inflammasoma NLRP3 con un composto come ACA può essere una strategia terapeutica promettente“.Astratto grafico

I ricercatori hanno coltivato cellule immunitarie derivate dal midollo osseo di topo e hanno utilizzato anche un modello murino di colite. ACA è stato aggiunto alle cellule in crescita e ai topi vivi è stato somministrato il composto nel loro cibo. I ricercatori hanno quindi esaminato gli effetti sulla produzione di ROS, sulla secrezione di IL-1β e su altri marcatori di infiammazione.

- Advertisement -

Le cellule trattate con ACA avevano una produzione di IL-1β significativamente ridotta, così come livelli più bassi di ROS“, spiega Taro Kawai, autore senior. “L’ACA potrebbe anche inibire l’attivazione dell’inflammasoma NLRP3 nel modello murino di colite”. Questi risultati in vivo sono promettenti, poiché suggeriscono che l’ACA ha il potenziale per trattare o prevenire lo sviluppo di malattie infiammatorie. “È interessante notare che non abbiamo osservato alti livelli di morte delle cellule immunitarie durante l’utilizzo di ACA, il che significa che potrebbe essere relativamente sicuro“, continua Ori.

Questo lavoro fornisce nuove prove per uno specifico meccanismo molecolare che governa le proprietà antinfiammatorie precedentemente osservate dell’ACA. Inoltre, evidenzia il potenziale dell’ACA per l’uso terapeutico nelle malattie mediate dalle molecole di IL-1β o associate al verificarsi di tempeste di citochine, come si è visto nei pazienti affetti da COVID-19 grave.

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...