Home Salute Ossa e muscoli Le persone che soffrono di artrite reumatoide hanno un alto rischio di...

Le persone che soffrono di artrite reumatoide hanno un alto rischio di trombosi

Le persone che soffrono di artrite reumatoide con aumento dell’attività della malattia sono più spesso colpite da trombosi.

Un recente studio svedese è giunto al risultato che tra i pazienti con alta attività patologica, uno su cento svilupperà tromboembolia venosa entro un anno, un aumento di oltre due volte rispetto ai pazienti in remissione. I dati del registro tedesco RABBIT1 pubblicato dalla Lega europea contro il reumatismo (EULAR) mostrano che questo aumento del rischio di trombosi può essere ridotto mediante il trattamento con farmaci antireutmatici (bDMARD). Questa è un’informazione importante, specialmente in questo momento durante la pandemia di COVID-19, poiché anche la trombosi e l’embolia polmonare svolgono un ruolo importante nell’infezione da COVID-19. La vigilanza per la trombosi durante il trattamento di persone con artrite è particolarmente raccomandata. Inoltre, è fondamentale mantenere le terapie per tenere sotto controllo l’attività della malattia.

La trombosi è un problema medico significativo. Nel caso di tromboembolia venosa (TEV), la coagulazione si verifica all’interno di un vaso sanguigno e può influenzare il flusso sanguigno. La diagnosi e il trattamento rapidi sono importanti in quanto la trombosi venosa profonda non trattata (TVP) nella gamba può portare a embolia polmonare potenzialmente pericolosa per la vita: parti del trombo si staccano ed entrano in un vaso polmonare attraverso il flusso sanguigno. Nel 30% dei casi, i pazienti muoiono entro 30 giorni dalla diagnosi di trombosi venosa profonda nella gamba o embolia polmonare.

- Advertisement -

A causa dell’infiammazione cronica nei pazienti che soffrono di artrite reumatoide, il rischio di trombosi venosa profonda e trombosi polmonare è due o tre volte più elevato. “Nel caso di malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide (RA), il sistema immunitario attacca il corpo e provoca infiammazione in diversi punti. L’infiammazione può avere un effetto dirompente sulla coagulazione“, spiega il Prof. Iain B. McInnes dell’Università di Glasgow, Regno Unito. Nelle persone che soffrono di artrite reumatoide, il rischio di trombosi deve essere sempre preso in considerazione.

I fattori che promuovono la trombosi nei pazienti che soffrono di artrite reumatoide e i farmaci che potenzialmente riducono il rischio sono stati ora esaminati in due studi attuali. Un paziente su cento con AR che ha aumentata attività della malattia soffrirà di trombosi Uno studio di coorte svedese ha cercato di trovare una risposta alla domanda se il grado di attività della malattia abbia un impatto sul rischio di trombosi. Il team di Viktor Molander, dottorando presso il Karolinska Institutet di Stoccolma, ha analizzato i dati di 46.311 pazienti affetti da AR prelevati dal registro svedese di qualità reumatologica (SRQ) per un periodo di 12 anni. Per la misurazione dell’attività della malattia è stato utilizzato il “punteggio dell’attività della malattia 28” (DAS28). Il DAS28 valuta l’attività dell’artrite reumatoide in base alla valutazione di 28 articolazioni definite. Lo studio indica una stretta connessione tra l’attività clinica della malattia di AR misurata dalla DAS28 e il rischio di TEV: Molander è giunto al risultato che “tra i pazienti con attività patologica elevata, uno su cento svilupperà TEV entro l’anno successivo, un aumento più del doppio rispetto ai pazienti in remissione“.

Controlli regolari da un reumatologo possono essere scomodi. “Tuttavia, è importante monitorare lo sviluppo della condizione e se il trattamento deve essere adeguato di conseguenza”, dice il  Dr. John Isaacs, Prof. dell’Università di Newcastle, Regno Unito.

Vedi anche: Nuovi pezzi aggiunti al puzzle molecolare dell’artrite reumatoide

- Advertisement -

I farmaci biologici possono ridurre il rischio di trombosi

Il rischio di trombosi è anche influenzato dai farmaci usati nei casi di artrite reumatoide. I farmaci antireumatici convenzionali modificanti la malattia (csDMARD) come Metotrexato, Sulfasalazina e Leflunomide fanno parte del trattamento di base dell’AR. Un passo successivo sono i biologici (bDMARD), che includono anche inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) come Adalimumab, Certolizumab Pegol, Etanercept, Golimumab e Infliximab. La questione se il rischio di trombosi è ridotto dall’applicazione di bDMARD come inibitori del TNF rispetto ai csDMARD è stata affrontata in uno studio scientifico di cui l’autore principale è il Dr. Martin Schäfer del programma di epidemiologia presso il Centro di ricerca sul reumatismo tedesco di Berlino. A tale scopo, il team ha analizzato i dati di oltre 11.000 pazienti RA nel registro tedesco RABBIT1, che sono stati trattati con csDMARD o il cui trattamento è passato a bDMARD. Il risultato: “Mediante il trattamento con inibitori del TNF, il rischio di eventi di TEV è ridotto di quasi la metà rispetto ai csDMARD“, spiega Schäfer. Secondo i dati, un aumento dell’attività infiammatoria era anche associato a un aumento significativo del rischio di TEV. “Per i pazienti con un aumentato rischio di trombosi, dovrebbe essere preso in considerazione un trattamento alternativo con inibitori del TNF e possibilmente altri farmaci biologici invece del trattamento standard csDMARD“, conclude PD Dr. med. Anja Strangfeld, responsabile dello studio presso il registro RABBIT di Berlino e coautrice dello studio. “Ridurre l’attività infiammatoria è anche un fattore importante per ridurre il rischio di TEV”.

ULTIMI ARTICOLI

Mieloma multiplo: una famiglia di tumori simili

Mieloma multiplo-Immagine:Credito: Sandro Rybak per Nature. Negli ultimi anni è diventato sempre più chiaro che il mieloma multiplo non è una condizione, ma una famiglia...

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain. L'influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall'inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che...

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain. Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l'ingresso virale...

Alzheimer: “fuoco amico” nel cervello provoca la malattia?

Immagine: le microglia si raggruppano attorno alle placche in un modello murino di malattia di Alzheimer. Credito: Neher Lab / DZNE / HIH. Gli scienziati vogliono...

Un nuovo approccio radicale alla depressione

Depressione-Immagine:scansioni di imaging a risonanza magnetica del cervello umano. Credito: Simon Fraser / SPL / Getty. La depressione colpisce una persona su quattro in un momento...